Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Figlia del silenzio

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 16

Discussione: Edwards, Kim - Figlia del silenzio

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Rimini
    Messaggi
    1383
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito Edwards, Kim - Figlia del silenzio

    Questa la trama:

    Lexington, 1964. Sulla città infuria una tempesta di neve. E' notte quando Norah Henry avverte le prime doglie: è impossibile raggiungere l'ospedale e suo marito David decide di far nascere il bambino con l'aiuto di Caroline, la sua infermiera. Norah partorisce due gemelli: il maschio, nato per primo, è perfettamente sano, ma i tratti del viso della bambina rivelano immediatamente la sindrome di Down. Travolto dalla disperazione, David sceglie in fretta e la sua decisione cambierà la sua vita per sempre: affida la piccola a Caroline, orinandole di rinchiuderla in un istituto. A Norah, sedata dall'anestesia durante il parto, dice che la bambina è morta. Ma Caroline non può abbandonare la piccola Phoebe in quell'edificio triste e squallido. Con un coraggio che non credeva di avere, fugge in un'altra città determinata a prendersi cura della bambina e a conservare ben custodito un segreto che solo lei e David conoscono. Un segreto che nel tempo si farà sempre più insopportabile e, come una piovra, allungherà i suoi tentacoli sulla vita di David e della sua famiglia: lui, ossessionato dal senso di colpa, ma incapace di affrontare la realtà, Norah, inconsolabile per la figlia che crede morta, e Paul, il fratellino di Phoebe, che cresce in una casa piena di dolore. Intanto Caroline vivrà con gioia l'inaspettata maternità ma dovrà affrontare anche molte difficoltà: Phoebe è vivace e sensibile ma i suoi problemi e i pregiudizi che la circondano costringeranno Caroline a combattere una dura battaglia contro il mondo.

    Primo romanzo di quest'autrice è stato, ed è ancora ai primi posti delle classifiche di vendita. E devo dire che se lo merita pienamente. Una storia che prende spunto da un fatto realmente accaduto (magari anche più di una volta), è una storia tenera e struggente, ma senza esagerare nelle smancerie o negli eccessivi sentimentalismi. Un libro che lascia il segno, una figura, quella di Phoebe, che intenerisce e commuove, soprattutto chi, come me, ha avuto la fortuna nella sua vita di incontrare una "Phoebe" e di essersi potuta così arricchire.
    Ultima modifica di elisa; 09-24-2011 alle 09:28 PM. Motivo: edit caratteri

  2. #2
    Charmed Member
    Data registrazione
    Jun 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    2653
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Ah si, preso!! Non so quando riusciro' a leggerlo...
    C'era scritto che ha fatto un bel successo!!

  3. #3
    Leghorn Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Livorno
    Messaggi
    788
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Lo aggiungo alla mia lista la trama mi ha subito conquistata !!!!!!!!!!!!

  4. #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da RosaT.
    Lo aggiungo alla mia lista la trama mi ha subito conquistata !!!!!!!!!!!!
    idem, questo è proprio il genere che fa per me, grazie per la dritta.

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Rimini
    Messaggi
    1383
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da evelin
    Ah si, preso!! Non so quando riusciro' a leggerlo...
    C'era scritto che ha fatto un bel successo!!
    Si è nella classifica dei più venduti...hanno paragonato il suo successo a quello de Il cacciatore di aquiloni, autore sconosciuto, ma il passaparola l'ha fatto diventare un caso letterario...

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Rimini
    Messaggi
    1383
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da violella
    Citazione Originariamente scritto da RosaT.
    Lo aggiungo alla mia lista la trama mi ha subito conquistata !!!!!!!!!!!!
    idem, questo è proprio il genere che fa per me, grazie per la dritta.
    Contenta di avervi fatto piacere...

  7. #7
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    L'ho appena finito di leggere.. E' scritto in uno stile molto semplice, quello che colpisce è la storia, il dramma di una madre che soffre per una figlia che crede morta e il coraggio di compiere delle scelte che ti segneranno x il resto della vita.. E'un libro molto bello , che ti porta a riflettere ..Il rifiuto della diversità porta danno sl a chi nn lo accetta.. Consigliato!
    Ultima modifica di elisa; 09-24-2011 alle 09:29 PM. Motivo: edit caratteri

  8. #8

    Predefinito

    la trama mi aveva quasi convinto, ma i parere in qua e la (vedi ibs) sono molto discordi....poi il fatto che sia un best seller mi convince ancora meno.......ci penserò...

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Milano-lago di Lecco
    Messaggi
    1133
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'ho quasi terminato.Non vi ho trovato difetti,è ben ideato e ben scritto,nè vi sono momenti che annoiano.E' la storia di una vita,con grosse problematiche e tante piccole felicità.

  10. #10
    The Fool on the Hill
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3595
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    So di andare fuori dal coro, ma a me non è piaciuto. Il personaggio di Norah è insopportabile. Una persona che passa tutta la vita aggrappata al dolore di una morte e rovina in questo modo tutto quello che di bello ha è una persona incapace di elaborare eventi ed emozioni. Per quello che lei sa la bambina è morta, ma questo non dev'essere il punto di partenza per il disfacimento totale. E' segnale di immaturità non riuscire a elaborare una morte, accettarla e continuare a vivere con la gioia di ciò che si ha accanto: un figlio e un marito innamorato. Invece ammorba l'esistenza di tutti nel solo ricordo di qualcosa che non c'è più, come se quell'evento fosse la sconfitta di tutta una vita. Un evento che diventa il filtro assoluto tra lei e tutto il resto del mondo, tutto il resto dell'esistenza. Il dolore non si cancella, ma la sua immaturità nel non superarlo è stata veramente irritante.

  11. #11
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18815
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    643
    Thanked in
    384 Posts

    Predefinito

    Mi aspettavo di meno da questo romanzo, a suo tempo best seller, che ho letto solo perchè ho assistito ad una conferenza dell'autrice al festival della Letteratura a Mantova e mi aveva incuriosito per la serietà e la posatezza con cui ne parlava. Aspettandomi di meno ho trovato di più. Un romanzo ben strutturato, ben documentato, con pochi punti deboli, racconta le storie di persone che ruotano tutte intorno alla scelta di uno di loro di non dire la verità. Ognuno a modo suo ne viene condizionato in modo irreparabile, la verità come salvifica perchè permette di guardare in faccia la realtà per sempre, la menzogna è sempre devastante, perchè non valuta la motivazione che in questo caso poteva essere a fin di bene, manca di coraggio, è vile, e la vigliaccheria si insinua dentro la vita non solo di chi ne è colpevole ma anche di chi inconsapevolemente la subisce. La Edwards poi ha una scrittura lineare, partecipata che rende la lettura scorrevole e interessante. Promosso a pieni voti.

  12. #12
    Junior Member
    Data registrazione
    Aug 2010
    Località
    Formigine (MO)
    Messaggi
    19
    Thanks Thanks Given 
    2
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Lo aggiungo anche io alla mia lista, mi ispira proprio tanto!!

  13. #13

    Predefinito Edwards, Kim - Figlia del silenzio

    http://www.creativereview.co.uk/imag...erscover_0.jpg

    La storia inizia in una notte d'inverno nel 1964, quando una tempesta di neve costringe il dottor David Henry a far partorire sua moglie personalmente.
    Nascono due gemelli: Il primo, un maschio, è perfettamente in salute, ma il dottor Henry capisce subito che la bambina ha la sindrome di Down.
    Il dottore compie una decisione che lo perseguiterà per il resto della sua vita: chiede alla sua infermiera, Caroline, di portare la bambina in un istituto, senza dire niente a sua moglie. Caroline, invece, sparisce con la bambina e la cresce da sola.

    Scritto nel 2005 "The memory keeper's daughter" è un romanzo commovente e imperdibile.
    Ecco il commento della scrittrice Jodi Picoult:

    "In The memory keeper's daughter, Kim Edwards has created a tale of regret and redemption...of characters haunted by their past. Crafted with language so lovely you have to reread the passages just to be captivated all over again... Simply a beautiful book"

    (Ho impiegato molto a leggere questo romanzo, proprio perché è facile trovarsi a sfogliare il libro indietro per tornare su alcuni passaggi stupendi)

    Nel 2008 ne è stato tratto un discutibile adattamento per la tv statunitense con Emily Watson e Gretchen Mol.

  14. #14
    The Fool on the Hill
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3595
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    A me questo libro non è piaciuto per niente. Il personaggio della mamma è riuscito a guastare tutto il resto della narrazione. Questa donna che piange tutta la vita per una figlia che, le dicono, è morta alla nascita e che non ha neanche mai visto è di una inedia e insulsaggine tale da rendere insopportabile il romanzo. Smette di occuparsi del marito e, quel che è peggio, del figlio che è lì, vivo, esistente, e le chiede amore e presenza. Lei invece si crogiola nel ricordo del nulla. La perdita di un figlio è senz'altro un dolore che ci si porta dentro tutta la vita, ma farne il centro della propria esistenza e smettere letteralmente di vivere per quel ricordo mi ha reso questo personaggio intollerabile.

  15. #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da mame Vedi messaggio
    Il personaggio della mamma è riuscito a guastare tutto il resto della narrazione. Questa donna che piange tutta la vita per una figlia che, le dicono, è morta alla nascita e che non ha neanche mai visto è di una inedia e insulsaggine tale da rendere insopportabile il romanzo.
    Anche io ho pensato che fosse esagerato il dolore di Norah nel romanzo. Hai perso una figlia mai nata, ok, ma vivere nel dolore tutta la vita? Inoltre non c è nessuna allusione al fatto che la figlia possa essere viva... Nessuna sensazione... Lei sua figlia non l ha mai vista, si poteva sviluppare la storia sull inganno e la sensazione di assenza... Ma questo è lasciato interamente al personaggio del marito. Anche il fratello, nonostante gemello, non sente nulla, nessuna certezza che gli manchi qualcosa... Evidentemente le percezioni subliminali non sono quello che interessa alla scrittrice.

    Le parti più ispirate del romanzo, secondo me, sono infatti quelle in cui è presente Caroline. È lei tutto ciò che mi è rimasto dentro dopo la lettura di questo libro. E per me è più che sufficiente.

Discussioni simili

  1. Harris, Thomas - Il silenzio degli innocenti
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 04-04-2016, 07:39 PM
  2. Ayse - Figlia di Sherazade
    Da libraia978 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 12-21-2013, 10:12 PM
  3. Allende, Isabel - La figlia della fortuna
    Da RosaT. nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 11-06-2011, 11:24 AM
  4. Link, Charlotte - Alla fine del silenzio
    Da evelin nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 03-06-2008, 09:15 PM
  5. Patterson, Richard N. - Il silenzio del testimone
    Da Sir_Dominicus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 01-18-2008, 09:45 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •