Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Eneide

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Virgilio Marone Publio - Eneide

  1. #1
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Virgilio Marone Publio - Eneide

    Scritta da Virgilio tra il 29 e il 19 A.C., vi si narrano le avventure di Enea, unico tra i grandi eroi troiani sopravvissuto al rogo di Troia. è proprio questo il punto di contatto iniziale con i capolavori omerici: nell'Iliade si racconta della guerra durata dieci anni, ma non si parla del suo epilogo. Enea fugge con il padre Anchise e il figlioletto Ascanio alla ricerca di una nuova patria su consiglio divino. Da lui un giorno sarebbe nata la stirpe che avrebbe dato vita alla grandezza di Roma, ecco perché il suo peregrinare (che ricorda moltissimo quello di Ulisse) lo porterà infine a sbarcare nelle rive del Lazio.

    Una delle opere fondamentali della cultura occidentale

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Che dire: meraviglioso. Indimenticabili il racconto della caduta di Troia, la morte di Didone, Palinuro, Turno...

  3. #3
    Surrealistic member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Foggia
    Messaggi
    1101
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    polvere di stelle, ma ti stai riscoprendo nel classicismo???!!!
    Sono contento! L'Eneide poi...l'ho sempre considerato un poema molto romantico...guerra e amore ai massimi livelli poetici

  4. #4
    b
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    un paesino molto remoto
    Messaggi
    1890
    Inserimenti nel blog
    18
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Un po’ di curiosità riguardo il backstage di questo poema epico:
    Da Virgilio ci si aspettava un poema storico con la prospettiva della discendenza “troianica” del gens Iulia, dove entrava Augusto come il figlio adottivo di Gaio Giulio Cesare. Il mito dell’ Eneide nel III.. sec. a. C. aveva ottenuto a Roma l’ufficiale riconoscimento, Roma si riteneva una nuova Troia. I gens più nobili cercavano di rappresentare la loro genealogia dal Enea e i suoi compagni di viaggio. Oltre il “gravato” concorrente (Omero), la stessa storia aveva avuto le speciali difficoltà. Bisognava rappresentare positivamente (cioè accettabile) la figura che scappa dalla patria nel momento della sconfitta. Da alcune informazioni di un biografo antico, Virgilio aveva costruito lo scheletro del poema e aveva composto il breve contenuto nella prosa, dividendo il materiale in 12 testi. Poi aveva elaborato i singolari episodi presi fuori dallo schema (cioè, poema non è stato scritto cominciando dall’ inizio, proseguendo poi in ordine, verso alla fine, ma saltellando…). Soltanto dopo alcuni anni aveva ritenuto che sia il caso di leggere ad Augusto alcuni dei più o meno finiti testi. Nell’ anno 19. a. C. “Eneide” era stata finita nel suo concetto. L’autore aveva deciso che ci vogliono altri tre anni per la sua rifinitura, e poi aveva intenzione di passare il resto della vita dedicandosi alla filosofia. Però, in questo l’aveva interrotta la morte. Virgilio è morto subito dopo il suo ritorno dal viaggio in Grecia. Prima di morire voleva bruciare il poema, e nel suo testamento aveva chiesto che non si pubblicasse niente delle sue opere che sono rimaste incomplete. A questo desiderio si era opposto Augusto, e aveva affidato agli amici del poeta la pubblicazione dell’ Eneide. Nella norma della pratica antica Eneide è stata pubblicata senza l’intromissione della redazione (in altre parole, il testo che è arrivato a noi, proviene direttamente dalla penna dell’autore).

  5. #5
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da El_tipo Vedi messaggio
    polvere di stelle, ma ti stai riscoprendo nel classicismo???!!!
    Sono contento! L'Eneide poi...l'ho sempre considerato un poema molto romantico...guerra e amore ai massimi livelli poetici
    Beh, ho sempre amato il classicismo ma solo recentemente ne sto scoprendo e apprezzando la sua bellezza

Discussioni simili

  1. Eneide
    Da Ugly Betty nel forum Amici
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-06-2008, 06:21 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •