Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La cripta dei cappuccini

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 17

Discussione: Roth, Joseph - La Cripta dei Cappuccini

  1. #1
    Junior Member
    Data registrazione
    Jun 2009
    Località
    veneto
    Messaggi
    13
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Roth, Joseph - La Cripta dei Cappuccini

    Libro sulla decadenza di un mondo ingessato dove l'implosione diventa inevitabile e perfino salvifica.

    per approfondimenti:
    http://it.wikipedia.org/wiki/La_cripta_dei_cappuccini
    Ultima modifica di elisa; 05-29-2016 alle 07:07 PM. Motivo: edit titolo

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    530
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Scusate se riprendo una discussione del 2009 ma Roth è uno dei miei scrittori preferiti, e La cripta dei cappuccini uno dei suoi lavori che ho apprezzato di più.
    Scritto nel 1938, mentre lo scrittore era esule a Parigi, racconta la solitudine sia morale che spirituale di un giovane rampollo di una nobile famiglia austriaca che vede tramontare la propria epoca, attraverso l’esperienza della prima guerra mondiale che porta in lui rivelazioni sulle incapacità collettive di fronte alla fine di una civiltà che pareva bloccata ed eterna. Uno dei più grandi scrittori della finis Austriae ci ha lasciato un addio struggente e lucidissimo di quell'epoca, destinata inevitabilmente a scomparire per sempre sotto i colpi del terzo Reich. L'ho trovato davvero commovente e ben scritto

  3. #3
    Mathematician Member
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    698
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Libro semplicemente sublime, da leggere tutto d'un fiato. La narrazione di Roth è quantomeno miracolosa; pur non avendo una trama movimentata questo libro scorre come pochi e non ci si riesce a fermare. Consigliato è dir poco.

  4. #4
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5101
    Thanks Thanks Given 
    147
    Thanks Thanks Received 
    209
    Thanked in
    129 Posts

    Predefinito

    Forte e insieme delicato questo romanzo – non troppo lungo – di Joseph Roth, autore che leggo per la prima volta.
    Devo dire che, nonostante le aspettative fossero molto alte, non sono rimasta delusa. Lo stile è nitido, lineare, vibrante nella sua semplicità. Ho apprezzato moltissimo soprattutto la prima parte: il racconto di un mondo al tramonto (l'Impero austro-ungarico a ridosso della Prima Guerra Mondiale), attraverso gli occhi di chi nel frattempo lo ha visto morire e ripercorre con malinconia – e forse un briciolo di nostalgia – situazioni ed emozioni che ormai non torneranno più.
    È questo sguardo retrospettivo che mi ha colpito più di ogni altra cosa... Quali sono i sentimenti che prova Trotta/Roth volgendo lo sguardo al suo passato? Il tono è ambiguo: un misto di indulgenza, ironia e amarezza...
    Si potrebbe credere che il “distacco” quasi autocritico che il protagonista prova nei confronti della realtà prebellica, alla quale tuttavia anch'egli apparteneva, sia dovuto solo al fatto di conoscerne il triste epilogo (“la morte incrociava già le sue mani ossute sopra i calici da cui noi bevavamo, lieti e puerili”)... Ma non è così: l'imbarazzo che prova nei confronti dei suoi compagni, la paura di risultare ridicolo ai loro occhi - tanto da essere costretto a nascondere i propri sentimenti nei confronti dell'innamorata Elisabeth, ma anche di sua madre- , il genuino ma se vogliamo ingenuo fascino che suscitano in lui il cugino caldarrostaio e il suo amico vetturino (ammirati non tanto come “individui” quanto come “simboli” quasi folkloristici) , sono tutti sintomi di un disagio già presente nell'animo del protagonista e che, finita la guerra e dissolto l'Impero, non faranno altro che trovare una triste conferma.

    Tornato a casa, Trotta sente che la realtà che lo circonda gli è estranea e ostile, e – falliti i miseri tentativi di “mettere ordine nella sua vita” – giunge alla coscienza della sua natura di “esiliato”: “(eravamo) una generazione votata alla morte, che la morte aveva sdegnato”. Tutto è cambiato: è come se quel velo morbido e sottile che ricopriva ogni cosa (nobilitando anche ciò che forse non meritava di esserlo) si fosse dissolto.
    La guerra ha portato via con sé ogni retorica, ogni vuoto formalismo (bellissimo il passaggio in cui il protagonista prova a baciare la mano della moglie, che la ritrae quasi schernendolo), ma al loro posto cosa si è affermato? Non valori nuovi, ma nuove menzogne; non sentimenti puri finalmente liberi di essere espressi, bensì “moderne” ipocrisie... al vacuo formalismo dell'Impero si è sostituita un'arida logica del profitto, alla quale il protagonista non riesce a conformarsi.
    L'incapacità di Trotta di adattarsi a questo nuovo mondo in fin dei conti non è troppo diversa da quella che gli impediva di vivere serenamente la sua giovinezza. L'impressione che ho avuto è che Roth voglia in qualche modo metterci in guardia contro tutti i “falsi valori” che possono contaminare qualsiasi realtà e qualsiasi epoca... Certo non si può prescindere dal contesto effettivo nel quale il romanzo è inserito (la dissoluzione dell'Impero austro-ungarico e il delinearsi del Regime nazista), né dal momento in cui questo è stato scritto (con Roth esule in Francia a causa di questo stesso Regime), però allo stesso tempo la sua scrittura è così limpida e forte da superare i limiti storici.

    Quando qualcosa finisce, porta sempre dolore. Tramontato il suo mondo, scomparsa ogni certezza, il protagonista si chiede dove potrà andare ora, e se lo chiede nella Cripta dei Cappuccini, ovvero proprio nel luogo che custodisce le vestigia di ciò che ha perso. Una conclusione amara, per un libro che comunque non è privo di ironia ed è sicuramente molto, molto piacevole.
    Ultima modifica di ayuthaya; 05-21-2013 alle 01:38 PM.

  5. #5
    Together for ever
    Data registrazione
    Jun 2011
    Località
    zanzaratown
    Messaggi
    2255
    Thanks Thanks Given 
    376
    Thanks Thanks Received 
    236
    Thanked in
    149 Posts

    Predefinito

    ayu , ti ringrazio per la fresca recensione.
    E' il libro che leggerò fra poco, appena finto quello che ho in corso.
    Ti ho letto velocemente perché voglio un pò di sopresa.

  6. #6
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5101
    Thanks Thanks Given 
    147
    Thanks Thanks Received 
    209
    Thanked in
    129 Posts

    Predefinito

    sì, sì...no problem!!! sono certa che ti piacerà! poi facci sapere, eh? buona lettura!!!

  7. #7
    Together for ever
    Data registrazione
    Jun 2011
    Località
    zanzaratown
    Messaggi
    2255
    Thanks Thanks Given 
    376
    Thanks Thanks Received 
    236
    Thanked in
    149 Posts

    Predefinito

    molto soddisfatta di questa lettura, come per il precedente Fuga senza fine, mio prima lettura di questo scrittore.
    Lo trovo così attuale, nonostante sia stato scritto in un'altro secolo.Grande suo pregio la scorrevolezza e significanza di ogni sua frase.
    Tutto il resto lo avete già scritto voi.Sono felice di averlo incontrato

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    2849
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    5
    Thanked in
    5 Posts

    Predefinito

    Un libro meraviglioso.

    Roth racconta di una nostalgia per un mondo che sembra destinato a scomparire. Ne descrive la bellezza, ma ci mostra anche la sua goffaggine e quell'immobilità che lo rende avverso al cambiamento. Ma non è solo il un nuovo modo di vivere che si avvicina a spaventare il protagonista, quanto il presagio di uno sfacelo.

    Scrittura chiara e scorrevole. Grandissima la capacità dello scrittore di trasmettere la manifestazione di una fine e l'avvicinarsi di una catastrofe. Emblematico il finale. Uno dei più bei libri che ho letto.
    Ultima modifica di Apart; 09-04-2013 alle 10:19 PM.

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    895
    Thanks Thanks Given 
    246
    Thanks Thanks Received 
    190
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Ho appena terminato di leggere questo libro, da cui mi aspettavo molto dopo aver letto, dello stesso autore, "la ribellione" che avevo apprezzato. La scrittura è certamente affascinante, ci sono descrizioni di paesaggi e personaggi veramente notevoli, a me ha colpito soprattutto il (non) svolgersi della prima notte di nozze e non discuto il livello artistico. Entrando nel merito è però la storia di un disadattato, in un mondo che sta rapidamente cambiando e che piano piano ne distrugge ogni certezza, ma trovo assolutamente assurdo il percorso del giovane Trotta. Abituato nel mondo dorato della nobiltà del tempo come può essere affascinato da personaggi come il cugino e il vetturino fino a scegliere di andare a cercare la morte in guerra insieme a loro? Cosa gli possono dire questi personaggi che poi nel corso della storia sembra quasi che l'autore non sappia più dove collocarli? e quella moglie che prima lo rifiuta sembra per un rapporto con un'altra donna, poi lo ama, poi dirige con piglio professionale una pensione, e infine va a Hollywood in cerca di gloria? Può tutto questo apparire verosimile?
    Ecco è questo che non mi ha convinto. Se uno pensa alla storia romanzata di personaggi superati dalla storia del tempo in cui vivono mi viene in mente il principe di Salina e mi sembra che il percorso scelto dall'autore per descrivere il percorso di questo personaggio sia di spessore molto più consistente.

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    Marche
    Messaggi
    2324
    Thanks Thanks Given 
    68
    Thanks Thanks Received 
    105
    Thanked in
    80 Posts

    Predefinito

    Questo libro é la descrizione nostalgica della fine di un mondo e di come il protagonista no riesca ad adattarsi al cambiamento, anzi non ci prova nemmeno, tira avanti, rinuncia a vivere disinteressandosi sia alla sua vita personale che a quella del suo paese, che si avvia ad un'altra rovina.
    Scrittura chiara e scorrevole, il libro si legge facilmente nonostante la trama soprattutto nella prima parte vada avanti senza troppi avvenimenti. Consigliato.

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4428
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    788
    Thanks Thanks Received 
    480
    Thanked in
    327 Posts

    Predefinito

    Copio dal minigruppo:
    Occhio agli spoiler :link:

    Ho un solo rammarico, quello di averlo letto a rate, sarebbe stato meglio gustarselo tutto d'un fiato.
    Trotta è IL rappresentante dell'inettitudine di una generazione. Spiega perché poi la Germania venga affascinata e travolta dalla follia nazista. Trotta non sa andare oltre il proprio immobilismo, non si riscatta nemmeno attraverso la paternità. Lo spirito pratico è disprezzato, i tentativi di riscatto di qualunque genere pure. La cripta dei cappuccini diventa un simbolo ideale: ciò che è considerato grande e vero è di fatto morto per sempre.
    Un gran bel libro, descrizioni preziose e acutissime, atmosfere cariche di simbolismi. Grazie a Velvet per averlo proposto

  12. #12
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    2152
    Thanks Thanks Given 
    236
    Thanks Thanks Received 
    251
    Thanked in
    147 Posts

    Predefinito

    Che bello questo libro.
    Tanto più bello perchè non conoscevo l'autore, me lo sono ritrovato in mano per puro caso: è lui che ha trovato me

    E' soprattutto la prosa ad avermi colpito: lineare, mai esagerata, eppure efficacissima. Efficace a proiettarti in quell'atmosfera decadente e con l'imminenza del disastro annunciato.

    Raramente mi era capitato di essere così avvolto, fin dalle primissime righe ed ancora prima di capire storia e personaggi, nelle atmosfere che lo scrittore ha voluto rappresentare.

  13. #13
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Vicenza
    Messaggi
    881
    Thanks Thanks Given 
    164
    Thanks Thanks Received 
    51
    Thanked in
    36 Posts

    Predefinito

    Ho appena finito questo libro che ho letto in seguito alle recensioni positive che ho trovato qui. E' la prima opera che leggo di questo scrittore e mi è piaciuto molto. L'ho trovato molto ben scritto e scorrevole. Leggerò sicuramente altro di Roth. Lo consiglio.

  14. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2011
    Località
    -Bergamo
    Messaggi
    11960
    Thanks Thanks Given 
    550
    Thanks Thanks Received 
    614
    Thanked in
    301 Posts

    Predefinito

    Cos'è decadenza? Cosa si prova quando un evento devastante sconvolge il tuo piccolo mondo fatto di rituali, di convenzioni e di piccole abitudini e tu ti ritrovi ad essere, tuo malgrado, un sopravvissuto? Roth ce lo descrive magistralmente in questo piccolo ma potente racconto. La sensazione della sabbia che ti scivola tra le dita e si porta via tutto permea ogni pagina lasciandoti addosso malinconia e tristezza anche se, al contempo, sei consapevole di star leggendo pagine bellissime; le descrizioni sono davvero sublimi (chapeau anche al traduttore )
    Top personaggii: la madre del protagonista e il vetturino ebreo.
    Flop: la moglie del protagonista (insopportabile gattamorta lesbica-ma che si rifiuta di ammetterlo a se stessa-).

    Non avevo mai letto niente di questo scrittore e devo ringraziare Malafi per avermelo fatto scoprire. Consigliatissimo.

  15. #15
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5101
    Thanks Thanks Given 
    147
    Thanks Thanks Received 
    209
    Thanked in
    129 Posts

    Predefinito

    Roth è uno scrittore sublime. Finora non c'è nulla che abbia letto di lui che non mi sia piaciuto... Prossimo libro:La marcia di Radetzky.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Mankiewicz, Joseph Leo - Eva contro Eva
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-12-2017, 01:58 PM
  2. Le Fanu, Joseph Sheridan - Carmilla
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 06-29-2016, 01:35 PM
  3. Le Fanu, Joseph Sheridan
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Autori
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 08-01-2009, 01:48 PM
  4. Farquharson, Joseph
    Da Masetto nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-02-2008, 02:33 PM
  5. Conrad, Joseph - Gioventù
    Da joetiziano nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-03-2008, 08:43 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •