Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

il-conto-dell'ultima-cena

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Pinketts, Andrea G. - Il conto dell'ultima cena

  1. #1

    Predefinito Pinketts, Andrea G. - Il conto dell'ultima cena

    In questo romanzo di Andrea G.Pinketts ritroviamo Lazzaro Santandrea, alter ego dell'autore, e il suo seguito di personaggi. Il protagonista (trentatreenne folgorato dalla constatazione che tutti i giusti, da Gesù Cristo a John Belushi, sono morti alla sua età) è un profano che lotta contro il sacro pur subendone il fascino. Un giorno gli appare la Madonna, il che lo stupisce molto, perchè di solito la Signora si presenta alle pastorelle ignoranti. Da questo incontro nasce una serie di eventi tra il tragico e il grottesco che conducono Lazzaro a rendersi conto che l'Apparizione è tutt'altro che un buon segno. In una fine secolo che ha bisogno di valori, forse perfino di apparizioni vere e false, Lazzaro, pur non essendo uno stinco di santo, si trova a fronteggiare baci di Giuda, personalissime vie crucis, miracoli, efferati delitti. In pratica, se è vero che Gesù Cristo morendo ha pagato per tutti noi, Lazzaro si chiede chi alla fine dell'Ultima Cena abbia dimenticato di pagare il conto. Fra i tanti miracoli veri e falsi raccontati in questa storia, l'unico certo è il talento di Pinketts, che si è imposto all'attenzione con la sua creatività irresistibile, le sue metafore imprevedibili, i giochi di parole sofisticati, i personaggi bizzarri, nani, giganti, orchi e principesse, sempre usate per insistere su quanto sia sottile la linea di confine tra metafora e realtà. Queste pagine che si svolgono in un fuoco d'artificio di idee, di trovate, di virtuosismi, di humour, di ironia, di paradossi, in azioni sempre fuori di qualsiasi logica, da qualsiasi legge di tempo e di spazio, fanno di lui un vero scrittore postmoderno. Non c'è dubbio che Andrea G.Pinketts sia capace di dominare la prosa in un poliedrico gioco di tecniche. E, se me lo permettete, secondo me è un grande scrittore e siamo in molti a sperare che ci dia altri libri densi della sua vitalità, della sua immaginazione, della sua creatività.

    Fernanda Pivano



    Forse un po' troppo dispersivo, in certi tratti anche noioso...ho dovuto abbandonarlo un ppaio di volte, insomma prendermi una pausa! Lo stesso però l'ho trovato un bel libro in alcuni tratti scorrevolissimo e particolarmente coinvolgente. Le ultime 10 pagine sono sicuramente le migliori, e non solo perche sono le ultime insomma un bel finale!


    Come ho già fatto per L'assenza dell'assenzio riporto anche qui la poesia iniziale:

    E mangi mangi tutti
    e mangi mangi tutto,
    la pancia piena in festa
    allegra spara un rutto.

    E mangi mangi ancora
    la fetta della torta,
    se poi era di un altro
    a te che te ne importa.

    E mangi mangi sempre,
    divori anche la foglia
    e mordi con mordente
    persino controvoglia.

    E quando il piatto è vuoto
    ti mangi pure quello,
    ti mangi le posate
    ma, "toh, non c'è il coltello".

    Dove sarà sparito?
    Ti serve per l'arancia
    e poi improvvisamente
    te l'han ficcato in pancia.

    Barcolli sanguinante,
    adesso arriva il conto,
    qualcuno con più fame
    te lo consegna pronto.

    Si paga con il sangue
    ma ne varrà la pena
    pagare caro il conto
    di quest'ultima cena?

    Poi cadi e resti fermo
    come uno stoccafisso
    poteva andarti peggio
    finire crocefisso!

    E muori e gridi Dio
    perchè m'abbandonasti?
    O forse è solo vero
    che fai pagare i pasti.

    Anch'io ti rispettavo,
    anch'io ero tuo figlio
    ma poi fatto il leone
    qui muoio da coniglio.

    E mentre stai schiattando
    e Dio non ti da retta
    qualcuno al suo coltello
    aggiunge una forchetta.

    Implori come un servo
    tu ti credevi un re,
    tu che hai mangiato tanto
    adesso mangian te.
    Ultima modifica di zaratia; 02-13-2009 alle 10:57 AM.

  2. #2
    foolish member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Località
    provincia di udine
    Messaggi
    272
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Questo libro mi è piaciuto un sacco. Adoro Pinketts anche se mi sono sempre chiesta come una persona così antipatica possa scrivere così bene!
    ....avessi anche io il senso della frase che ha lui....

  3. #3
    Señora Memebr
    Data registrazione
    Jan 2011
    Località
    Viterbo
    Messaggi
    2218
    Inserimenti nel blog
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Di Pinketts ho letto quasi tutto, questo libro è stato il primo e penso che sia anche il migliore tra quelli che conosco.
    Andrea Pinketts è come i suoi libri, affascinante e scalcagnato, arguto e sconclusionato... e poi mica ti dice tutto: ma insomma, si può sapere chi cavolo ha pagato il conto dell'Ultima Cena?

Discussioni simili

  1. Pinketts, Andrea G.
    Da Poirot nel forum Autori
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 09-28-2011, 04:40 PM
  2. Pinketts, Andrea G. - L'assenza dell'assenzio
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 12-19-2008, 11:11 AM
  3. Pinketts, Andrea G. - Il dente del pregiudizio
    Da non_so_dove_volare nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-17-2008, 05:18 PM
  4. Goldreich, Gloria - A cena con Anna Karenina
    Da plutone17 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 11-13-2007, 12:24 PM
  5. Pinketts, Andrea G. - Il senso della frase
    Da sempreverde nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 10-14-2007, 05:12 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •