Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 63 di 65 PrimoPrimo ... 1353545556575859606162636465 UltimoUltimo
Mostra risultati da 931 a 945 di 971

Discussione: La poesia del giorno....

  1. #931
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1838
    Thanks Thanks Given 
    3518
    Thanks Thanks Received 
    1722
    Thanked in
    1047 Posts

    Predefinito

    Intorno alla tua bocca
    a un certo punto
    arrivano le mie mani
    la mia lingua i tuoi capelli
    e vedo gli occhi
    che si aprono in grandi sorrisi
    luminosi
    e l’anima che danza intorno
    alle narici,
    tutto quello che c’è sulla tua faccia
    andrebbe mostrato
    ai poveri di spirito,
    le tue labbra da mostrare
    a chi esce dai cinema
    o dalle chiese
    e anche a chi sta a casa
    mezzo addormentato sui divani,
    la tua faccia in cui compare
    qualcosa che solleva la terra verso il cielo
    qualcosa che abbassa il cielo
    verso la terra.

    Franco Arminio

  2. The Following 2 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #932
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    494
    Thanks Thanks Given 
    439
    Thanks Thanks Received 
    601
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito

    Da quale parte di te viene incontro festosa
    questa strada data alla luce? Gli alberi
    sgrondano, i lunotti sono specchi,
    il riflesso di una portiera aperta e chiusa
    acceca nell’aria umida; un mondo sgocciolante e bagnato ti sale
    in gola e si fa respiro, prende la forma della luce
    nel sole da poco scorto. È una felicità
    da applauso, da palcoscenico, accesa in breve e spenta
    dentro il chiarore diminuito.

    Cassacco, settembre 2017

    (da Pierluigi Cappello, Un prato in pendio. Tutte le poesie 1992-2017, Bur Rizzoli)

  • The Following User Says Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #933
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1767
    Thanks Thanks Given 
    22
    Thanks Thanks Received 
    170
    Thanked in
    101 Posts

    Predefinito

    Ho trovato per caso questa bellissima poesia di Tagore e volevo condividerla:

    Non siamo che aliti di vento,
    soffi delicati appesi
    alle pareti
    di un cielo senza confini.
    Siamo polveri e profumo d'erba
    di fiori mescolati al profumo del mare,
    della luna,della notte,del giorno
    del tempo che corre e
    sparge intorno a se il seme dei ricordi.
    Siamo come ali in volo,
    da sempre
    dal primo tuffo nell'aria
    all'ultimo sogno caduto nel nostro cuore
    da una stella in dono.

    Tagore

  • The Following 5 Users Say Thank You to Monica For This Useful Post:


  • #934
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1767
    Thanks Thanks Given 
    22
    Thanks Thanks Received 
    170
    Thanked in
    101 Posts

    Predefinito

    Oggi,nel 1905,nasceva Pablo Neruda

    Abbiamo perso anche questo crepuscolo.
    Nessuno ci ha visto stasera mano nella mano
    mentre la notte azzurra cadeva sul mondo.

    Ho visto dalla mia finestra
    la festa del tramonto sui monti lontani.

    A volte, come una moneta
    mi si accendeva un pezzo di sole tra le mani.

    Io ti ricordavo con l'anima oppressa
    da quella tristezza che tu mi conosci.

    Dove eri allora?
    Tra quali genti?
    Dicendo quali parole?
    Perchè mi investirà tutto l'amore di colpo
    quando mi sento triste e ti sento lontana?

    E' caduto il libro che sempre si prende al crepuscolo
    e come cane ferito il mantello mi si è accucciato tra i piedi.

    Sempre, sempre ti allontani la sera
    e vai dove il crepuscolo corre cancellando statue.

  • The Following 3 Users Say Thank You to Monica For This Useful Post:


  • #935
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1767
    Thanks Thanks Given 
    22
    Thanks Thanks Received 
    170
    Thanked in
    101 Posts

    Predefinito

    Vento di prima Estate: Giorgio Caproni

    A quest'ora il sangue
    del giorno infiamma ancora
    la gota del prato,
    e se si sono spente
    le risse e le sassaiole
    chiassose, nel vento è vivo
    un fiato di bocche accaldate
    di bimbi, dopo sfrenate
    rincorse.

  • The Following 3 Users Say Thank You to Monica For This Useful Post:


  • #936
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    494
    Thanks Thanks Given 
    439
    Thanks Thanks Received 
    601
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito



    Le belle lettere

    A Eraldo Affinati



    I polpastrelli premuti sulla terra battuta,
    la combustione degli istanti liberata in uno scoppio
    nel corpo lanciato verso cento metri che non finiscono più
    che sono già finiti,
    i lunghi ritorni a casa, estenuanti,
    dove qualcosa dentro noi andava puntellato
    nella desolazione, per catturare il mondo in un dettaglio,
    come guardato attraverso una fessura.


    Siamo antichissimi e giovani,
    abbiamo visto Vienna liberata dai cavalieri alati,
    chiuso le belle lettere in un tascapane,
    accanto alle cartucce
    scalato le marce e aperto il gas in un ruggito
    dopo l’ultima curva
    e ancora la bellezza e il dolore sono un cielo
    che entra nella voce e la spezza.


    Non per orgoglio del compito svolto
    ma per orgoglio del compito
    qualcosa rimane del nostro dire
    abbiamo inciso i nomi sul tronco folgorato,
    siamo passati di lì.

    Pierluigi Cappello

    Da Stato di quiete. Poesie 2010-2016 (BUR Rizzoli, 2016)

  • The Following 2 Users Say Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #937
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1838
    Thanks Thanks Given 
    3518
    Thanks Thanks Received 
    1722
    Thanked in
    1047 Posts

    Predefinito

    Bisogna essere sempre ubriachi.
    Tutto sta in questo: E’ l’unico problema.
    Per non sentire l’orribile fardello del tempo.
    Del tempo che rompe le vostre spalle
    e vi inclina verso la terra,
    bisogna che vi ubriacate senza tregua.
    Ma di che?
    Di vino, di poesia o di virtù,
    a piacer vostro.
    Ma ubriacatevi.
    E se qualche volta sui gradini di un palazzo,
    sull’erba verde di un fossato,
    nella mesta solitudine della vostra camera,
    vi risvegliate con l’ubriachezza già diminuita o scomparsa,
    domandate al vento, all’onda, alla stella, all’uccello, all’orologio,
    a tutto ciò che fugge, a tutto ciò che geme,
    a tutto ciò che ruota, a tutto ciò che canta,
    a tutto ciò che parla,
    domandate che ora è;
    E il vento, l’onda, la stella, l’uccello, l’orologio,
    vi risponderanno:
    “E’ l’ora di ubriacarsi!”
    Per non essere gli schiavi martirizzati del tempo,
    ubriacatevi;
    Ubriacatevi senza smettere!
    Di vino, di poesia o di virtù… a piacer vostro.

    Charles Baudelaire

  • The Following 4 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #938
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    494
    Thanks Thanks Given 
    439
    Thanks Thanks Received 
    601
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito Cabriel

    All’improvviso, ponte o pietra, la luce, la pace in me.
    E questo fiume che scorre attraverso me
    in modo limpido, primordiale, poderoso.

    Una goccia d’acqua cade dalla mia fronte sulla mia ombra
    come se fosse pianto. È meraviglia,
    nutrimento silenzioso, per sempre.

    Manca la fede negli uomini, ma ancora
    è possibile nuotare, ridere nudi,
    stendersi al sole, mangiare more mature
    e farsi portare dalla corrente
    come da coloro che amiamo, e prendere
    lezioni di trasparenza da queste acque.

    Se sapessi dimenticarmi del pronome
    della prima persona, sarei null’altro
    che un luccichio di luce fra i rami di un pioppo,
    un acenno di voce, una libellula,
    una gioia semplice, senza parole,
    la luce attraverso me, la pace in me.

    All’improvviso, ponte o pietra, luce io stesso.



    Juan Vicente Piqueras

    (traduzione di Raffaella Marzano)

  • The Following 2 Users Say Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #939
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2019
    Messaggi
    134
    Thanks Thanks Given 
    140
    Thanks Thanks Received 
    160
    Thanked in
    86 Posts

    Predefinito

    Attraverso il mare che sta tra noi due
    Io guardo e vedo te, esiliato ma libero
    Come i venti che sferzano le vele maestre
    Attraverso il mare.

    Io resto qui in una tetra schiavitù
    In mezzo a queste raffiche invernali di dolore amaro,
    E il rammarico per le tue labbra è vano, vano,
    Imprigionato dalla inesorabile catena del mondo,
    E separato da te. Spirito di Libertà,

    Porta il sole dei miei baci, la pioggia delle mie lacrime
    A colui che amo, il quale forse un giorno amerà me,
    Ed allietalo con il mio canto d’amore
    Attraverso il mare.

    Aleister Crowley

  • The Following 2 Users Say Thank You to Starling For This Useful Post:


  • #940
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    494
    Thanks Thanks Given 
    439
    Thanks Thanks Received 
    601
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito La polvere

    Perché siamo distanti,
    piccoli ci sentiamo.
    Cammina verso di te, uomo,
    cammina più dentro.
    Quando ti raggiungerai,
    fra le tue dita avrai
    una lieve sabbiolina
    di verità e di sogni.

    Manuel Altolaguirre Bolin

  • The Following 2 Users Say Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #941
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1838
    Thanks Thanks Given 
    3518
    Thanks Thanks Received 
    1722
    Thanked in
    1047 Posts

    Predefinito

    Non so se mi ero innamorata di te.
    Mi innamorai però di altre cose, lo so:
    di una stanza scomoda rivolta a nord,
    di una teiera che crepitava di sera.

    Degli alberi mi innamorai che toglievano spazio,
    dei solitari e soffocanti cinema di quartiere,
    dei dolorosi ricordi di prigione,
    di un muro ferito dalle bombe.

    Delle fermate del tram, delle foglie ricoperte di brina,
    di una calda tasca con castagne bruciate,
    della pioggia scrosciante, del suono del telefono,
    perfino della nebbia fonda color cenere.

    Di tutto il mondo mi ero innamorata, non di te.
    Lo scoprivo nuovo, interessante, ricco.
    Per questo soffro... Non per averti perso.
    Altro ho perduto – il mondo intero.

    Blaga Dimitrova

  • The Following 2 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #942
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2019
    Messaggi
    494
    Thanks Thanks Given 
    439
    Thanks Thanks Received 
    601
    Thanked in
    339 Posts

    Predefinito

    PALME

    Nasciamo dalla sete. Siamo palme
    che crescono a forza di perdere
    i propri rami. I tronchi son ferite,
    cicatrici rimarginate dal vento e dalla luce,
    quando il tempo, quello che fa e quello che passa,
    occupa il cuore e lo trasforma in nido
    di perdite, ne erige
    il suo tempio, la sua aspra colonna.

    E per questo le palme sono allegre
    come quelli che hanno saputo soffrire in solitudine
    e ora si cullano nell´aria, spazzano nubi
    e dalle loro chiome consegnano
    cantici alla luce, fonti di fuoco,
    ventagli a Dio, addio a tutto.
    Tremano, testimoni di un miracolo
    che conoscono soltanto loro.

    Siamo come la sete delle palme
    e ogni ferita aperta verso la luce
    ci fa sempre più alti, più felici.
    Perdite sono i nostri tronchi, trono
    il nostro dolore. Non è bello
    soffrire ma bisogna aver sofferto
    per sentire, annidata nel sangue,
    la meraviglia dei sopravvissuti
    che ringraziano l´aria, e scoppiare
    per l´alta gioia in mezzo al deserto.



    Juan Vicente Piqueras


    (traduzione di Raffaella Marzano)

  • The Following User Says Thank You to Shoshin For This Useful Post:


  • #943
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1838
    Thanks Thanks Given 
    3518
    Thanks Thanks Received 
    1722
    Thanked in
    1047 Posts

    Predefinito

    Di luglio

    Quando su ci si butta lei,
    si fa d'un triste colore di rosa
    il bel fogliame.
    Strugge forre, beve fiumi,
    Macina scogli, splende,
    E' furia che s'ostina, è l'implacabile,
    Sparge spazio, acceca mete,
    E' l'estate e nei secoli
    con i suoi occhi calcinanti
    va della terra spogliando lo scheletro.

    Giuseppe Ungaretti


  • The Following 2 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #944
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2017
    Messaggi
    1838
    Thanks Thanks Given 
    3518
    Thanks Thanks Received 
    1722
    Thanked in
    1047 Posts

    Predefinito

    In un libro di versi schizzato
    dall’amore, dalla tristezza, dal mondo,
    i miei figli hanno disegnato signore gialle,
    elefanti che avanzano sopra ombrelli rossi,
    uccelli trattenuti sul bordo di una pagina,
    hanno invaso la morte,
    il grande cammello azzurro riposa sulla parola cenere,
    una guancia scivola sopra la solitudine delle mie ossa,
    il candore vince sul disordine della notte.

    Juan Gelman



    Joan Mirò

  • The Following 4 Users Say Thank You to qweedy For This Useful Post:


  • #945
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Toscana
    Messaggi
    1767
    Thanks Thanks Given 
    22
    Thanks Thanks Received 
    170
    Thanked in
    101 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da qweedy Vedi messaggio
    In un libro di versi schizzato
    dall’amore, dalla tristezza, dal mondo,
    i miei figli hanno disegnato signore gialle,
    elefanti che avanzano sopra ombrelli rossi,
    uccelli trattenuti sul bordo di una pagina,
    hanno invaso la morte,
    il grande cammello azzurro riposa sulla parola cenere,
    una guancia scivola sopra la solitudine delle mie ossa,
    il candore vince sul disordine della notte.

    Juan Gelman



    Joan Mirò

    qweedy,è bellissima

  • The Following 2 Users Say Thank You to Monica For This Useful Post:


  • Pagina 63 di 65 PrimoPrimo ... 1353545556575859606162636465 UltimoUltimo

    Discussioni simili

    1. Poesia
      Da Chicca nel forum Poesia
      Risposte: 132
      Ultimo messaggio: 04-03-2009, 11:52 PM
    2. Cerco poesia
      Da dani68 nel forum Poesia
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 12-09-2008, 04:21 PM
    3. Una poesia di Nezami
      Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-10-2008, 03:06 PM
    4. Poesia di servizio....
      Da Gurdulù nel forum Poesia
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 08-23-2008, 03:36 PM
    5. Forsithia, Poesia
      Da Chicca nel forum Poesia
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 07-15-2008, 06:23 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •