Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il giardino dei Finzi Contini

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 31

Discussione: Bassani, Giorgio - Il giardino dei Finzi Contini

  1. #1
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Bassani, Giorgio - Il giardino dei Finzi Contini

    Alla vigilia delle persecuzioni razziali contro gli ebrei un gruppo di giovani si riunisce nel giardino della villa ferrarese della famiglia Finzi-Contini. Qui fiorisce il delicato, effimero amore di Giorgio per Micol. Un nostalgico, appassionato ricordo della giovinezza alle soglie del conflitto mondiale.

    E' un libro di una bellezza e delicatezza unica, adatto a coloro che non hanno la necessità di leggere una storia dal ritmo martellante e ossessivo. L'atmosfera del giardino come unico luogo di pace in un' Italia devastata dal fascismo si configura come il teatro dei ricordi del giovane protagonista che vive un intenso rapporto con Micòl, ragazza ebrea di condizione sociale superiore. Indimenticabili i personaggi! Da leggere.. 5/5

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    << All’affievolirsi della tensione civile [ben altrimenti viva nelle precedenti Storie Ferraresi], subentrano qui il compiaciuto abbandono all’elegia, il lamento sulla condizione umana e sul paradiso perduto dell’innocente puerizia o della fiduciosa giovinezza, l’ostinato, torturante e pur gradito scavo nel passato. E così la vita della comunità ebraica di Ferrara, i sogni giovanili, l’amore del protagonista-narratore per Micol Finzi-Contini (personificazione di un inattingibile e suggestivo eterno femminino), lo stesso giardino che assurge a simbolo di paradiso perduto, la vita dignitosa e schiva dei Finzi-Contini, sono narrati con la dolente consapevolezza del dopo, del loro “finire all’apparir del vero”: e tutto il romanzo diventa una meditazione sulla inesorabile legge di distruzione e di morte che domina nel destino degli uomini. […] Che all’interno della sua ideologia e della sua poetica Bassani ci abbia dato con questo romanzo una raffinata e commossa elegia dell’umano vivere, nessuno – crediamo – può mettere in dubbio; ma è altrettanto vero che il successo del romanzo segnava il ritorno [dopo il Neorealismo] a una narrativa che si rifugiava nei conflitti interiori e nella raffinata malinconia delle anime belle. >>
    Da S. Guglielmino, Guida al Novecento.

    Pur nei suoi limiti, è un romanzo scritto molto bene; è coinvolgente l’atmosfera malinconica, i personaggi sono ben costruiti e la trama non annoia

  3. #3
    Leghorn Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Livorno
    Messaggi
    788
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Questo libro pur essendo piacevole da leggere, è uno di quelli che mi è piacuito meno sull'argomento delle leggi raziali, forse perchè troppo lento ed il personaggio protagonista non è così incisivo come mi aspettavo che fosse.
    Comunque cerdo che non debba mancare nella libreria di ogniuno di noi.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2008
    Località
    Torino
    Messaggi
    238
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    A me è piaciuto moltissimo come "romanzo di formazione". Il dialogo finale tra il protagonista e il padre è stupendo, così come anche la passeggiata notturna rivelatrice...

  5. #5
    Junior Member
    Data registrazione
    Sep 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    17
    Thanks Thanks Given 
    1
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Thumbs down

    Non mi è piaciuto per niente, ha uno stile troppo pesante!

  6. #6
    Mathematician Member
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    698
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    In questo libro non c'è una virgola di più e una virgola di meno. Scorrevole, delicato, ben scritto. Quel che di più vicino c'è alla poetica di Pavese.

  7. #7
    Scimmia ballerina
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3071
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    19 Posts

    Predefinito

    Questo libro è STUPENDO! L'atmosfera del giardino è davvero magica. Dovete assolutamente leggerlo!
    5/5 (con lode )

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    337
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Devo leggerlo per la mia sfida letteraria...
    qualche commento mi ha spaventato. Spero non sia pesante come qualcuno di voi dice...

  9. #9
    Balivo di Averoigne
    Data registrazione
    Nov 2011
    Località
    Kahora
    Messaggi
    3777
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    64
    Thanked in
    48 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da nitina Vedi messaggio
    Devo leggerlo per la mia sfida letteraria...
    qualche commento mi ha spaventato. Spero non sia pesante come qualcuno di voi dice...
    Macchè, leggero come una brezza primaverile, con una storia ed una protagonista, Micol, che ricorderai tutta la vita.. Questi sono esattamente i libri che chiunque dovrebbe leggere o aver letto

  10. #10
    Scimmia ballerina
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3071
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    19 Posts

    Predefinito

    Concordo, è uno dei libri più belli che abbia mai letto!
    Vedrai che sarà una piacevole lettura!

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    337
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Il giardino dei Finzi Contini è narrato da un io narante che tenderei ad associare allo stesso Bassani. Un ebreo medio borghese della Ferrara della fine degli anni trenta. E’ un personaggio timido ed impacciato con l’amore per la letteratura e un’attrazione per la famiglia dei Finzi-Contini, nello specifico per Micol, la figlia minore.
    Il romanzo fa diversi salti temporali, iniziando con l’io narrante che racconta di una gita al cimitero di Cerveteri. Evento che gli fa tornare alla mente il cimitero israelitico di Ferrara, in paricolare la tomba dei Finzi-Contini.
    Le vicende sono incentrate sulla vita del protagonista durante gli anni del liceo e in seguito dell’università in una Bologna ben poco vissuta, che ruota attorno a questa ricchissima famiglia alto borghese della comunità israelitica ferrarese, composta dal prof Ermanno, dalla moglie Olga, dalla vecchia signora Regina, da Micol e Alberto coetanei del protagonista e suoi compagni di scuola.
    I Finzi Contini escono da un isolamento iniziale offrendo il loro giardino per le partite di tennis dei giovani studenti amici dei loro figli, quando al club di tennis Eleonora d’Este viene vietato l’ingresso agli ebrei in seguito all’emanazione delle leggi razziali nel 1938.
    Il protagonista inizia a stringere un rapporto un po’ più che d’amicizia con Micol, finisce per innamorarsene, pensando di essere ricambiato. In realtà Micol non contraccambia e fugge a Venezia dove si laurea al Ca’ Foscari col massimo dei voti.

    E’ un romanzo che comunica la tragedia della discrimiazione ebraica in un modo diverso da tutti gli altri romanzi che ho letto a riguardo.
    E’ un romanzo d’amore e d’amicizia, che non trascura l’aspetto della famiglia. L’importanza di avere accanto persone che ti conoscono per quello che realmente sei. Troviamo anche la tragedia della malattia di Alberto, che muore giovanissimo per un linfogranuloma; senza dimenticare l’analisi che Bassani fa del rapporto padre-figlio nel caso del protagonista e del rapporto tra il Prof Ermanno e la figlia Micol.
    Sono rimasta affascinata anche dal modo che l’autore ha di descrivere la città. Mi è venuta proprio voglia di rivedere Ferrara, fra l’altro in questi giorni in cui l’Emilia è devastata dalle scosse di questo terremoto così inaspettato per quelle zone.
    Sono contenta di averlo letto, perché mi ha insegnato che a volte non si deve lasciare andare il treno, che bisogna tentare di prenderlo anche quando è in corsa. Mi ha insegnato che i veri affetti sono quelli che non ti abbandonano quando ti allontani per poi tornare, sono quello che trovi lì ad aspettarti.
    Mi ha insegnato a cercare a fondo tra le righe.

  12. #12
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13824
    Thanks Thanks Given 
    776
    Thanks Thanks Received 
    546
    Thanked in
    403 Posts

    Predefinito

    Ho visto il film,ma non sono ancora riuscita a leggere il romanzo.
    Lo farò sicuramente (anche se non subito),mi avete fatto venire voglia .

  13. #13
    Scimmia ballerina
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3071
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    40
    Thanked in
    19 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    Ho visto il film,ma non sono ancora riuscita a leggere il romanzo.
    Lo farò sicuramente (anche se non subito),mi avete fatto venire voglia .
    Leggilo, leggilo, leggilo, leggilo, leggilo!

  14. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    717
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'ho divorato negli ultimi tre giorni e ancora non mi sento di dare un giudizio definito.
    Sul piano "pubblico" mi è parso ben chiaro cosa volesse dire, la passività degli ebrei, il loro sottovalutare quel che stava accadendo in quegli anni. Sembra chiaro...
    E' proprio sul piano "privato" che sono perplessa. Normalmente direi che è inconcludente, che non capisco a quale punto debba portare la storia fra il protagonista e Micòl. In realtà, invece, mi sono data una spiegazione soltanto considerando che è probabilmente una storia autobiografica, che quelle cose siano in parte davvero successe.
    Il finale del libro (soprattutto il dialogo conclusivo con il padre) vale tutto il libro.
    Fra l'altro, altra nota positiva è il modo fantastico di descrivere Ferrara. Io non ci sono mai stata, ma leggendo mi è sembrato di conoscerla da sempre.

  15. #15
    Together for ever
    Data registrazione
    Jun 2011
    Località
    zanzaratown
    Messaggi
    2235
    Thanks Thanks Given 
    346
    Thanks Thanks Received 
    223
    Thanked in
    144 Posts

    Predefinito

    superfluo dire che l'ho letto da ann , visto il film ed ho tutti romanzi di Bassani.
    Avete fatto una presentazione degna di nota

    ....solo qui nella mia e sua città si può sentire lo spirito aleggiante dello scrittore negli angoli e scorci dove le storie sono ambientate.
    Scusate il piglio fanatico

Discussioni simili

  1. Scerbanenco, Giorgio
    Da Lentina nel forum Autori
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 01-28-2015, 02:49 PM
  2. Faletti, Giorgio
    Da evelin nel forum Autori
    Risposte: 87
    Ultimo messaggio: 07-31-2014, 11:35 AM
  3. McEwan, Ian - Il giardino di cemento
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 03-13-2013, 10:39 AM
  4. Burnett, Frances H. - Il giardino segreto
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 10-17-2010, 04:39 PM
  5. Deaver, Jeffery - Il giardino delle belve
    Da Sant'uomo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 07-03-2008, 01:52 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •