Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Racconti del '900

  1. #1
    Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    90
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Racconti del '900

    Vorrei segnalare le opere di un’autrice vissuta nel primo novecento che purtroppo stanno scomparendo dalle librerie. Nota come Katherine Mansfield (uno pseudonimo), nasce in Nuova Zelanda nel 1888 con il nome di Kathleen Mansfield Beauchamp e muore di tubercolosi nel 1923 a Fontainbleau.
    Trascorre la sua vita a Londra dove sposa John Middleton Murray, un critico letterario, che pubblicherà le sue opere postume. Frequenta Virginia Woolf e H. Lawrence ed è una lettrice appassionata delle opere di A. Cechov.
    Opere: “Una pensione tedesca", “Garden Party”, “Il nido delle colombe” “Qualcosa di infantile e molto naturale”, “I diari”.

    I racconti sono pervasi dalla sua vibrante sensibilità che rivela emozioni e sensazioni incredibilmente semplici e quotidiane; dipinge con umorismo e simpatia i suoi personaggi e le loro debolezze con poche vivide efficaci pennellate.

    Ad esempio, nei racconti inclusi nella serie “Il nido delle colombe”, descrive momenti della vita delle persone con il suo caratteristico stile.
    Da “Una tazza di tè”:
    “Rosmary Fell non era precisamente bella … carina? Béh, forse sezionandola … Ma perché avere la crudeltà di sezionare qualcuno? Era giovane, brillante, estremamente moderna, squisitamente vestita, incredibilmente al corrente degli ultimissimi libri e i suoi ricevimenti erano il più delizioso miscuglio di gente davvero importante e di … artisti, creature bizzarre, scoperte sue, alcune orripilante oltre ogni dire, ma altre decisamente presentabili e piacevoli.” E così una figura carismatica balza ai nostri occhi con tutto il suo fascino e la sua simpatia. Ma in tutta questa perfezione le manca quella qualità così importante e ricercata soprattutto nelle donne …
    “… L’antiquario le mostrò una scatolina. Una squisita scatolina dai riflessi così delicati da sembrare cotta nella panna.” Rosmary gli chiese di tenergliela da parte essendo molto costosa “ma il negoziante si era già inchinato come se tenergliela da parte fosse tutto ciò che un essere umano potesse desiderare.” Quando esce dal negozio, una giovane mendicante le si avvicina e lei decide di portarla a casa per offrirle un tè ripromettendosi di tenerla sempre con sé. “Avrebbe dimostrato a quella ragazza che … nella vita succedono davvero cose meravigliose, che … le fate buone esistono … e che le donne sono veramente sorelle.” Una volta che la giovane si è rifocillata, “una persona nuova, una fragile, leggera creatura scarmigliata con le labbra scure e gli occhi profondi e luminosi si abbandonò sulla poltrona”. Mentre discorrono, entra il marito di Rosemary che rimane colpito dalla bellezza dell’ospite. Facile immaginare l’epilogo ma vale la pena di leggerlo per l’ironia con cui la Mansfield descrive la situazione. Certamente la scatolina allevierà il disagio di Rosmary …

    Un altro delizioso racconto è “La casa delle bambole”:
    “”Eccola lì, di un verde scuro, oleoso, color spinacio, ravvivato da un giallo smagliante. I due solidi piccoli camini incollati sul tetto erano dipinti di bianco e di rosso, e la porta, che brillava di vernice gialla, sembrava una fetta di torta caramellata. C’era anche un piccolo portico giallo, con grossi coaguli di vernice lungo i bordi. …ma la cosa che a Kezia piacque più di ogni altra, ciò che le piacque tremendamente, fu la lampada: una squisita piccola lampada d’ambra con il globo bianco. Era perfino piena, pronta per essere accesa anche se, naturalmente, non si poteva accendere. Ma dentro c’era qualcosa che sembrava petrolio e si muoveva se lo scuotevi.”

    Ne “Il nido delle colombe”, madre e figlia sono sedute in giardino quando la cameriera si presenta con un biglietto da visita.:
    “ … Mr. Walter Podger, lessero. Mamma, dal biglietto, levò gli occhi su Milly:
    “Podger, cara?” chiese con dolcezza, come servendo a Milly una fetta di budino sconosciuto.
    E sembrò che Milly ritraesse il proprio piatto mentre rispondeva: “Non .. non so, mamma.”
    Questa è una delle caratteristiche della Mansfield, il suo personalissimo modo di tradurre momenti di imbarazzo o altre emozione.

    Da “Storia di un uomo sposato”:
    “… Nel migliore di noi c’è sempre, potrei giurarlo, qualcosa che al momento di distruggere salta su a gridare un ‘Aaah!’ di gioia.”
    Non è forse vero? Non avete mai cercato di soffocare un senso di esultanza irrazionale nel vedere una situazione disgregarsi?

    È un peccato che sia perduta la delicatezza e l’arguzia di questa scrittrice e spero di avervi convinto a leggere qualche suo racconto.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Modena
    Messaggi
    408
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Per la sfida letteraria avevo letto, tra gli altri libri, la raccolta completa dei racconti della Mansfield. Non posso che concordare col tuo giudizio positivo e ne approfitto per mettere il link della discussione che avevo aperto:

    http://www.forumlibri.com/forum/showthread.php?t=5975

  • #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Friuli
    Messaggi
    19889
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    354
    Thanks Thanks Received 
    1070
    Thanked in
    691 Posts

    Predefinito

    Grandissima scrittrice di racconti è Alice Munro, autrice canadese contemporanea, ha una scrittura immediata, secca e asciutta, ma stupenda. I racconti poi sono tutti di grande fascino, consiglio di leggerla a tutti, anche a chi non ama particolarmente questo tipo di letteratura.


  • Discussioni simili

    1. Mansfield, Katherine - Tutti i racconti
      Da Vesper nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 01-08-2013, 05:54 PM
    2. Camilleri, Andrea - Racconti quotidiani
      Da torejx nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 5
      Ultimo messaggio: 04-07-2012, 07:45 PM
    3. Trippa, Susanna - I racconti di CasaLuet
      Da casaluet nel forum Autori emergenti - autori contemporanei
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 06-01-2009, 12:09 PM
    4. Tomasi di Lampedusa, G. - Racconti
      Da Lollina nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 01-31-2009, 07:32 PM
    5. AA.VV. - Racconti udinesi
      Da elisa nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 09-07-2008, 06:23 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •