Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Tra menzogna e ironia

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Eco, Umberto - Tra menzogna e ironia

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    un paesino molto remoto
    Messaggi
    1890
    Inserimenti nel blog
    18
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Eco, Umberto - Tra menzogna e ironia

    Questo libro mi è capitato per puro caso tra le mani. E’ arrivato da solo nei miei scaffali (?!??!?), scherzo, ma non mi ricordo di averlo comprato… Siccome è un testo abbastanza breve, l’ho letto.
    Solo che… non mi è piaciuto. Dai quattro saggi raccolti in questo libro, il più interessante mi è sembrato l’introduzione a uno dei fumetti di Corto Maltese, però questo – perché si tratta di un fumetto – non si dovrebbe prendere in considerazione.
    Invece, altri tre saggi – sul Cagliostro, Manzoni e Campanile – erano, uffa, non lo so. Quello sul Cagliostro era strapieno di dati e delle allusioni, però devo dire che non ho capito proprio dove mirava Eco con queste. Quello sul Manzoni analizzava il suo romanzo con una ricetta specifica che probabilmente la conoscono soltanto le sei persone su questo pianeta (un motivo molto valido per scriverlo, ma anche molto soffocante se non siete tra queste fortunate sei persone). Alla fine quello sul Campanile era anche a volte molto divertente e interessante, però sempre quando Eco citava l’autore in questione (o qualche altro testo), e mai, se non mi ricordo male, quando si trattava delle frasi di Eco. Leggendo tutti i tre saggi, devo dire, che mi è venuta la voglia di leggere i testi di quali parlava Eco.
    Può darsi questo era l’intenzione del professore Eco? Con i accuratamente scelti citati di rivolgere la nostra attenzione a quello che gli era sembrato degno dell’attenzione? Accennare tutto, non spiegare niente fino in fondo, non offrirci un piatto pronto e ben servito che potremo digerire facilmente e ancora più facilmente decifrare il giorno dopo, ma con le prescelte prelibatezze svegliare in noi la fame per l’inaspettato nettare. Ammetto che, prima di aver letto questo libro, Manzoni non mi era interessato neanche un po’. Per Campanile non ho mai sentito neanche una parola. Invece adesso mi interessano.
    Ultima modifica di Fabio; 11-29-2010 alle 11:35 AM.

Discussioni simili

  1. Eco, Umberto - Baudolino
    Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 05-20-2017, 12:15 AM
  2. Eco, Umberto
    Da Sir_Dominicus nel forum Autori
    Risposte: 54
    Ultimo messaggio: 03-01-2016, 04:57 PM
  3. Eco, Umberto - Il pendolo di Foucault
    Da Nick79 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 42
    Ultimo messaggio: 03-19-2014, 10:13 AM
  4. Morante, Elsa - Menzogna e sortilegio
    Da labonsai nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 07-04-2010, 10:16 PM
  5. Ironia Portami Via
    Da Candy Candy nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 08-01-2008, 02:35 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •