Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La voglia

Mostra risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Jelinek, Elfriede - La voglia

  1. #1

    Predefinito Jelinek, Elfriede - La voglia

    "Il direttore di una cartiera situata in una valle alpina, adulato e rispettato in paese poiché la sua azienda dà lavoro alla maggior parte della popolazione locale, è in privato un individuo gretto, brutale, senza scrupoli, che opprime gli operai e assoggetta la moglie alla propria insaziabile lussuria. Lacerata tra il ruolo di madre e quello di oggetto sessuale, la moglie cerca invano rifugio nell'amore per uno studente, che invece la umilia con crudeltà, spingendola in un'inesorabile corsa verso la tragedia". Finale agghiacciante a sorpresa.

    La trama non rivela nulla di notevole. La forza del libro risiede nel linguaggio utilizzato dalla scrittrice per descrivere la piccolezza delle nostre esistenze, la meschinità degli uomini, la condizione di oggetto della donna nel contesto familiare (la storia è ambientata in austria, in un paese di montagna), l'opportunismo e la stupidità umani.
    Si usa un linguaggio estremamente crudo, volutamente freddo, spesso liberamente tratto dalle didascalie pubblicitarie e giornalistiche, come a sottolineare il vuoto espressivo dei maggiori mezzo di comunicazione della nostra società.
    Il tentativo è efficace, durante la lettura si avverte distintamente il senso di oppressione, di inevitabilità, di crudeltà del destino.
    Non è un testo facile. Spesso è poco comprensibile (personalmente credo di aver colto circa il 60% del significato del libro).
    Basti pensare che non c'è nemmeno un dialogo, gli stessi nomi dei personaggi appaiono solo alla fine del romanzo. La narrazione è interamente affidata alla descrizione dell'autrice, terza spietata spettatrice dei fatti, delle azioni, dei pensieri dei personaggi, filtrati dalla sua personale visione degli eventi. Le vicende sono descritte con estrema disillusione e tagliente ironia, al limite della misantropia.
    Sconsiglio la lettura alle ragazze che hanno già problemi di relazione con l'altro sesso...si potrebbe compromettere definitivamente ogni forma di comunicazione!
    Consigliato a chi cerca un libro che provochi inquietudine, dolore e senso di ineluttabilità.
    Questa era la mia espressione durante la lettura

  2. #2
    Junior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    salerno
    Messaggi
    21
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Non ho letto questo libro ma dalla descrizione che hai fatto sono rimasta ...:

  3. #3

    Predefinito

    In effetti non mi sento molto di consigliarne la lettura..nel senso che è una scrittura davvero molto difficile, soggettiva e visionaria a tratti, scollegata, spesso il nesso logico fra le frasi sfugge. e poi il messaggio è davvero crudo..l'efficacia del linguaggio è ai massimi livelli, quindi la crudezza ti entra proprio nel cervello...non si può dire che sia la classica lettura piacevole, ti sconvolge un po' dentro, ma non in senso positivo. Non è libro che ti aiuta a capire, o che ti fa crescere, o che ti illumina o che altro..è un libro che ti traumatizza e stop.
    Nn ho il cuore di consigliarlo ma mi sembrava giusto recensirlo, nel caso ci fosse qualcuno che ha bisogno di questo..

  4. The Following User Says Thank You to Nikki For This Useful Post:


  5. #4
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18804
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    635
    Thanked in
    380 Posts

    Predefinito

    io non ho letto niente di questa scrittrice ma ho visto il film La pianista tratto da un suo capolavoro, il tema è quello della perversione sessuale e i rapporti malati sia familiari che non. Temi forti senza dubbio, non da prendere a cuor leggero. Nel 2004 le è stato conferito il Nobel per la Letteratura ma non ho ancora avuto il coraggio di affrontarla

  6. #5

    Predefinito

    No, temi facili per niente. Io invece non ho visto il film, ma mi piacerebbe molto. Ora che me lo hai ricordato, sarebbe interessante vedere come la scrittrice è stata interpretata su pellicola!mmm.. andrò in videoteca presto!

  7. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    io ho letto la pianista ed è un libro meraviglioso!

  8. #7
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2652
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    164 Posts

    Predefinito

    ... La voglia che fa passare la voglia di leggerlo!

  9. #8
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5058
    Thanks Thanks Given 
    132
    Thanks Thanks Received 
    162
    Thanked in
    103 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da bonadext Vedi messaggio
    ... La voglia che fa passare la voglia di leggerlo!
    Addirittura???

  10. #9
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2652
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    164 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayuthaya Vedi messaggio
    Addirittura???
    Si, mi sto imponendo di finirlo, ormai ho le ultime 30 pagine, ma che fatica e che sofferenza!

  11. #10
    Ananke
    Data registrazione
    Feb 2014
    Località
    Mantova
    Messaggi
    2652
    Thanks Thanks Given 
    186
    Thanks Thanks Received 
    250
    Thanked in
    164 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Nikki Vedi messaggio
    In effetti non mi sento molto di consigliarne la lettura..nel senso che è una scrittura davvero molto difficile, soggettiva e visionaria a tratti, scollegata, spesso il nesso logico fra le frasi sfugge. e poi il messaggio è davvero crudo..l'efficacia del linguaggio è ai massimi livelli, quindi la crudezza ti entra proprio nel cervello...non si può dire che sia la classica lettura piacevole, ti sconvolge un po' dentro, ma non in senso positivo. Non è libro che ti aiuta a capire, o che ti fa crescere, o che ti illumina o che altro..è un libro che ti traumatizza e stop.
    Nn ho il cuore di consigliarlo ma mi sembrava giusto recensirlo, nel caso ci fosse qualcuno che ha bisogno di questo..
    Quoto in toto questo commento di Nikki dove spiega il perchè sconsiglia questo libro

Discussioni simili

  1. La scuola uccide la voglia di leggere?
    Da Elena.90 nel forum Le Sempreverdi - Discussioni con Bellezza eterna
    Risposte: 61
    Ultimo messaggio: 03-29-2013, 11:10 AM
  2. Moccia, Federico - Ho voglia di te
    Da Lauretta nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 03-26-2013, 03:23 PM
  3. Ho voglia di ridere....
    Da .Ale. nel forum Salotto letterario
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 12-27-2010, 12:59 AM
  4. Datemi 3 risposte, ho voglia di far domande
    Da Fabio nel forum Tutti i giochi
    Risposte: 176
    Ultimo messaggio: 10-02-2009, 07:16 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •