Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La misura del mondo

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Kehlmann, Daniel - La misura del mondo

  1. #1

    Predefinito Kehlmann, Daniel - La misura del mondo

    "Verso la fine del diciottesimo secolo due giovani tedeschi si dedicano alla misurazione del mondo. Uno, Alexander von Humboldt, inventa la geografia moderna, inoltrandosi nella foresta vergine e nella steppa, navigando sull'Orinoco, sperimentando su di sé i veleni, contando i pidocchi sulla testa degli indigeni, strisciando nei buchi della terra, arrampicandosi sui vulcani e incontrando mostri marini e cannibali.
    L'altro, il matematico e astronomo Carl Friedrich Gauss - che non riesce a trascorrere la sua vita senza una donna e, tuttavia, perfino la prima notte di nozze salta giù dal letto per annotarsi una formula -, rivoluziona la matematica dimostrando, tra le mura domestiche nella piccola Gottinga, la curvatura dello spazio. Anziani, famosi e un po' bislacchi, i due si incontrano a Berlino nel 1828. Ma, non appena Gauss mette piede in città, sono già coinvolti fino al collo nei disordini politici della Germania postnapoleonica. Con elegante senso dell'umorismo, Daniel Kehlmann descrive la vita di due geni, le loro debolezze e aspirazioni, le loro oscillazioni tra goffaggine e grandiosità, fallimenti e successi.
    La Misura del mondo è un gioco raffinato di fatti e finzioni, un romanzo filosofico di avventura di rara fantasia, forza e ironia".

    E' un romanzo di avventura che prende le mosse dalle esistenze di personaggi veri, che hanno cambiato il corso dell'umanità.
    Le pagine trasudano la passione della scienza, della ricerca della verità e dei segreti del mondo. La matematica è sapientemente illustrata come al chiave di lettura della realtà. Una storia che mostra tutta la grandezza della mente umana.
    Il racconto è avvincente, a tratti ironico, a tratti tremendamente commovente. Alcune scene finali sono quasi visionarie (l'apparizione di Kant..nel suo aspetto fisico imperfetto o la visione per un istante attraverso il vetro della finestra, di notte, della Berlino del XXI secolo..). E il finale conforta la speranza del riscatto (psicologico, emotivo, sociale).
    Consigliato, soprattutto per chi ha bisogno di riscoprire la passione in ciò che fa e l'emozione in ciò che vede.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Dec 2010
    Località
    fa lo stesso
    Messaggi
    580
    Thanks Thanks Given 
    3
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Argomento interessantissimo, peccato sia stato scritto (o tradotto?) coi piedi.
    Saluti

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4361
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    733
    Thanks Thanks Received 
    453
    Thanked in
    308 Posts

    Predefinito

    Mi è piaciuto, anche se alla lunga perde un po'del mordente iniziale. La vicenda dei due studiosi, tanto dissimili per storia e carattere quanto ugualmente fondamentali per il progresso della scienza del secolo XVIII (e oltre), è trattata quasi come un romanzo e lascia scoprire personaggi ed opere di cui oggi poco si sa (di Humboldt sapevo solo che ha dato nome alla corrente fredda che bagna la costa del Cile; di Gauss anche meno, non avendo mai studiato fisica... matematica... trigonometria... insomma, quella cosa che ti insegna cosa sia la 'curva gaussiana', che so esistere ma così, come so che esiste la galassia di Andromeda...).

    Grazioso, ma non imperdibile.
    Bella la copertina

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Pennac, Daniel - Diario di scuola
    Da Mrs. Rog nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 08-09-2015, 05:25 PM
  2. Pennac, Daniel - Come un romanzo
    Da labonsai nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 12-12-2013, 03:55 PM
  3. Pennac, Daniel - La prosivendola
    Da cla nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-29-2012, 11:47 PM
  4. Pennac, Daniel - La fata carabina
    Da Palmaria nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 10-15-2012, 01:06 AM
  5. Chavarria, Daniel - Quell'anno a Madrid
    Da paolofederici nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-11-2008, 07:09 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •