Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Jacques il fatalista

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Diderot, Denis - Jacques il fatalista

  1. #1
    Re Shulgi di Ur
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Mesopotamia meridionale
    Messaggi
    59
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Diderot, Denis - Jacques il fatalista

    Opera originalissima e attuale, considerata una delle più importanti della letteratura francese, "Jacques il fatalista" descrive il viaggio a cavallo, le vicende e soprattutto la conversazione, del complesso e loquace servitore Jacques col suo padrone. Non è un semplice romanzo intrecciato in un dialogo teatrale e intercalato con racconti, è un esuberante insieme di narrazione e drammatizzazione, con intromissioni del narratore nel suo immaginario confronto col lettore, e digressioni sui temi più svariati. Denis Diderot coinvolge, sorprende e diverte con intelligenza, umorismo e fantasia e con la sua geniale tecnica narrativa.

    Ho letto questo libro a seguito di diverse citazioni di Kundera su quest'opera, in particolare sul suo saggio "L'arte del romanzo".
    Oltre a lasciarsi leggere facilmente ho trovato il libro incredibilmente avanti coi tempi se si considera come Diderot scrisse questo romanzo nel XVIII secolo: digressioni, sviluppi narrativi multipli e continue intereferenze la fanno da padrone in in mezzo a un susseguirsi di vicende piene di humour.
    A mio avviso la concezione dell'esistenza continuamente propugnata dal protagonista, secondo il quale nella vita è "già tutto scritto lassù sul grande rotolo", fanno di Jacques un personaggio romanzesco indimenticabile.
    Ultima modifica di Zanna; 03-01-2009 alle 07:10 PM.

  2. #2
    scrittore
    Data registrazione
    Dec 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    1348
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Un libro incredibilmente attuale, molto ben scritto e di facile lettura. In epoca universitaria io amavo di più "i gioielli indiscreti", perchè trovavo geniale l'idea di mettere delle vagine a disquisire dell'anima e di altri argomenti dotti. Però Jaques il fatalista è più maturo e profondo.

  3. #3

    Predefinito libro

    Questo libro è senz altro una piacevole lettura, piacevole perchè stuzzica il sorriso e l'intelligenza.Io l'ho letto poichè avevo letto "Jacques e il suo padrone" di Kundera che riprende da Diderot l'ironia e la piacevolezza. Negli ani mi sono rimasti impressi degli esempi eclatanti e divertenti!

  4. #4
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13812
    Thanks Thanks Given 
    766
    Thanks Thanks Received 
    534
    Thanked in
    394 Posts

    Predefinito

    "Il primo romanzo assolutamente moderno è stato pubblicato nel 1796.Lo ha scritto Denis Diderot e il suo titolo è Jacques il fatalista." José Saramago

    Condivido l'opinione di Saramago circa la modernità del testo,non sembra affatto che sia stato scritto più di 2 secoli fa.
    E' un libro davvero scorrevole e piacevole da leggere,nonostante i continui cambi di storia narrata dai protagonisti.
    Temevo infatti di confondermi e annoiarmi a causa del passaggio repentino tra una narrazione e l'altra,invece sono riuscita a seguire molto bene tutte le vicende.Spesso mi sono anche immedesimata nel padrone di Jacques,per la sua curiosità nel voler conoscere la continuazione degli amori e delle imprese da lui raccontate.
    Ho trovato delle analogie con Calvino di Una notte d'inverno un viaggiatore,per la presenza dell'autore che si rivolge al lettore,interagendo con lui.
    Ho notato anche delle affinità con i dialoghi tra Bertoldo e il re,in particolare nelle pag 99/100.
    La filosofia di vita di Jacques è legata al suo credere al "rotolo" del destino già scritto,quindi è inutile darsi troppo da fare e soprattutto disperarsi, se poi non si può evitare e cambiare nulla.
    Nonostante io non sia mai stata fatalista,ho letto volentieri quest'opera,e a volte vorrei essere un po' fatalista anche io .

Discussioni simili

  1. Guedj, Denis - Il teorema del pappagallo
    Da Pamela nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 12-05-2010, 05:41 PM
  2. Kundera, Milan - Jacques e il suo padrone
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 06-25-2008, 06:14 PM
  3. Bonnet, Jacques - La questione del metodo
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-27-2008, 03:28 PM
  4. Guedj, Denis - Autobiografia di una caravella
    Da RosaT. nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 08-13-2007, 02:33 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •