Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Aspettando

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Coetzee, J.M. - Aspettando i barbari

  1. #1
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Coetzee, J.M. - Aspettando i barbari

    Un magistrato bianco, che per decenni si è occupato degli eventi del piccolo insediamento di frontiera in cui vive, ignorando la guerra tra i barbari e l'Impero che pure incombe sulla cittadina, si trova all'improvviso a confrontarsi con la realtà: dapprima comincia a simpatizzare con i prigionieri angariati durante gli interrogatori, poi si innamora di una di loro, una barbara. Tanto l'amore quanto la dura condizione carceraria lo spingono a compiere, finalmente, un atto di ribellione.

    Letto in occasione della sfida dei 5 continenti per l'Africa, ho avuto modo di conoscere questo grande scrittore premio Nobel 2003 che con uno stile di scrittura semplice e spesso indiretto, riesce come non mai a farti riflettere sulla nostra paura dello straniero, del nostro a volte irrazionale rifiuto di approccio con altre civiltà considerate "incivili" se paragonate all'Occidente industrializzato.
    Questo libro che è ambientato in una terra di nessuno (che per certi versi ricorda le grandi distese desertiche dell'Africa) è un piccolo gioiello contro tutte le forme esistenti di pregiudizio sociale. Il magistrato bianco che si trova a dover tutelare l'ultima frontiera di un potente Impero coloniale, viene così attraverso il contatto con una ragazza "barbara" menomata dalle continue torture, a conoscenza di una realtà di valori e sorprusi di cui era del tutto inconsapevole.
    In questo libro si può notare un'aperta critica al Sudafrica dell'apartheid, alla fine per Coetzee di fondamentale importanza è testimoniare contro queste forme di segregazione e violenza. Un capolavoro, BELLISSIMO!
    Ultima modifica di zaratia; 06-01-2009 alle 05:58 PM.

  2. #2

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dorylis Vedi messaggio
    . Un capolavoro, BELLISSIMO!
    Sottoscrivo. Un classico moderno.

  3. #3
    Junior Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Aspettando i barbari di J.M.Coetzee

    Mi limito a citare una perla tratta da questo splendido romanzo, parla da sola:

    Qualche volta, al mattino, se la giornata è bella, riesco ancora a
    sentire la forza e l'agilità della mia piena virilità. Come un'ombra
    allora scivolo da una macchia all'altra. Con gli stivali che ho
    ingrassato per trent'anni, passo a guado ruscelli di acqua gelata. Sopra
    la giacca ho la mia gigantesca pelle d'orso. Sulla barba mi si forma la
    brina ma le mani sono calde nei guanti. La vista è acuta, l'udito fino,
    fiuto l'aria come un bracco, in uno stato di pura esaltazione.
    Oggi lascio il mio cavallo legato dove finisce la striscia di erba
    palustre, sulla brulla sponda sud-occidentale del lago, e procedo a
    piedi tra le canne. Il vento, gelido e secco, mi soffia dritto negli
    occhi, il sole è sospeso come un'arancia su un orizzonte striato di
    viola e di nero. Quasi immediatamente, per un assurdo colpo di fortuna,
    m'imbatto in un'antilope d'acqua, un maschio con le corna fortemente
    attorcigliate, col pelo ispido e lungo del manto invernale: sta lì, al
    mio fianco, e vacilla quando si allunga verso l'alto per strappare le
    fronde delle canne. Dalla mia posizione, a soli trenta passi, vedo il
    mansueto movimento circolare della mascella, sento il tonfo degli
    zoccoli, riesco perfino a scorgere le goccioline di brina che si
    depositano sulla sua barbetta.
    Ancora non ho studiato la situazione e tuttavia, quando l'antilope si
    solleva, con le zampe anteriori piegate sul petto, alzo il fucile e
    glielo punto alle spalle. Il mio movimento è stato lento e continuo, ma
    forse il sole dev'essersi riflesso sulla canna del fucile, perché nel
    riabbassarsi volta la testa e mi vede. Gli zoccoli toccano la terra
    ghiacciata producendo un suono secco, leggero, la mascella s'arresta a
    metà, e ci guardiamo.
    Il battito cardiaco è regolare: evidentemente non m'importa se
    l'antilope muore.
    Mastica ancora una volta, un solo colpo di mandibola, poi smette. Nel
    silenzio di quel chiaro mattino scopro un sentimento oscuro annidato ai
    confini della mia coscienza. Col maschio di antilope immobile, come
    sospeso davanti a me, sembra che ci sia tempo per tutto, tempo
    addirittura per rivolgere lo sguardo dentro di me e capire cos'è che ha
    tolto alla caccia tutto il suo fascino: la sensazione che ormai non si
    tratti più di una mattina di caccia, ma di una circostanza in cui o il
    fiero animale cadrà colpito a morte insanguinando la neve o il vecchio
    cacciatore sbaglierà il suo colpo; la sensazione che per tutta la durata
    di questo istante raggelato le stelle siano disposte in una
    configurazione in cui gli eventi non sono più quello che sono, ma
    significano altre cose. Resto lì, dietro il mio meschino riparo, nel
    tentativo di scuotermi di dosso questa sensazione irritante e
    misteriosa, finché la bestia non si volta e con un guizzo della coda e
    un breve tonfo degli zoccoli scompare tra le alte canne.

Discussioni simili

  1. Coetzee, J.M. - Foe
    Da ~ Briseide nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-22-2016, 01:07 PM
  2. Baricco, Alessandro - I Barbari
    Da ryoko nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 08-25-2016, 03:22 PM
  3. Beckett, Samuel - Aspettando Godot
    Da Sir_Dominicus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 31
    Ultimo messaggio: 05-14-2016, 01:48 PM
  4. Coetzee, J.M. - Vergogna
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 04-23-2015, 08:18 PM
  5. Coetzee, J.M. - Elizabeth Costello
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 04-11-2010, 01:33 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •