Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il figlio del cimitero

Mostra risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Gaiman, Neil - Il figlio del cimitero

  1. #1
    Chocoholic Libridinosa
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Varese
    Messaggi
    1273
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Gaiman, Neil - Il figlio del cimitero

    "Ogni mattino Bod fa colazione con le buone cose che prepara la signora Owens. Poi va a scuola e ascolta le lezioni del maestro Silas. E il pomeriggio passa il tempo con Liza, sua compagna di giochi. Bod sarebbe un bambino normale. Se non fosse che Liza è una strega sepolta in un terreno sconsacrato. Silas è un fantasma. E la signora Owens è morta duecento anni fa. Bod era ancora in fasce quando è scampato all'omicidio della sua famiglia gattonando fino al cimitero sulla collina, dove i morti l'hanno accolto e adottato per proteggerlo dai suoi assassini. Da allora è Nobody, il bambino che vive tra le tombe, e grazie a un dono della Morte sa comunicare con i defunti. Dietro le porte del cimitero nessuno può fargli del male. Ma Bod è un vivo, e forte è il richiamo del mondo oltre il cancello. Un mondo in cui conoscerà l'amicizia dei suoi simili, ma anche l'impazienza di un coltello che lo aspetta da undici lunghissimi anni... Età di lettura: da 12 anni."

  2. #2
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mi incuriosisce, quindi lo metto nella WISHLIST

  3. #3
    Chocoholic Libridinosa
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Varese
    Messaggi
    1273
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Una favola dark stupenda…. Meritate tutte le stelline! Gaiman mi sta piacendo sempre più. Ha un tocco magico nello scrivere questo genere di storie, favole per grandi e non. Leggere Gaiman è come avere accanto a sé il proprio io bambino che ci tiene per mano, ci fa trovare tra le righe significati profondi e ci affascina con i suoi meravigliosi personaggi. La fantasia, cos’è la fantasia che lui trasmette in questa e le sue tante storie? È un modo per farci capire cosa è reale a questo mondo. I valori, i sentimenti, le azioni buone e malvagie. È una fantasia che ha dentro di sé la verità.

  4. #4
    Eclectic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    (MN)
    Messaggi
    4188
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Veramente un piccolo gioiello!!
    Storia meravigliosa, illustrazioni che si adattano perfettamente allo stile del romanzo, all'impaginazione e all'estetica generale del libro.
    Il capitolo finale...che mi ha fatto piangere...
    Da leggere assolutamente, soprattutto per chi è adulto, ma dentro resta ancora bambino

  5. #5
    Junior Member
    Data registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    14
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Veramente bello. Ho scoperto Gaiman da poco e me ne sono innamorata! American Gods è stato eccezionale ed avevo un pò "paura" a legere qualcosa di suo ma così "diverso", invece non ha fatto altro che confermare la sua bravura! uno scrittore fantastico che riesce ad essere avvincente, sentimentale e divertente senza mai deludere!

  6. #6

    Predefinito

    Da nn perdere...assolutamente come "nessun dove" un altra perla di questo autore....

  7. #7

    Predefinito

    Non so, sarà la mia ignoranza ma sembra scritto da mia cugina che fa le elementari.

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2015
    Località
    Roma
    Messaggi
    121
    Thanks Thanks Given 
    9
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    dalla recensione sembra davvero un ottimo libro!
    me lo devo ricordare!

  9. #9

    Predefinito

    Sono, francamente, un po' delusa. Non avevo mai letto Gaiman, pur avendone sentito parlare sempre molto bene da praticamente chiunque. Non lo avevo mai letto perché in genere non amo particolarmente le atmosfere volutamente e un po' caricaturalmente tetre e gotiche (insomma, Tim Burton mi lascia vagamente perplessa, mi sembra tutta una posa), e a quanto avevo capito temevo che molti dei lavori di Gaiman seguissero un po' questo filone. Ebbene, non sono sicura di essere stata infastidita da questo aspetto in particolare: è inevitabile che qualcosa di "gotigheggiante" ci sia in un libro che racconta la storia di un ragazzo che, rimasto orfano, viene allevato da un intero cimitero; eppure in questo senso tutti gli elementi sono stati ben dosati, non ci sono eccessi né caricature (per quanto questo sia possibile in un libro fantasy per ragazzi, naturalmente).
    La storia in sé mi è piaciuta, forse non è quanto di più originale possa esserci (insomma, altro non è che l'ennesimo racconto di che cosa significhi diventare adulti, perdere le certezze e la leggerezza dell'infanzia per assumersi i pesi e le responsabilità - ma anche le immense consapevolezze - della vita adulta), ma è comunque una bella storia, che si fa leggere bene sia dai ragazzi che dai lettori con qualche anno in più.
    Eppure, non riesco a ripensare a "Il figlio del cimitero" con soddisfazione. Ci sono diverse note stonate, magari cose piccole, forse insignificanti, ma che comunque non mi hanno fatto apprezzare del tutto la lettura. Innanzitutto, avrei voluto molti più dettagli. Insomma, è vero che è un libro per ragazzi, ma è mai possibile che non ci sia la minima descrizione - nemmeno diluita - del cimitero, o di Bod, o degli altri protagonisti? Si sa solo che il cimitero è su una collina, Bod è magro e vestito di grigio, Scarlett veste con colori vivaci, Silas ha la pelle bianca e le unghie taglienti. E basta. Tantopiù che si tratta di un mondo fantastico, pieno di potenzialità, mi sarebbe piaciuto molto di più immergermi in un universo ricco, vivido, capace di far viaggiare la mia immaginazione, e invece mi ritrovo solo con delle ambientazioni spoglie e appena abbozzate. Inoltre, ho trovato la storia piuttosto lenta e abbastanza discontinua: gli episodi si susseguono in maniera disordinata, senza un apparente nesso l'uno con l'altro, quasi i capitoli fossero solo dei racconti brevi con la stessa ambientazione e alcuni personaggi in comune. E per carità, questo mi andrebbe anche bene, se si trattasse davvero di racconti privi di nessi. Ma il punto è che non è così, alla fine sembra quasi che Gaiman si sia ritrovato con una serie di dettagli sparsi e storie slegate tra di loro, e abbia provato a creare delle connessioni, ma il tutto risulta forzoso e stridente.
    Inoltre, ci sono altri dettagli che invece, anche al fine della trama vera e propria, sono lasciati troppo poco in superficie: è vero, è un libro per ragazzi autoconclusivo, non una saga lunghissima in cui ogni cosa può trovare spessore ed essere ben specificata, e mi sta anche più che bene che certe cose vengano lasciate appena un po' nascoste, solo intuibili, ma altre no. La questione Jack si risolve in cinque pagine, il Ghoul vengono tirati fuori dal cappello solo all'occorrenza, per tappare quelli che correrebbero il rischio di essere dei buchi di trama fastidiosissimi, Silas e la signorina Lupescu fanno cose fondamentali senza che venga loro attrubuito un briciolo di importanza. Insomma, l'impressione è proprio quella di qualcosa scritto di fretta, un po' raffazzonato, mettendo insieme una manciata di buone idee senza preoccuparsi però troppo che queste abbiano un senso, siano ben definite e si accordino bene le une con le altre.
    Sicuramente se l'avessi letto da bambina lo avrei apprezzato, mi sarei divertita molto e forse in qualche punto mi sarei anche commossa, ma sarebbe stato uno di quei libri che avrei dimenticato molto in fretta. Ora che ho qualche anno in più, devo dire di essere un po' delusa. Da un autore così osannato mi sarei aspettata un po' di sostanza in più.

Discussioni simili

  1. Gaiman, Neil Richard
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Autori
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-19-2015, 08:57 PM
  2. Gaiman, Neil - Coraline
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 08-07-2011, 05:03 PM
  3. Gaiman, Neil - Stardust
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 12-13-2010, 01:11 PM
  4. Gaiman, Neil - American Gods
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 11-05-2009, 10:46 AM
  5. Gaiman, Neil - Il cimitero senza lapidi e altre storie nere
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-25-2009, 10:30 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •