Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Rebecca, la prima moglie

Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Hitchcock, Alfred - Rebecca, la prima moglie

  1. #1
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Hitchcock, Alfred - Rebecca, la prima moglie

    Genere: Thriller
    Dati tecnici: 130 min.


    TRAMA:
    La giovane e timida seconda moglie di Maxim de Winter, ricco gentiluomo inglese, è ossessionata dalla presenza della prima moglie, morta in circostanze misteriose, grazie alle macchinazioni della governante. Quando il mare riporta a riva il cadavere di Rebecca, il marito viene accusato del suo omicidio.

    Il secondo capolavoro del maestro che preferisco.
    Impareggiabile Laurence Olivier.
    Un film che non invecchia mai!

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18915
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    243
    Thanks Thanks Received 
    706
    Thanked in
    434 Posts

    Predefinito

    Il mio film! Quello che mi affascina di più in assoluto, le atmosfere claustrofobiche della dimora dei De Winter, il ricordo della prima moglie sempre presente, il rapporto tra i due protagonisti che diventa sempre più tormentato, un finale incredibile. E' un film di cui ho imparato a memoria tutte le battute e pur rivedendolo decine di volte non perde mai il so fascino. Cinque stellette

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6024
    Thanks Thanks Given 
    154
    Thanks Thanks Received 
    234
    Thanked in
    130 Posts

    Predefinito

    Wow, wow, Rebecca magnifico film senza tempo, non perdo mai occasione di rivederlo

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    un film delizioso... da non perdere...

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Brutto secondo me, proprio una delusione. In merito a trama e personaggi concordo con Ennio Flaiano:

    << Dei film presentati lo scorso mese sugli schermi italiani, Rebecca, la prima moglie è quello che ha ottenuto il successo più proporzionale alla sua mediocrità, un successo universale e indisturbato. Davanti alle lucide conseguenze della trama di Daphne Du Maunier, davanti alla tecnica corretta e amministrativa del regista Hitchcock non si può azzardare nessun giudizio negativo; la stessa cosa sarebbe voler giudicare su basi estetiche i termosifoni che hanno ricominciato a funzionare: perché certi film, come certe commedie e romanzi, più che al cinema, al teatro e alla letteratura, appartengono verosimilmente al numero delle comodità moderne, delle quali tutti apprezzano ormai la funzione e nessuno vorrebbe privarsi; ma che, d’altra parte, non si discutono nemmeno.
    Daphne Du Maurier è seria nello scrivere come una vecchia casa commerciale: non tradisce i suoi lettori. Nei suoi libri ci si trova, acconciato con gli ultimi ritrovati della tecnica letteraria, tutto ciò che si cerca normalmente in un libro, senza volerselo confessare: l’avventura, le belle maniere, personaggi simpatici e personaggi antipatici, consigli amorosi e igiene mentale. [...] Una massa di lettori incredibilmente forte come quella inglese ha bisogno di un nutrimento costante, di curiosità nazionale, un nutrimento ottimista, di fiducia e prevedibile.
    Il romanzo medio, quello che si toglie a caso dagli scaffali di un living-room londinese, tratta sempre di amore; ma, attenzione, è amore-standard, senza psicologia, delusioni, confessioni intime o altro. L’amore, il rispettatissimo Iddio del buon lettore, come tutte le cose rispettate, guadagna soltanto se attribuito a personaggi di buoni costumi e di ottima condizione economica. [...] Tanto bene ha capito queste cose Daphne Du Maurier che il suo romanzo è il catalogo generale del romanzo anglosassone per letture da caminetto, da parco e da picnic. Tutti gli elementi fissi del romanzo-tipo vi sono ripresi con quel cinismo abile di cui spesso soltanto le donne scrittrici sanno dar prova; ci descrive, cioè: il gentiluomo appartenente alla gentry (alla nobiltà terriera), colpito da un recente dolore; la povera e bella ragazza che ha il dovere di sposare questo gentiluomo (è Cenerentola, state tranquilli!); un castello in riva al mare, con saloni Tudor e squadre di camerieri; una perfida nemica delle felicità altrui; un mistero svelato, eccetera. L’abilità di Daphne è tutta nel suo aver saputo rinnovare questi elementi, nell’averli tradotti nel linguaggio dell’attuale gran mondo. Nessuno altrimenti avrebbe preso sul serio figure che erano da tempo ferme all’inizio del secolo, con le loro passioni genuine e infantili, coi loro matrimoni avversatissimi e le loro candide colpe.
    Romanzo e film, per questi meriti d’aggiornamento, per il loro suonare al pubblico dei lettori e degli spettatori vecchie arie giovanili non dimenticate ma, d’altra parte, messe in disparte, hanno avuto quel gran successo che era logico avessero. [...] >>

    Riguardo poi alla famosa suspense hitchcockiana, sarà per colpa mia, ma io non l’ho proprio avvertita. La vicenda non m’ha coinvolto, credo a causa del protagonista, la cui psicologia, fino al momento della confessione, è inesistente. Non sappiamo mai che cosa pensa, non ci viene offerto nessun indizio per penetrare il suo mistero. E’ vero che la suspense si basa soprattutto sul non detto, sull’incertezza per quanto sta per accadere, ma ci deve pur essere qualcosa che stimoli la nostra fantasia, che ci coinvolga nella storia, che ci suggerisca una strada per capire. Qui non c’è nulla; fino alla confessione il marito potrebbe essere indifferentemente un pazzo, un malinconico, un assassino, senza che allo spettatore sia stato offerto un qualsiasi spunto per provare a dipanare da sé la vicenda. Così, al di là di una generica simpatia per la giovane e sprovveduta seconda moglie, non mi riesce proprio di immedesimarmi nella situazione di lei, di viverne paure e difficoltà. E’ tutto troppo esteriore.
    Che differenza con La finestra sul cortile, dove Hitchcock ci fa via via partecipi degli indizi man mano che questi si presentano ai protagonisti, e noi possiamo vivere assieme a loro tutta l’ “eccitazione” dell’indagine!
    Ultima modifica di Masetto; 01-22-2010 alle 11:14 AM.

  6. #6
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18915
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    243
    Thanks Thanks Received 
    706
    Thanked in
    434 Posts

    Predefinito

    un melodramma perfetto, tra pazzia e Barbablù, alla ricerca della verità inconfessabile, un odio scambiato per amore, l'innocente che si trasforma man mano perchè il male si insinua, l'ossessione, il fascino di una dark lady, protagonista assoluta senza che nessuno la veda mai in tutto il film. Ad ogno rivisitazione non posso che definirlo come un capolavoro.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Hitchcock, Alfred - Io ti salverò
    Da Candy Candy nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 05-29-2017, 03:01 PM
  2. Sacks, Oliver - L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello
    Da El_tipo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 29
    Ultimo messaggio: 08-04-2016, 12:23 AM
  3. Hitchcock, Alfred - La finestra sul cortile
    Da Poirot nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 30
    Ultimo messaggio: 08-18-2015, 12:49 AM
  4. Tennyson, Alfred - The Lady of Shalott
    Da Masetto nel forum Poesia
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 01-05-2010, 01:19 PM
  5. Follett, Ken - Il Codice Rebecca
    Da torejx nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 11-16-2008, 04:05 PM

Tags per questo thread

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •