Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

le-lacrime-di-nietzsche

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Yalom, Irvin D. - Le lacrime di Nietzsche

  1. #1
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Yalom, Irvin D. - Le lacrime di Nietzsche

    Una storia fantastica ma verosimile sia dal punto di vista storico che per l'accurata caratterizzazione degli speciali personaggi protagonisti di questo romanzo. La vicenda si svolge a Vienna nel 1882 e ha come protagonisti il dr. Breur, un famoso medico viennese noto all’epoca per le notevoli scoperte in campo medico e per l’innovativo approccio nella trattazione di patologie psichiatriche, e Friederich Nietzsche, affetto da vari disturbi fisici (tra cui le terribili emicranie) nonché da un non meglio identificato mal di vivere.

    L’autore ipotizza un incontro tra il medico ed il filosofo a seguito dell’intercessione di Lou Salomé, donna amata da Nietzsche: nella realtà non è documentato alcun incontro tra Breur e Nietzsche anche se, proprio nell’anno considerato, risulta che quest’ultimo abbia consultato diversi medici europei perché affetto da uno profondo stato depressivo.
    Il medico viennese rimane immediatamente affascinato dalla personalità del filosofo e tenta di adottare con questi una terapia (che Breur cominciava a sperimentare in quei tempi, coadiuvato dal suo allievo Sigmund Freud, brillante e intuitivo specializzando in medicina) basata sulla convinzione che la guarigione del corpo passi attraverso quella dell’anima e, quindi, utilizza il dialogo come mezzo per penetrare nell’inconscio del paziente al fine di risalire ad un trauma del passato considerato causa delle patologie del presente.

    Sono i primi passi della psicanalisi (Breur è infatti considerato antesignano di Freud nell’impostazione di questa nuova scienza) ancora incerti e non ben strutturati e soprattutto non sufficienti a penetrare uno spirito complesso come quello di Nietzsche. Da qui scaturisce l’intuizione del medico viennese di sfruttare le idee filosofiche di Nietzsche, ancorché astratte e rivolte all’umanità considerata nel suo complesso, per applicarle al caso concreto.
    Inizia un rapporto molto intenso tra il filosofo e il medico, in cui i ruoli non sono assolutamente predefiniti ma si delineano man mano: è lo stesso Breur il primo a beneficiare di questa terapia, riuscendo a comprendere, attraverso lo scambio di pensieri con Nietzsche, le cause della sostanziale insoddisfazione personale che lo affligge da tempo, nonostante i successi in campo lavorativo e un’apparentemente invidiabile situazione familiare.

    E’ un romanzo ben costruito, interessante e stimolante: illustra con precisione le modalità di sviluppo di una “cura dell’anima” (l’autore è uno psichiatra docente alla Stanford University) con piacevolissime dissertazioni sulla filosofia nietzschiana.
    Preso per caso, si è rivelato un libro veramente appassionante: consigliatissimo!!!!

  2. #2

    Predefinito

    L'ho appena terminato, è un libro "violentissimo", nel senso che gli scontri dialettici tra il neonato approccio psicoanalitico e la filosofia di Nietszche sono emozionanti e mi hanno coinvolto in modo significativo. Yalom è uno scrittore di razza ed è in grado di far rivivere grandi uomini del pensiero nella loro quotidianità, umanità e profondità.
    Consigliatissimo anche "La cura Schopenauer".

    Voto: 10/10

  3. #3
    Vagabonding Member
    Data registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    5080
    Thanks Thanks Given 
    139
    Thanks Thanks Received 
    185
    Thanked in
    122 Posts

    Predefinito

    L'operazione svolta da Yalom all'interno di questo romanzo è coraggiosa e magistralmente condotta:
    da una parte un uomo brillante, coronato dal successo, vittima di una “malattia dell’anima” che – all’epoca dei fatti – non ha ancora un’identità riconosciuta nè tanto meno una terapia. Quest’uomo, un affermato e stimato medico viennese, è travolto dall'ossessione erotica nei confronti di una sua ex paziente, il cui allontanamento è stato reso necessario proprio a causa dell’evolversi pericoloso del loro rapporto, sempre più stretto, sempre più compromettente. Ma il distacco non ha sortito l’effetto desiderato, anzi... sottratto l’oggetto del desiderio alla sua vita reale, esso ha preso possesso della sua vita psichica, finendo per contaminare ogni aspetto della sua esistenza.
    Dall’altra parte, un filosofo ancora quasi sconosciuto – ma destinato a una fama mondiale – oppresso da una serie di gravissimi sintomi, indici di un male “reale”, fisico, ma anch’esso difficile da diagnosticare e curare.
    Da una parte il dottor Breuer, co-fondatore del metodo psicanalitico ( la “cura basata sul parlare”), dall’altra Nietsche. Da una parte un uomo che combatte coi propri fantasmi, dall’altra uno che combatte contro la propria umanità, quasi fosse una colpa da scontare, anzi, da trascendere per seguire il proprio destino. L’uno e l’altro, l’uno per l’altro, saranno medico e allo stesso tempo paziente... chi curerà chi? E in che modo? Quasi fosse un giallo, le cose prenderanno una piega molto diversa da ciò che le premesse sembravano suggerire...

    Il risultato dell’incontro (fantomatico) fra queste due grandi personalità è stupefacente... il lettore segue passo dopo passo la scoperta del proprio “io” che compiono i due protagonisti, delle proprie inconfessate paure, dei propri conflitti irrisolti, ma anche della grandezza delle proprie vocazioni.

    Questo libro ci parla di moltissime cose: dell’impotenza della razionalità di fronte ai nostri impulsi più profondi, della relatività dei ruoli di medico e paziente quando l’oggetto della “cura” è la nostra anima, del difficile rapporto fra filosofia e vita reale, e soprattutto fra filosofia e l’uomo che ci sta dietro.
    Un libro che mette in discussione le nostre certezze, che cerca di distruggere – mettendole alla luce – molte delle nostre illusioni, che sembra non offrirci – per molte e molte pagine – nessuna consolazione all’eterno “nulla” che ci attende, se non una serie di“verità scomode”... per lasciarci alla fine un insegnamento bellissimo: qualsiasi cosa facciamo nella vita è una nostra scelta. Persino quello che abbiamo già vissuto, magari controvoglia, magari imposto da qualcun altro, può trasformarsi – amandolo – da “così era” in “così ho voluto”.

    Può darsi che per molti di noi queste siano cose scontate...in un certo senso neanch'io ho scoperto nulla di “nuovo”, ma è proprio perchè ha saputo tirare fuori quello che era già annidato dentro di me mi ha toccato così profondamente. La magia di questo libro, secondo me, è nel far vivere tutto questo come una “rivelazione”: una rivelazione storica in quanto, appunto, siamo agli albori della nascita della psicanalisi (anzi, persino “in anticipo” sulla sua scoperta ufficiale!), e – almeno così è stato per me – una rivelazione umana, in quanto, avendo il coraggio di vivere questa storia come se fosse la nostra storia, e le paure dei protagonisti come se fossero le nostre paure, forse potremo davvero scoprire qualcosa che non sapevamo di noi stessi e magari persino cogliere l’occasione per una consapevolezza in più.

    Profondo e catartico. (...e non da ultimo: straordinariamente avvincente!)
    Ultima modifica di ayuthaya; 06-11-2013 alle 02:57 PM.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Nietzsche, Friedrich - Così parlò Zarathustra
    Da Sir_Dominicus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 02-20-2016, 04:51 PM
  2. Nietzsche, Friedrich - La nascita della tragedia
    Da Handreaar nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 12-14-2012, 07:49 AM
  3. Francés, Victoria - Lacrime di pietra. Favole. Vol. 1
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 10-28-2008, 07:24 PM
  4. Libri e lacrime
    Da PioggiaDiLuna nel forum Salotto letterario
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 08-29-2008, 11:38 PM
  5. McCall Smith, Alexander - Le lacrime della giraffa
    Da Palmaria nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-16-2008, 12:04 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •