Io sono il mercato. Come trasportare cocaina a tonnellate e vivere felici. Teoria, metodi e stile di vita del perfetto narcotrafficante.

"Questa è la storia di uomini normali, insospettabili padri di famiglia saliti al vertice del narcotraffico internazionale. Una storia "criminale", raccontata da uno dei protagonisti, che svela le astuzie del sistema cocaina, ma anche la vita e le abitudini dei grandi trafficanti. I pesci grossi, quelli che non ingoiano gli ovuli né trasportano la droga nei doppi fondi delle valigie, ma nei cargo, nei container, a tonnellate alla volta. Uno sguardo dall'interno. Un nuovo punto di osservazione per capire come l'economia illegale riesce a infiltrarsi nell'economia legale e a condizionarla. Perché la coca, oltre i cliché hollywoodiani e le notizie diffuse da tv e giornali, è un affare straordinariamente redditizio che finanzia guerre, conferisce potere e ridisegna i rapporti internazionali."

Un libro interessante, spiega in modo semplice e sorrevole le tecniche adottate per il trasporto della cocaina: come e perchè ha iniziato a circolare in Europa e come continua ad arrivarci. Alcune parti sono molto leggere, storie di narcotraffcanti eccelsi o finiti male, altre leggermente più pesanti ma credo siano anche le più interessanti. Ha ampliato la la mia visione del mondo criminale così come di quello "pulito", che sguazza nell'economia criminale e campa sui suoi proventi.