Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Omaggio alla Catalogna

Mostra risultati da 1 a 11 di 11

Discussione: Orwell, George - Omaggio alla Catalogna

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    1643
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    53
    Thanks Thanks Received 
    109
    Thanked in
    52 Posts

    Predefinito Orwell, George - Omaggio alla Catalogna

    "Uno dei libri più appassionati sulla guerra civile di Spagna. George Orwell, giunto a Barcellona nel dicembre 1936 'con la vaga idea di scrivere articoli per qualche giornale', finì quasi immediatamente con l'arruolarsi nelle file repubblicane: fu al fronte, visse le giornate del maggio 1937 a Barcellona, venne gravemente ferito nell'assedio di Huesca e riuscì a riparare in Francia. Coinvolgente come un romanzo e rigoroso come un saggio, questo libro è la lucida cronaca di una drammatica esperienza; è la prima opera pienamente matura di Orwell, momento cruciale della sua formazione politica e intellettuale: le generiche preferenze dello scrittore per il mondo dei diseredati manifestate nelle prove d'esordio si mutano a questo punto in un più limpido e organico rifiuto del totalitarismo e di quanto vi si accompagna: crudeltà, doppiezza, disinformazione."

    Ho visto che ultimamente molti hanno parlato di questo autore e non ho potuto fare a meno di notare che mancava nella piccola biblioteca "Omaggio alla Catalogna".
    Libro molto interessante e coinvolgente. In ogni pagina traspare l'ansia di Orwell di far conoscere la sua testimonianza. In alcuni punti può risultare leggermente tedioso il riferimento a innumerevoli partiti o sindacati, ma il tutto è funzionale alla volontà di riferire con precisione i fatti. Libro di denuncia e "instant book" di oltre 70 anni che mantiene tutta la sua forza.
    Il mio voto : 4/5 .

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14076
    Thanks Thanks Given 
    849
    Thanks Thanks Received 
    645
    Thanked in
    467 Posts

    Predefinito

    Stile scorrevole, sembra quasi un romanzo (purtroppo non lo è), l'ho preferito a 1984 che trovai piuttosto pesante (magari ora che ho stabilito un'affinità con George dovrei rileggerlo ) e a La fattoria di cui avevo aspettative maggiori .
    Continuerò a commentarlo domani, mi mancano solo una ventina di pagine ma il lettore ebook su cui ho segnato delle parti da citare non è con me.
    P.s. l'ho letto per Adotta un autore

  3. #3
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14076
    Thanks Thanks Given 
    849
    Thanks Thanks Received 
    645
    Thanked in
    467 Posts

    Predefinito

    Innanzitutto quello che ho preferito nella narrazione di questa "rivoluzione" (che tale non doveva essere chiamata) è stato il forte coinvolgimento dell'autore che dall'essere solo un semplice fotoreporter poi ha finito per prendervi parte e per lasciarsi totalmente coinvolgere da questa adesione volontaria che, come afferma egli stesso, proprio per essere tale, si basa sulla lealtà di classe e sul grado di maturità politica e della coscienza (mentre la disciplina dell'esercito è fondata sulla paura).
    Orwell nutre un profondo rispetto per la causa che ha abbracciato (quella dell'onestà con cui combattere il fascismo) e parla molto bene degli spagnoli, popolo generoso ed altruista anche se militarmente molto meno organizzato dei tedeschi
    Convincere il nemico con le parole rivoluzionarie di propaganda, invece che con le fucilate... sembra un'utopia ma lui ci racconta che ha assistito davvero a scene simili (ad es quando gli spagnoli dicevano ai fascisti che mangiavano meglio di loro pur non essendo vero ma solo per suscitare invidia e per farli passare dalla loro parte).
    Tutte le menzogne e l'odio che scaturiscono da una guerra provengono da chi non la combatte in prima persona, perciò lui si sente in dovere di testimoniare quello che ha vissuto anche se si tratta di criticare i vertici del partito comunista.
    La parola "compagno" significava davvero fraternità e solidarietà, si era tutti uguali (in particolare mi ha colpito l'usanza da parte degli anarchici di abolire le mance che scaturivano un senso di inferiorità verso i lavoratori con cui ci si doveva dare del tu a vicenda).
    Quando viene ferito al collo da una pallottola tutti i medici che incontra gli dicono che è raro che un uomo sopravviva con tale ferita quindi può ritenersi fortunato, ma lui pensa che sarebbe stato ancor più fortunato se non fosse proprio stato colpito .
    Sul finale mi ha ricordato un passo de Il diario di Anna Frank in cui entrambi affermano di non aver perso la fiducia nella dignità e nella bontà degli esseri umani.
    Queste sono solo alcune delle parti che mi hanno più colpita, ma vi consiglio di leggerlo per farvi da soli un'opinione in merito.
    Anche io ho trovato qualche capitolo un po' difficile da seguire per tutte le sigle dei vari partiti presenti ma è l'autore stesso a consigliare al lettore di proseguire se non ce la fa quindi voi potete anche non fare come me e starlo a sentire .

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    1643
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    53
    Thanks Thanks Received 
    109
    Thanked in
    52 Posts

    Predefinito

    Per gli amanti del cinema segnalo il film Terra e libertà del 1995 diretto da Ken Loach. La sceneggiatura è ispirata a "Omaggio alla Catalogna". E' stato presentato in concorso al 48º Festival di Cannes e ha vinto il premio come gilior film all' European Film Awards 1995.

  5. #5
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14076
    Thanks Thanks Given 
    849
    Thanks Thanks Received 
    645
    Thanked in
    467 Posts

    Predefinito

    Avevo già trovato in rete questa informazione sul film però sono indecisa se vederlo , è solo ispirato al libro, la trama è diversa. Tu l'hai già visto?

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Genova
    Messaggi
    1643
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    53
    Thanks Thanks Received 
    109
    Thanked in
    52 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    Avevo già trovato in rete questa informazione sul film però sono indecisa se vederlo , è solo ispirato al libro, la trama è diversa. Tu l'hai già visto?
    Non è male. Ci sono diversi passaggi del libro riportati nel film.

  7. #7
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    202
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Ho appena finito questo libro, vi scrivo d' impulso, non rifletterò molto sulle mie parole, ma sento la necessità di condividere ciò che questo testo mi ha trasmesso. In primo luogo si può dire che qui conosciamo un Orwell diverso da 1984, qui non inventa: riporta. Già in 1984 notai una forte carica emotiva, erano le emozioni, il bisogno di vivere la propria umanità ad animare i due personaggi, qui pure c'è una forte emotività, che è però più marcata, ancora più forte, e qui non è solo un rantolo disperato dei protagonisti, è anche testimonianza di una umanità ancora viva, seppur sofferente.
    Al di là di queste differenze, già si nota l'Orwell che firmerà il libro dispotico, due citazioni (ma ce ne sono molte simili):

    Era la prima volta che vedevo una persona la cui vera professione fosse dire bugie (a meno che non si considerino i giornalisti);

    La legge era quella che la polizia di tanto in tanto stabiliva che fosse.


    Comunque sono sciocchezze queste, il bello di questo racconto è che l'autore si immedesima totalmente nelle vicende della nazione e della sua fazione. Possiamo dire che diventa uno spagnolo: con loro combatte due volte in trincea, con loro soffre l’atroce sporcizia, la noia, le paure, la morte, e lo fa con totale senso di fratellanza e condivisione di idee.
    Oltre alla mera narrazione dei contenuti, fa riflessioni, tenta di interpretare la situazione politica, di capire chi è nel giusto e di smascherare i meccanismi politici. E' curioso come si sia arruolato per combattere i "cattivi", i fascisti, e che alla fine si trovi, nei territori governati dai repubblicani, in mezzo alla censura, alla limitazione della libertà, alla sottomissione dei ceti sociali più bassi (che inizialmente erano insorti), ai processi e alle esecuzioni inumane e arbitrarie, come a dire: non c'è speranza, sempre quella è l'alternativa.
    C'è ancora tanto da dire, mi limito solo ad aggiungere che è tremendo il cambiamento che avviene in pochi mesi a Barcellona: inizialmente Orwell racconta di una società povera, tipica dei paesi in guerra, ma dove tutti sono uguali, ci sono partiti con idee diverse, ma dei borghesi neanche l'ombra, tutti si sentono in un posto equo, dove ci si dà sempre del tu, un' utopia realizzabile, non perfetta (e questo è chiaro nella disorganizzazione totale, nella penuria di tutto, nella povertà) ma felice. Pochi mesi dopo torna la realtà, i borghesi, i grandi interessi politici, la divisione in classi, i poveri sfruttati, la repressione. Orwell assiste all' infrangersi di un sogno, ed è costretto a fuggire per evitare la carcerazione. Se ne va scampando un grosso periodo, ma triste perchè deve abbandonare amici in difficoltà, persone accomunate da ideali, dalla disgrazia.
    Il libro mi ha lasciato una grande tristezza, anche perchè noi sappiamo come tutto è finito, e con molte domande: cosa sono i valori? si può sperare nel cambiamento, nell' uguaglianza? Niente; no.
    Comunque, nella tristezza del fallimento, è chiaro l'elogio a questi uomini coraggiosi, che hanno sperato nel cambiamento, e pure nel fallimento si può guardare con orgoglio a quei moti, e ammirare la magnificenza dell uomo, capace anche di grandi cose, di amare intensamente la vita, nella sua bellezza.


    Le foglie dei pioppi che, in certi punti, fiancheggiavano le nostre trincee mi sfioravano la faccia, e io pensai come fosse bello vivere in un mondo dove allignano i pioppi.

    (fuggendo dalla Spagna) Il treno aveva una vettura di prima classe e la carrozza-ristorante, la prima che mi accadesse di vedere in Spagna. Fino a poco prima c'era stata soltanto una classe sui treni della Catalogna.

  8. #8
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14076
    Thanks Thanks Given 
    849
    Thanks Thanks Received 
    645
    Thanked in
    467 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Marzati Vedi messaggio
    Il libro mi ha lasciato una grande tristezza, anche perchè noi sappiamo come tutto è finito, e con molte domande: cosa sono i valori? si può sperare nel cambiamento, nell' uguaglianza? Niente; no.
    E a me lascia una grande tristezza quello che hai scritto perché purtroppo lo condivido, ma a 40 forse è anche accettabile, invece per te che hai appena 17 anni vorrei che non fosse così .
    Per voi giovani i valori devono ancora rappresentare tutto e dovete ancora sperare in un cambiamento, lo so che è difficile nel depauperato contesto sociopolitico attuale (ripeto, io ora non ci credo più, ma alla tua età avevo ancora degli ideali in cui credere).
    Tu in particolare sei un ragazzo pieno di qualità e capacità tali da poter un giorno rappresentare il nostro paese e te lo auguro con tutto il cuore .

  9. #9
    Utente stonato
    Data registrazione
    Aug 2016
    Località
    Fra antiche rovine
    Messaggi
    507
    Thanks Thanks Given 
    81
    Thanks Thanks Received 
    202
    Thanked in
    121 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Minerva6 Vedi messaggio
    E a me lascia una grande tristezza quello che hai scritto perché purtroppo lo condivido, ma a 40 forse è anche accettabile, invece per te che hai appena 17 anni vorrei che non fosse così .
    Per voi giovani i valori devono ancora rappresentare tutto e dovete ancora sperare in un cambiamento, lo so che è difficile nel depauperato contesto sociopolitico attuale (ripeto, io ora non ci credo più, ma alla tua età avevo ancora degli ideali in cui credere).
    Tu in particolare sei un ragazzo pieno di qualità e capacità tali da poter un giorno rappresentare il nostro paese e te lo auguro con tutto il cuore .
    Grazie veramente per l' apprezzamento e per i complimenti, arrossisco. Sono d' accordo con te, non bisognerebbe lasciare che tutto vada alla deriva, ma mi viene difficile non farlo, è come sperare che il prossimo secondo non scocchi mai. Comunque, un barlume di speranza mi illumina, o meglio: ci illumina, solo che dobbiamo agire con la consapevolezza che non possiamo evitare l' inevitabile, ma che possiamo cercare di rendere l' inevitabile più gradevole.
    Smetto di far lo pseudofilosofo, che sicuramente non so di che parlo, voglio solo sottolineare che anche 40 anni non sono molti, e che se io posso sperare nel cambiamento, allora lo puoi fare benissimo anche tu.

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    1887
    Thanks Thanks Given 
    80
    Thanks Thanks Received 
    342
    Thanked in
    207 Posts

    Predefinito

    Ieri l'ho finito, rendere un sunto di questo libro mi risulta particolarmente difficile a causa dei molti concetti che contiene, la cosa che ho notato è la profonda differenza fra questo testo e "La fattoria degli animali" e "1984", racconta di fatti realmente vissuti dall'autore e mi ha aperto gli occhi relativamente a ciò che è successo in Spagna in quegli anni, una vicenda che ignoravo completamente.
    Oltre alle condizioni di vita al fronte, che sono una costante in tutte le guerre di quel tempo e non differiscono molto rispetto alle condizioni narrate in altri testi relativamente ad altre battaglie, ciò che questo libro ha in più rispetto ad altri testi è la profonda analisi dei problemi politici che sono alla base degli avvenimenti storici, e di come gli intrighi, le macchinazioni e le menzogne segnano pesantemente le sorti di un conflitto e le persone che vi partecipano. Il libro è splendido e mi è piaciuta soprattutto la parte più politica (e per certi aspetti la più ostica) in cui l'autore ha cercato di spiegare le ragioni più profonde dei fatti che sono occorsi a quel tempo.
    Insomma una splendida cronaca vissuta in prima persona dall'autore, dei fatti realmente occorsi nella Spagna di inizio secolo, fatti che per svariate ragioni, sono rimasti "nascosti" alla conoscenza del grande pubblico; dal mio punto di vista questo libro non è un "omaggio" alla sola Catalogna, ma all'intera storia dei primi anni del secolo scorso.

  11. #11
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19018
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    747
    Thanked in
    463 Posts

    Predefinito

    Devo dire che dal punto di vista dell'interesse ho trovato due libri, la prima parte molto coinvolgente, diretta, ironica e che ben rappresenta il caos che ci doveva essere sulle trincee di quella strana guerra che vedeva così tanti fronti ed interessi, nella seconda parte c'è un calo di chiarezza legato sicuramente alla complessità dell'argomento e all'intrecciarsi di vicende a volte di difficile comprensione. Resta un documento importante sugli intrighi e sui condizionamenti politici della guerra di Spagna scritta da un protagonista combattente e soprattutto pensante.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Orwell, George - 1984
    Da Poirot nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 218
    Ultimo messaggio: 04-26-2017, 08:31 PM
  2. Orwell, George - La fattoria degli animali
    Da Poirot nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 80
    Ultimo messaggio: 10-09-2016, 10:40 PM
  3. libro in omaggio se ci si iscrive alla newsletter
    Da gondola nel forum Salotto letterario
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 09-11-2009, 08:20 PM
  4. aznanu - Stregata da Orwell
    Da aznanu nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 08-27-2009, 02:59 PM
  5. VII G.L. - 1984 (Orwell, George)
    Da zaratia nel forum Gruppi di lettura
    Risposte: 27
    Ultimo messaggio: 08-03-2008, 08:22 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •