Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Godel, Escher, Bach. Un'eterna ghirlanda brillante

Mostra risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Hofstadter, Douglas R. - Godel, Escher, Bach. Un'eterna ghirlanda brillante

  1. #1
    Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Ponzano Veneto (TV)
    Messaggi
    35
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Hofstadter, Douglas R. - Godel, Escher, Bach. Un'eterna ghirlanda brillante

    Nel 1931, un giovane logico austriaco, Kurt Godel, dimostrò due teoremi (detti Teoremi di Incompletezza) che scossero il mondo matematico del tempo e che ancora oggi forniscono materia di riflessione non solo ai logici e ai filosofi ma anche a biologi ed esperti di sistemi complessi.
    Semplificando, il Primo Teorema di Incompletezza afferma che in matematica esistono delle proposizioni vere che non possono essere dimostrate mentre il Secondo dice che la matematica non può dimostrare la propria coerenza.
    Douglas Hofstadter si propone in questo libro di illustrare ai “profani” la dimostrazione di queste due perle della logica matematica, mostrando nel contempo come i concetti sottesi a tale prova si ritrovino, sotto altre spoglie, nell'arte di Escher, nella musica di Bach ma anche nell'organizzazione delle colonie di insetti, in molte strutture biologiche (come il cervello umano...), e cosí via.

    L'autore è forse il massimo esperto vivente di Intelligenza Artificiale ma la sua vastissima cultura gli ha consentito di scrivere un'opera che oltrepassa il genere letterario del saggio divulgativo per contaminarsi con la narrativa filosofica e fantastica. Un capolavoro assoluto che riesce a stupire e ad illuminare l'anima ogni volta che lo si sfoglia (io l'ho letto 2 volte per intero ma alcuni brani li ho riletti ben di più).
    Profondo, ricco, ben scritto: di certo è uno dei 3 più bei libri che abbia letto finora.

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19013
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    248
    Thanks Thanks Received 
    743
    Thanked in
    462 Posts

    Predefinito

    mi piace questo genere di libri, subito inserito nella lista dei desideri

  3. #3
    Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Ponzano Veneto (TV)
    Messaggi
    35
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Grande!
    Attenzione: come tutte le grandi opere d'arte è una lettura impegnativa, però riserva grandi soddisfazioni.

  4. #4
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19013
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    248
    Thanks Thanks Received 
    743
    Thanked in
    462 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Cozza Taddeo Vedi messaggio
    Grande!
    Attenzione: come tutte le grandi opere d'arte è una lettura impegnativa, però riserva grandi soddisfazioni.
    mi piacciono le letture impegnative, di solito ti danno strumenti per interpretare il mondo come le letture più leggere servono per viverlo meglio

  5. #5
    Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Ponzano Veneto (TV)
    Messaggi
    35
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    mi piacciono le letture impegnative, di solito ti danno strumenti per interpretare il mondo come le letture più leggere servono per viverlo meglio
    Saggia risposta.

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    un vero capolavoro un'opera densa,affascinante come pochi altri libri

  7. #7
    Junior Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    3
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ragazzi, dello stesso autore ci sono due libri magnifici: Anelli nell'io e La mente dell'io. Io ho cominciato a leggere da poco GEB e devo dire che è fantastico...amo la matematica soprattutto quando legata alla bellezza dell'arte, della musica e della logica. Al festival della matematica quì a Roma ho incontrato l'autore ma purtroppo ancora non conoscevo i suoi libri.

  8. #8
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Nazareno Vedi messaggio
    Ragazzi, dello stesso autore ci sono due libri magnifici: Anelli nell'io e La mente dell'io. Io ho cominciato a leggere da poco GEB e devo dire che è fantastico...amo la matematica soprattutto quando legata alla bellezza dell'arte, della musica e della logica. Al festival della matematica quì a Roma ho incontrato l'autore ma purtroppo ancora non conoscevo i suoi libri.
    Grande NAZARENO!! Sì questo libro è davvero meraviglioso, anch'io voglio assolutamente leggere altri libri di Hofdt.. qualcosa ... mamma mia però che nome impronunciabile.. è difficile anche da scrivere!!
    Perché dopo che li hai letti non scrivi una recensione qui sul forum?

  9. #9
    Junior Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    3
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Strani anelli

    Intanto posso presentarvi uno strano anello, fulcro iniziale dell'opera:

    L'enunciato che segue è falso.
    L'enunciato precedente è vero.

  10. #10
    Alfaheimr
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Erewhon
    Messaggi
    1585
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Nazareno Vedi messaggio
    Intanto posso presentarvi uno strano anello, fulcro iniziale dell'opera:

    L'enunciato che segue è falso.
    L'enunciato precedente è vero.
    A là Russell, insomma !

  11. #11
    da sudovest
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terra Lat. 41°54´N; Long. 12°29´E
    Messaggi
    1880
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito gli strani anelli dell'io

    Parlare di questo libro è complicatissimo. E’ un testo complesso e profondissimo, oltre che di spessore, più di 800 pagine, che propone una mole di spunti smisurata: ci si perde. Ma è un perdersi assolutamente sublime e stimolante.

    I muri portanti sono, come facilmente si evince dal titolo, tre personalità diversissime, Godel, Escher e Bach, accomunate però da un insidiosissimo (per la mente) filo conduttore: l’ autoreferenzialità. Godel con i suoi teoremi sull’incompletezza dei sistemi matematici formali e le implicazioni sottese in termini di indecidibilità, Escher con le sue opere che si chiudono su se stesse (clamorosa quella in cui due mani si disegnano a vicenda) Bach per le inversioni nascoste nelle sue fughe. Il tutto scendendo in technicalities di dettaglio spintissime, che peraltro non pregiudicano la lettura e la comprensione del senso generale del tutto, ma che mostrano una profondissima competenza dell’autore nei campi della matematica, dell’arte, della musica e della filosofia, fino a quella che è la sua specialità, il suo cavallo di battaglia: l’intelligenza artificiale.

    Oddio, per cultura e background personale, sono andato in relativa scioltezza (il testo richiede una lettura assai profonda, attenta e meditata) sulle questioni filosofiche, quelle matematiche e quelle artistiche, mentre su Bach ho fatto un po’ “a fidarmi” essendo più digiuno e meno avvezzo in materia. Forse qualche user che ne mastica può venire in aiuto sul tema della ricorsività in Bach.

    Ad ogni capitolo dei gustosissimi dialoghi tra Achille e la Tartaruga aprono il tema, introducono un po’ quel che si leggerà nel seguito. Cosa è l’intelligenza? Cosa la costituisce? Quali sono le sue strutture? Come agisce? Possiamo costruire macchine in grado di replicarla? Fino a che punto? Queste le domande chiave. L’autore non fornisce risposte, ma molte intuizioni geniali e soprattutto, in corso di ragionamento, un sacco di ottime domande che aprono spiragli sorprendenti.

    Banalizzando un bel po’, verrebbe da ricordare il giochino-filastrocca di quando eravamo bambini ricordate? Quello di due signori che si incontrano per via: “Dove vai? Al cinema. A vedere cosa? Quo vadis?. Che vuol dire? Dove vai? Al cinema, A vedere cosa? Etc… etc….

    Non si va da nessuna parte, verrebbe da dire, ci vuole un “qualcosa di esterno” per rompere l’anello, come l’incubo in cui sembrano precipitarci i quadri di Escher, o la matematica di Godel… (su Bach, come detto, mi taccio…). Un giochino carino e complesso insomma... Ma, osserva cartesianamente -e malignamente- Hofstadter:

    “ credo che la spiegazione dei fenomeni emergenti nel cervello, per esempio idee, speranze, immagini, analogie, e infine la coscienza e il libero arbitrio, sia basata su un qualche tipo di Strano Anello: un'interazione tra i livelli in cui il livello più alto torna indietro fino a raggiungere il livello più basso e lo influenza, mentre allo stesso tempo viene determinato da esso. (…) Il sé nasce nel momento in cui ha il potere di riflettere se stesso”

    A dire: l’ autoreferenzialità può riservare sorprese… E’ proprio qui che ci accompagna Hofstadter. Ad esplorare e scoprire quelli che lui chiama "gli strani anelli dell’io” ovvero quelle “eterne ghirlande brillanti” dove forse si nasconde l’apriti sesamo, la chiave di volta per comprendere la nostra capacità di “intelligere”.

    Una lettura complessa, appagante e bellissima. 10/10.
    Ultima modifica di Zefiro; 03-01-2010 alle 06:45 PM.

  12. #12
    Mathematician Member
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    698
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Lessi questo una decina di anni fa, l'estate successiva alla terza liceo. Ero più che altro interessato all'aspetto tecnico della dimostrazione dei teoremi di godel, ma rimasi affascinato da tutta quella parte di libro che cerca di legare tra loro argomenti tanto diversi, almeno in apparenza. inoltre il letore curioso può dedicare del tempo a tutti quei quesiti e giochetti mentali proposti dall'autore.

    credo che una menzione speciale la meriti il traduttore (o traduttrice, non ricordo...) di questo capolavoro; riuscire a rendere in italiano i molteplici giochi di parole presenti nel testo deve essere stata opera di grande difficoltà. penso solo alla frase finale...

  13. #13
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Messaggi
    139
    Inserimenti nel blog
    22
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Zefiro Vedi messaggio
    Parlare di questo libro è complicatissimo. E’ un testo complesso e profondissimo, oltre che di spessore, più di 800 pagine, che propone una mole di spunti smisurata: ci si perde. Ma è un perdersi assolutamente sublime e stimolante.

    I muri portanti sono, come facilmente si evince dal titolo, tre personalità diversissime, Godel, Escher e Bach, accomunate però da un insidiosissimo (per la mente) filo conduttore: l’ autoreferenzialità. Godel con i suoi teoremi sull’incompletezza dei sistemi matematici formali e le implicazioni sottese in termini di indecidibilità, Escher con le sue opere che si chiudono su se stesse (clamorosa quella in cui due mani si disegnano a vicenda) Bach per le inversioni nascoste nelle sue fughe. Il tutto scendendo in technicalities di dettaglio spintissime, che peraltro non pregiudicano la lettura e la comprensione del senso generale del tutto, ma che mostrano una profondissima competenza dell’autore nei campi della matematica, dell’arte, della musica e della filosofia, fino a quella che è la sua specialità, il suo cavallo di battaglia: l’intelligenza artificiale.

    Oddio, per cultura e background personale, sono andato in relativa scioltezza (il testo richiede una lettura assai profonda, attenta e meditata) sulle questioni filosofiche, quelle matematiche e quelle artistiche, mentre su Bach ho fatto un po’ “a fidarmi” essendo più digiuno e meno avvezzo in materia. Forse qualche user che ne mastica può venire in aiuto sul tema della ricorsività in Bach.

    Ad ogni capitolo dei gustosissimi dialoghi tra Achille e la Tartaruga aprono il tema, introducono un po’ quel che si leggerà nel seguito. Cosa è l’intelligenza? Cosa la costituisce? Quali sono le sue strutture? Come agisce? Possiamo costruire macchine in grado di replicarla? Fino a che punto? Queste le domande chiave. L’autore non fornisce risposte, ma molte intuizioni geniali e soprattutto, in corso di ragionamento, un sacco di ottime domande che aprono spiragli sorprendenti.

    Banalizzando un bel po’, verrebbe da ricordare il giochino-filastrocca di quando eravamo bambini ricordate? Quello di due signori che si incontrano per via: “Dove vai? Al cinema. A vedere cosa? Quo vadis?. Che vuol dire? Dove vai? Al cinema, A vedere cosa? Etc… etc….

    Non si va da nessuna parte, verrebbe da dire, ci vuole un “qualcosa di esterno” per rompere l’anello, come l’incubo in cui sembrano precipitarci i quadri di Escher, o la matematica di Godel… (su Bach, come detto, mi taccio…). Un giochino carino e complesso insomma... Ma, osserva cartesianamente -e malignamente- Hofstadter:

    “ credo che la spiegazione dei fenomeni emergenti nel cervello, per esempio idee, speranze, immagini, analogie, e infine la coscienza e il libero arbitrio, sia basata su un qualche tipo di Strano Anello: un'interazione tra i livelli in cui il livello più alto torna indietro fino a raggiungere il livello più basso e lo influenza, mentre allo stesso tempo viene determinato da esso. (…) Il sé nasce nel momento in cui ha il potere di riflettere se stesso”

    A dire: l’ autoreferenzialità può riservare sorprese… E’ proprio qui che ci accompagna Hofstadter. Ad esplorare e scoprire quelli che lui chiama "gli strani anelli dell’io” ovvero quelle “eterne ghirlande brillanti” dove forse si nasconde l’apriti sesamo, la chiave di volta per comprendere la nostra capacità di “intelligere”.

    Una lettura complessa, appagante e bellissima. 10/10.
    Sembra davvero affascinante e anche una sfida con se stesso forse parlo per me che non so granché di matematica, ma.....mi butterò con entusiasmo, aggiungo subito in wishlist, la cosa più eccitante è imparare, imparare sempre!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Bach, Richard - Il gabbiano Jonathan Livingston
    Da Fabio nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 70
    Ultimo messaggio: 01-18-2014, 06:53 PM
  2. Preston, Douglas & Child, Lincoln - Reliquary
    Da aveval1979 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-21-2013, 02:18 PM
  3. Preston, Douglas & Child, Lincoln - Relic
    Da fenicemidian nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 05-05-2009, 06:23 PM
  4. Johann Sebastian Bach
    Da Morgan@ nel forum Musicando parlando discutendone
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 02-15-2009, 06:26 PM
  5. Preston, Douglas & Child, Lincoln
    Da aveval1979 nel forum Autori
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 01-07-2009, 07:19 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •