Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La nascita della tragedia

Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Nietzsche, Friedrich - La nascita della tragedia

  1. #1

    Predefinito Nietzsche, Friedrich - La nascita della tragedia

    Pubblicato all'inizio del 1872, è la sua opera prima, se si escludono alcuni articoli apparsi su riviste di filologia.
    Essa è la rivelazione della sua genialità e, nel contempo, dell'impossibilità di arginarla e darle una veste accettabile per il mondo delle discipline accademiche del tempo. Il libro, ancora oggi uno dei più letti di Nietsche, è insieme una reinterpretazione dell'antichità classica, e in particolare della cultura della Grecia antica, e una teoria estetica nuova, incentrata sulla contrapposizione al concetto classico della bellezza, intesa come armonia di misura, di una idea di bellezza più antica e meno celebrata, che coglie il bello nel caos delle pulsioni vitali, degli istinti primordiali, di una volonta di vita totalmente irrazionale.

    Da un lato starebbe allora "lo spirito apollineo" amante delle proporzioni, che tende a ingessare la vita nell'armonia delle forme. Dall'altro lo "spirito dionisiaco", amante delle passioni, che lascia fluire la vita nella molteplicità e nel disordine delle sue esperienze.

    Nietsche stesso nel corso degli anni, disapprovò parte dell'opera per aver a suo dire, contaminato il problema estetico del mondo greco mettendolo direttamente in rapporto con l'arte tedesca moderna.
    Ma l'opera rimane ardita e originale, sia per il capovolgimento, acquisito poi dalla cultura successiva, operato nel modo di giudicare la vita dei Greci, sia per il coraggio giovanile e la malinconia di cui è pervasa.
    Ultima modifica di Fabio; 01-24-2009 alle 09:48 PM.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    avellino
    Messaggi
    158
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    é un'opera stupenda!! la mia bibbia!! Ve ne traggo una citazione...

    "Da quando vi sono uomini, l'uomo ha gioito troppo poco: solo questo, fratelli, è il vero peccato originale".

  3. #3
    scrittore
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    1348
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Un libro che mi ha segnato, nei lontani anni Settanta. La distinzione tra apollineo e dionisiaco è stata per anni un punto cardine del mio pensiero. Poi ho scoperto la letteratura d'evasione...

  4. #4

    Predefinito

    Quest'opera è stato il mio primo approccio "diretto" a Nietzsche, e devo dire che è stato un approccio più che piacevole. Pur essendo stata una lettura obbligata dallo studio, è scivolata agevolmente, grazie anche ad uno stile ricco e accattivante.

  5. #5
    Space's Skeleton
    Data registrazione
    Mar 2012
    Località
    Deep Space
    Messaggi
    512
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Capolavoro imprescindibile del pensiero novecentesco, un vero tesoro da leggere assolutamente.

  6. #6

    Predefinito

    Il libro, ancora oggi uno dei più letti di Nietsche, è insieme una reinterpretazione dell'antichità classica, e in particolare della cultura della Grecia antica, e una teoria estetica nuova, incentrata sulla contrapposizione al concetto classico della bellezza, intesa come armonia di misura, di una idea di bellezza più antica e meno celebrata, che coglie il bello nel caos delle pulsioni vitali, degli istinti primordiali, di una volonta di vita totalmente irrazionale.

    Da un lato starebbe allora "lo spirito apollineo" amante delle proporzioni, che tende a ingessare la vita nell'armonia delle forme. Dall'altro lo "spirito dionisiaco", amante delle passioni, che lascia fluire la vita nella molteplicità e nel disordine delle sue esperienze???

Discussioni simili

  1. Nietzsche, Friedrich - Così parlò Zarathustra
    Da Sir_Dominicus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 02-20-2016, 03:51 PM
  2. Christie, Agatha - Tragedia in tre atti
    Da ayla nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-06-2015, 04:48 PM
  3. Durrenmatt, Friedrich
    Da eg1979 nel forum Autori
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 02-09-2009, 04:41 PM
  4. Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-16-2008, 10:10 PM
  5. Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 06-12-2008, 06:32 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •