Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La possibilità di un'isola

Mostra risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Houellebecq, Michel - La possibilità di un'isola

  1. #1
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito Houellebecq, Michel - La possibilità di un'isola

    Gli esseri umani sono scomparsi dal Pianeta Terra dopo un suicidio collettivo e i loro cloni, costruiti ad arte per limitare al minimo le più elementari caratteristiche della specie umana, sono autotrofi e quasi totalmente privi di qualsiasi pulsione emozionale, sono costretti a rileggere i racconti di vita degli esseri umani da cui discendono e a commentarli, in un susseguirsi di reincarnazioni in attesa che si costituisca la nuova razza dei Futuri.
    Ma leggendo il racconto di vita di Daniel1, nell’animo dei suoi ultimi due cloni, Daniel24 e Daniel25, qualcosa accade che spinge l’ultimo dei due a riscoprire “il fascino della sofferenza e della libertà, il gusto della ribellione al sogno dell'immortalità e il sapore della speranza”.

    Riporto dal risvolto di copertina:
    In un'affascinante narrazione parallela tra fantascienza ed erotismo, Houellebecq, lirico e dissacrante, solleva gli interrogativi più inquietanti sull'identità e il doppio, la clonazione e la vita eterna, la solitudine e l'amore.

    Un libro volgare, disgustoso e terribilmente deprimente.
    Il protagonista è un comico, ma non ho riso neppure una volta, se non un leggero sorriso quando dice che qualcuno aveva imbrattato il manifesto del surrealismo di André Breton con la scritta “Invece delle vostre poesie ridicole, fareste meglio ad aggiungere dei convogli nelle ore di punta”.
    I temi trattati sono senza dubbio interessanti, ma il modo in cui viene fatto non mi è assolutamente piaciuto, inutilmente nauseante e unidirezionale, nel senso che prende in considerazione gli aspetti più abietti e brutali della personalità umana esasperandoli e portandoli fino alle estreme conseguenze.
    L’amore in particolare è trattato con estrema superficialità, un tentativo lodevole, nel senso che parte da una buona idea, che sviluppa discretamente, soprattutto nell’ultima parte del libro, ma che resta sempre confinata a pochi aspetti, certo condivisibili da alcuni, da me solo in parte, ma che non ne fanno una verità universale.
    Da un certo punto di vista, con un forte gusto dell’orrido, una forte misantropia e una buona dose di peli sullo stomaco, potrebbe piacere.
    Per quanto mi riguarda non mi ha lasciato nulla, è libro più brutto che abbia mai letto.

  2. #2
    Surrealistic member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Foggia
    Messaggi
    1102
    Thanks Thanks Given 
    1
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    mamma mia come ci siamo andati giù pesanti Dory!
    In effetti condivido la maggior parte delle cose che hai scritto. La possibilità di un'isola è un libro volutamente deprimente, volutamente senza speranza. Il suo obiettivo è proprio quello dissacratore, attraverso una trasposizione futura della nostra società, quella del presente, ricondurre alla vacuità dell'esistenza umana, e all'inutilità del romanticismo, del realismo, come anche del surrealismo.
    Non è tra i miei libri preferiti, ma credo che sia un'opera da leggere per la sua originalità. E poi è scritto molto bene.
    Voto 3/5

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    pianura padana
    Messaggi
    6047
    Thanks Thanks Given 
    165
    Thanks Thanks Received 
    247
    Thanked in
    137 Posts

    Predefinito

    Mmmmm, certo che anche una recensione così, incuriosisce Dory verrebbe quasi voglia di provare a leggere, così, giusto qualche pagina, tanto per provare tale disgusto letterario

  4. #4
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da El_tipo Vedi messaggio
    mamma mia come ci siamo andati giù pesanti Dory!
    In effetti condivido la maggior parte delle cose che hai scritto. La possibilità di un'isola è un libro volutamente deprimente, volutamente senza speranza. Il suo obiettivo è proprio quello dissacratore, attraverso una trasposizione futura della nostra società, quella del presente, ricondurre alla vacuità dell'esistenza umana, e all'inutilità del romanticismo, del realismo, come anche del surrealismo.
    Non è tra i miei libri preferiti, ma credo che sia un'opera da leggere per la sua originalità. E poi è scritto molto bene.
    Voto 3/5
    Sono d'accordo con quello che dici, però prima di tutto questa visione così orrida dell'esistenza umana non mi piace e non mi arricchisce di nulla. Una delle cose più belle della lettura è che stimola la riflessione, che ti cattura e ti avvince, ma questo libro lo avrei chiuso dopo le prime pagine se non mi fossi imposta di finirlo ugualmente e di cercare di assumere un atteggiamento più distaccato e critico per trarne qualcosa di buono, ma per quanto abbia spremuto non ne è uscito niente. L'originalità? Forse.. ma a cosa servono pagine intere di oscenità? Bastavano anche solo un paio di righe! E non lo dico per il fatto che sono disgustose, non è questo il punto, ma che sono inutili, come tutte le descrizioni esageratamente dettagliate che non mi aggiungono nulla!
    Magari aggiungono qualcosa a chi piace leggere queste cose, a me proprio no!

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Devo dire che io,da fan di questo scrittore dalla prima ora, sono rimasto pure molto deluso da questo pateracchio senza capo ne coda. Peccato opere come Piattaforma o Le Particille Elementari avevano ben altro spessore
    Ultima modifica di zolla; 07-21-2010 alle 02:19 PM.

  6. #6
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    sono curioso

  7. #7
    Junior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Marche
    Messaggi
    5
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'ho finito di leggere adesso.
    A me è piaciuto.
    Più o meno come gli altri (piattqaforma, le particelle elementari etc.) che per� ho letto alcuni anni fa.
    Comunque in questo mi pare di aver ritrovato gli stessi temi (il sesso, il dolore, la morte, l'illusione dell'amore).
    credo che non si possa discutere sulla qualità della scrittura di houllebecq. poi può piacere oppure no la sua concezione del mondo.
    non è certo un ottimista e non lo nasconde. da non leggere se si è depressi o stressati.

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    la leggendaria terra dei Consulenti
    Messaggi
    1235
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dory Vedi messaggio
    Gli esseri umani sono scomparsi dal Pianeta Terra dopo un suicidio collettivo e i loro cloni, costruiti ad arte per limitare al minimo le più elementari caratteristiche della specie umana, sono autotrofi e quasi totalmente privi di qualsiasi pulsione emozionale, sono costretti a rileggere i racconti di vita degli esseri umani da cui discendono e a commentarli, in un susseguirsi di reincarnazioni in attesa che si costituisca la nuova razza dei Futuri.
    Ma leggendo il racconto di vita di Daniel1, nell’animo dei suoi ultimi due cloni, Daniel24 e Daniel25, qualcosa accade che spinge l’ultimo dei due a riscoprire “il fascino della sofferenza e della libertà, il gusto della ribellione al sogno dell'immortalità e il sapore della speranza”.

    Riporto dal risvolto di copertina:
    In un'affascinante narrazione parallela tra fantascienza ed erotismo, Houellebecq, lirico e dissacrante, solleva gli interrogativi più inquietanti sull'identità e il doppio, la clonazione e la vita eterna, la solitudine e l'amore.

    Un libro volgare, disgustoso e terribilmente deprimente.
    Il protagonista è un comico, ma non ho riso neppure una volta, se non un leggero sorriso quando dice che qualcuno aveva imbrattato il manifesto del surrealismo di André Breton con la scritta “Invece delle vostre poesie ridicole, fareste meglio ad aggiungere dei convogli nelle ore di punta”.
    I temi trattati sono senza dubbio interessanti, ma il modo in cui viene fatto non mi è assolutamente piaciuto, inutilmente nauseante e unidirezionale, nel senso che prende in considerazione gli aspetti più abietti e brutali della personalità umana esasperandoli e portandoli fino alle estreme conseguenze.
    L’amore in particolare è trattato con estrema superficialità, un tentativo lodevole, nel senso che parte da una buona idea, che sviluppa discretamente, soprattutto nell’ultima parte del libro, ma che resta sempre confinata a pochi aspetti, certo condivisibili da alcuni, da me solo in parte, ma che non ne fanno una verità universale.
    Da un certo punto di vista, con un forte gusto dell’orrido, una forte misantropia e una buona dose di peli sullo stomaco, potrebbe piacere.
    Per quanto mi riguarda non mi ha lasciato nulla, è libro più brutto che abbia mai letto.
    Adoro le tue recensioni, mi piace il fatto che non ci sia il benchè minimo filtro o abbellimento. Se ti piace ti piace, se non ti piace no, punto.
    La trasparenza e la sicurezza delle proprie posizioni sono doti rare, ed apprezzabili.

    Ciò detto, non lo leggerò,anche se ero incuriosita.

  9. #9
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alexyr Vedi messaggio
    Adoro le tue recensioni, mi piace il fatto che non ci sia il benchè minimo filtro o abbellimento. Se ti piace ti piace, se non ti piace no, punto.
    La trasparenza e la sicurezza delle proprie posizioni sono doti rare, ed apprezzabili.

    Ciò detto, non lo leggerò,anche se ero incuriosita.
    E fai bene!

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Le particelle elementari, forse uno dei migliori libri francesi degli ultimi 30 anni.
    Ci vuole stomaco, pero'.

    Grande autore.

  11. #11
    Mathematician Member
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    698
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    "è libro più brutto che abbia mai letto." Ecco, se un libro riesce a suscitare tale disgusto credo che un risultato lo abbia raggiunto. La cosa peggiore nella vita è trasmettere indifferenza, in qualunque ambito. Molto meglio essere detestati piuttosto che dimenticati. E questo libro non lascia indifferenti. Non credo che diventerà uno dei miei libri preferiti (anzi, certamente non lo diventerà) però credo che Houllebecq sia qualcosa di diverso nel panorama dei contemporanei; qualcosa di volutamente sgradevole, ma per niente scontato o superficiale. Il libro è pieno di metafore (una su tutti la "finta" risurrezione del profeta, con tanto di "apostoli" che ne riportano l'accaduto), la proiezione dell'uomo nel futuro della clonazione alla fine non si distingue quasi più dalla condizione attuale in cui versiamo. Se qualcuno mi chiederà se vale la pena affrontare questo romanzo dirò di sì.

  12. #12
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pigreco Vedi messaggio
    "è libro più brutto che abbia mai letto." Ecco, se un libro riesce a suscitare tale disgusto credo che un risultato lo abbia raggiunto. La cosa peggiore nella vita è trasmettere indifferenza, in qualunque ambito. Molto meglio essere detestati piuttosto che dimenticati. E questo libro non lascia indifferenti. Non credo che diventerà uno dei miei libri preferiti (anzi, certamente non lo diventerà) però credo che Houllebecq sia qualcosa di diverso nel panorama dei contemporanei; qualcosa di volutamente sgradevole, ma per niente scontato o superficiale. Il libro è pieno di metafore (una su tutti la "finta" risurrezione del profeta, con tanto di "apostoli" che ne riportano l'accaduto), la proiezione dell'uomo nel futuro della clonazione alla fine non si distingue quasi più dalla condizione attuale in cui versiamo. Se qualcuno mi chiederà se vale la pena affrontare questo romanzo dirò di sì.
    A dir la verità, l'ho rimosso dalla mia memoria quasi subito.
    Infatti alcune settimane fa era ritornata fuori una vecchia discussione del forum "il libro più brutto che hai letto" e io non riuscivo proprio a ricordarmi quale fosse. Beh, ora che me lo hai ricordato, è questo!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Houellebecq, Michel - Le particelle elementari
    Da Darkay nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 03-23-2015, 11:02 PM
  2. Benoit, Michel - Il tredicesimo apostolo
    Da ayla nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 09-10-2009, 01:49 PM
  3. Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 07-18-2008, 04:34 PM
  4. Houellebecq, Michel - anticipatore sociale
    Da Darkay nel forum Autori
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 06-05-2008, 01:33 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •