Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Pentamerone Barbaricino

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Cambosu, Gianfranco - Pentamerone Barbaricino

  1. #1
    CON LA "C"
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Calabria Esaurita
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    8
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Cambosu, Gianfranco - Pentamerone Barbaricino

    In un Paesino della Barbagia si tenta il “colpo della vita”, ma qualcosa va storto… un fuoco incrociato, un fiume di sangue, e dentro la banca si ritrovano in quattro: i rapinatori Tinteri e Cadena, un imbelle impiegato e una distinta dottoressa. Passano le ore e, mentre il mondo esterno si dimostra sempre più indifferente al fatto, nei cinque giorni di “assedio” i protagonisti si confessano: i “banditi” narrano di pastorizia, faide e sangue, la donna di mistero e satanismi. Il finale a sorpresa svelerà l’arcano di questo “romanzo Criminale” originale, avvincente e amaro.
    Un libro molto bello in cui si respira l’amarezza della Sardegna, quella staccata dai lidi turistici. La Sardegna segnata dalle faide di paese, dove non esiste legge sull’abigeato se non quella diretta di chi lo ha subito. Una legge che indurisce il cuore. E anche se la coscienza di un padre è capace di offrire la propria vita per un figlio, è la stessa legge per la quale una madre, in silenzio, cova rancore sotto uno scialle nero. Nero di un lutto interminabile. Donne incapaci di profondere amore, lo stesso amore mai ricevuto e che rende deboli e avviliti i figli rimasti. Figli sfiduciati che si aggrappano al nulla. Capaci di farsi forti con l’arroganza di una pistola e potenti con la prepotenza di un coltello. Ragazzi allo sbando nelle loro fragili insicurezze. E’ un libro che fa riflettere sugli errori della vendetta, un libro senza amore nel quale non si comprende bene dove realmente abbia inizio il romanzo e dove termini la realtà.di un popolo in cui rivivono le cronache di un tempo.
    Mi ha davvero colpito, ho apprezzato meno le scene che si susseguono all’esterno della banca durante l’assedio e anche la storia dell’affresco, così come il finale un po’ assurdo e inaspettato o forse non l’ho capito (diamo per buona la seconda). La storia raccontata da Eleonora, l’ho trovata libera dal contesto e a mio parere talmente bella e scritta così bene che meritava un libro a parte. Complimenti a Gianfranco Cambosu, un autore al quale toglierei subito l’aggettivo “emergente” ma padrone di una scrittura scorrevole, in un racconto che può apparire a tratti tortuoso, ma sicuramente un libro da leggere.

  2. #2
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10186
    Thanks Thanks Given 
    361
    Thanks Thanks Received 
    405
    Thanked in
    288 Posts

    Predefinito

    Aggiunto in wish list senza esitazione

  3. #3

    Smile

    Citazione Originariamente scritto da franceska Vedi messaggio
    In un Paesino della Barbagia si tenta il “colpo della vita”, ma qualcosa va storto… un fuoco incrociato, un fiume di sangue, e dentro la banca si ritrovano in quattro: i rapinatori Tinteri e Cadena, un imbelle impiegato e una distinta dottoressa. Passano le ore e, mentre il mondo esterno si dimostra sempre più indifferente al fatto, nei cinque giorni di “assedio” i protagonisti si confessano: i “banditi” narrano di pastorizia, faide e sangue, la donna di mistero e satanismi. Il finale a sorpresa svelerà l’arcano di questo “romanzo Criminale” originale, avvincente e amaro.
    Un libro molto bello in cui si respira l’amarezza della Sardegna, quella staccata dai lidi turistici. La Sardegna segnata dalle faide di paese, dove non esiste legge sull’abigeato se non quella diretta di chi lo ha subito. Una legge che indurisce il cuore. E anche se la coscienza di un padre è capace di offrire la propria vita per un figlio, è la stessa legge per la quale una madre, in silenzio, cova rancore sotto uno scialle nero. Nero di un lutto interminabile. Donne incapaci di profondere amore, lo stesso amore mai ricevuto e che rende deboli e avviliti i figli rimasti. Figli sfiduciati che si aggrappano al nulla. Capaci di farsi forti con l’arroganza di una pistola e potenti con la prepotenza di un coltello. Ragazzi allo sbando nelle loro fragili insicurezze. E’ un libro che fa riflettere sugli errori della vendetta, un libro senza amore nel quale non si comprende bene dove realmente abbia inizio il romanzo e dove termini la realtà.di un popolo in cui rivivono le cronache di un tempo.
    Mi ha davvero colpito, ho apprezzato meno le scene che si susseguono all’esterno della banca durante l’assedio e anche la storia dell’affresco, così come il finale un po’ assurdo e inaspettato o forse non l’ho capito (diamo per buona la seconda). La storia raccontata da Eleonora, l’ho trovata libera dal contesto e a mio parere talmente bella e scritta così bene che meritava un libro a parte. Complimenti a Gianfranco Cambosu, un autore al quale toglierei subito l’aggettivo “emergente” ma padrone di una scrittura scorrevole, in un racconto che può apparire a tratti tortuoso, ma sicuramente un libro da leggere.
    Ciao Francesca, sono imbarazzato e commosso per questa recensione. Credo che tu abbia colto molto bene gli aspetti salienti della vicenda. Riguardo al finale, in effetti già altre persone mi hanno fatto notare che è poco convincente, quindi non credo che sia un problema legato alla tua interpretazione.

    Un grazie formato gigante e un abbraccio

    Gianfranco

  4. #4
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10186
    Thanks Thanks Given 
    361
    Thanks Thanks Received 
    405
    Thanked in
    288 Posts

    Predefinito

    Un libro originalissimo, frutto di una fantasia decisamente notevole, a partire dall'idea di base fino al finale grottesco (come in effetti tutto il resto) e un bel po' surreale, che a me è piaciuto molto forse anche proprio in quanto assolutamente inimmaginabile, oltre al fatto che come per magia in un attimo tutto (o quasi ) appare chiaro e anche elementi apparentemente indipendenti l'uno dall'altro si incastrano fra di loro come tasselli di un puzzle che combaciano perfettamente. Tutto, anche il fatto o il personaggio che pareva meno significativo, trova un suo posto, una sua ragione di esistere all'interno della storia.
    Forse il vero protagonista di questo romanzo è il sangue in tutte le sue manifestazioni: il sangue come tragico vincolo familiare, il sangue "fisico" delle vittime, quasi palpabile. Il sangue come elemento decisivo nella parte finale. E il sangue che scorre amarognolo anche dove sembra più dolce. E dove è più dolce, è più dolce perchè il nutrimento è stato migliore.
    Nessun confine tra bene e male, niente buoni e cattivi, solo persone a cui è toccato in sorte un destino duro al quale non vi è modo di sfuggire, non meno duro dove il sangue è apparentemente più dolce, come nel caso di Eleonora, la cui storia è particolarmente toccante. Persone nelle quali il libro ci costringe a immedesimarci, dimenticando per un attimo ogni moralismo.
    Condivido in buona parte la bella riflessione di Franceska, soprattutto quando dice che è un libro "senza amore".
    Un noir pervaso da un'amarezza di fondo, sebbene non manchi una leggera ironia e diverse volte mi abbia fatto sorridere. Il modo di scrivere dell'autore, semplice e incisivo, riesce a rendere credibili i dialoghi fra "illetterati" e sembra alleggerire la cruda e drammatica realtà narrata, per poi colpire forte e a sorpresa in determinati punti, come il passo che ho riportato.
    Decisamente promosso e consigliato
    Non ho capito una cosa, non so se qualcuno possa chiarirmela:
    SPOILER Gli impiegati della banca erano anche loro tutti d'accordo? La morte del primo impiegato è stata un incidente? Mi sfugge qualcosa ma sicuramente sono io a non essere ben connessa
    Ultima modifica di alessandra; 12-06-2010 alle 08:59 PM.

Discussioni simili

  1. Cambosu, Gianfranco - Pentamerone barbaricino
    Da Gianfranco_Cambosu nel forum Autori emergenti - autori contemporanei
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 10-28-2009, 07:18 PM
  2. Manfredi, Gianfranco - Ho freddo
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 06-09-2009, 11:04 AM
  3. Nerozzi, Gianfranco - Genia
    Da darkshine nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 05-11-2009, 11:17 AM
  4. Gianfranco Cambosu - Ave a tutti
    Da Gianfranco_Cambosu nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 01-27-2009, 04:33 PM
  5. Micali, Gianfranco - Gialli D'Arte
    Da orpheus07 nel forum Autori
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 12-13-2007, 09:44 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •