Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Un tram che si chiama desiderio

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Kazan, Elia - Un tram che si chiama Desiderio

  1. #1
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Kazan, Elia - Un tram che si chiama Desiderio

    Trama

    Il calvario della povera Blanche nella casa dell'odioso cognato.

    Da quando è morto suo marito Blanche Dubois non si è più risollevata tanto che, per affogare il dolore, ha cominciato a bere. Questo le ha fatto perdere il posto di insegnante e così, sola e senza risorse, va a stare dalla sorella, a New Orleans. La sorella aspetta un figlio dal marito Stanley, un uomo brutale e violento con cui Blanche non lega. Mitchell, un amico di Stanley, prova per lei un certo sentimento, ma Stanley per questo lo deride, mettendo in dubbio l'onestà di Blanche...

    Commento

    Film bellissimo degli anni d'oro di Hollywood, ritrae un terzetto indimenticabile, tre furono gli attori a vincere l'Oscar (Leigh protagonista, Hunter e Malden non protagonisti) ma nella storia del cinema resterà impressa l'interpretazione di Kowalski da parte di Marlon Brando, battuto all'ultimo da Bogart.
    Vivien Leigh, la Rossella di Via col Vento, ci appare stavolta in un'interpretazione piuttosto inusuale a quelle a cui siamo abituati: da donna forte e intrepida si trasforma in Blanche, una donna fragile, isterica e alcolizzata. La sua sola presenza basterebbe ad occupare lo schermo (grandissima prova di recitazione!! ) ma il vero protagonista del film è Marlon Brando che ha creato l'icona del lavoratore rozzo, sudato e muscoloso, un uomo schietto e brutale che non si lascia prendere in giro da nessuno e domina con la sola violenza.
    Il pregio del film (ricordare l'Oscar alle scenografie! ) è ambientare una storia così complessa fra 4 mura separate solo da una tenda, unica barriera fra i protagonisti che bevono e sognano.
    Tragico il finale che rientra perfettamente nell'ottica delle cose, una violenza contro quel desiderio di evasione e ricerca della magia nella vita quotidiana. Consigliato!!
    Ultima modifica di elisa; 05-28-2014 alle 09:18 PM. Motivo: format titolo

  2. #2
    +Dreamer+ Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    3704
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Post

    Dopo questa bellissima recensione qualunque commento è superfluo: un grandissimo film che deve essere visto!!!

  3. #3
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ayla Vedi messaggio
    Dopo questa bellissima recensione qualunque commento è superfluo: un grandissimo film che deve essere visto!!!
    Bellissima recensione?? Esagerata! Comunque ho voglia di rivederlo!!!

  4. #4
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18935
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    243
    Thanks Thanks Received 
    706
    Thanked in
    434 Posts

    Predefinito

    Un film ancor oggi "difficile" perché riesce ad andare nel profondo dei personaggi ricavando il meglio da loro in quanto interpretazione, molto interiorizzata come insegna il metodo Stanislavskij. Ancor oggi ha molto da dire sul dramma di questa donna, Blanche, incapace di affrontare la realtà perché macerata dai sensi di colpa e di questo uomo, Kowalski, altrettanto incapace perché sopraffatto da emozioni non controllabili, come lo sono anche Stella, malata d'amore e Mitch, affettivamente dipendente dala madre. Un bel campionario di nevrosi e sindromi che i due attori principali hanno riprodotto anche in vita.

  5. #5
    giovaneholden
    Guest

    Predefinito

    Dalla celebre commedia di Tennessee Williams,un cult del grandissimo Elia Kazan,uno dei film che ha contribuito a creare il mito di Marlon Brando e del suo modo di recitare unico. Imperdibile!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Kazan, Elia - La valle dell'Eden
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 01-13-2013, 10:09 PM
  2. Roth, Philip - Professore di desiderio
    Da Roberto53 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-23-2009, 11:00 PM
  3. Sajetti, Sarah - Volevo solo un biglietto del tram
    Da monnalisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 12-21-2008, 01:48 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •