"Quando David Fitzgerald, professore di un liceo di Brooklyn, sventa un attentato terroristico contro uno scuolabus e salva una studentessa, la sua vita cambia di colpo: i media ne fanno un eroe nazionale, il Presidente parla di lui, i talk show televisivi se lo contendono, giornalisti e fotografi gli danno la caccia. Ma la svolta si nasconde dietro l'angolo. La polizia diffonde la notizia che lo stesso David è sospettato per il fallito attentato, organizzato in realtà da un gruppo islamico di cui fa parte anche il fratello di Elizabeth Hamdy, una studentessa palestinese; di colpo tutto si trasforma. L'eroe del momento diventa il mostro. Non gli resta che tentare il tutto per tutto per recuperare quanto ha perduto."


Un romanzo che ho apprezzato, scritto in modo molto scorrevole e la cui storia è abbastanza avvincente. Credo che l'intenzione dell'autore fosse quella di far riflettere sulla capacità dei media di creare un personaggio e demolirlo una volta passato "di moda", e sull'influenzabilità delle persone.

Voto: 7/10