Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Fontamara

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 20

Discussione: Silone, Ignazio - Fontamara

  1. #1
    b
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    2172
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito Silone, Ignazio - Fontamara

    Premetto che per leggere questo libro ci vogliono i contro-xxxxx, insomma, ci vuole un po' di stomaco, non nel senso che è macabro, ma che comunque non è così facile come sembra. E' la storia di un paesino di campagna che vive (o meglio subisce) il periodo dell'ascesa del Fascismo in Italia. I toni sono melanconici, o addirittura forse anche drammatici. Resta il capolavoro di Silone secondo me.
    Ultima modifica di elisa; 04-18-2009 alle 12:03 AM. Motivo: correzione caratteri

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18781
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    615
    Thanked in
    362 Posts

    Predefinito

    Silone lo scrisse nel 1930 durante l'esilio in Svizzera, è un libro di denuncia di una situazione di emarginazione che sarebbe solo peggiorata. La tristezza e l'amarezza sono ampiamente giustificati. Bellissimo.

  3. #3

    Predefinito

    Bellissimo Libro anche per me... Ignazio Silone e Corrado Alvaro, avendo trascorso buona parte della loro esistenza tra persone umili e povere, sono riusciti a descrivere con note sublimi mondi che non esistono più... E poi Silone è anche mio conterraneo...

  4. #4
    Leghorn Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Livorno
    Messaggi
    788
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'ho letto moto tempo fa per la scuola ... mi ricordo che mi era piaciuto e che non mi è risultato pesantissimo come di solito lo sono i libri consigliati dai proff. ma se devo dire la veritÃ* oggi non ricordo quasi per niente le vicende narrate ... dovrò metterlo nelle mia lista per rinfrescarmi la memoria!!!!!!!!!!!!!

  5. #5
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18781
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    615
    Thanked in
    362 Posts

    Predefinito

    Inserisco una descrizione del romanzo tratto da un sito su Internet:

    Il romanzo di Silone, pur presentandosi come un'opera intessuta di una sua verità storica, che esprime gli stati d'animo collettivi dei contadini di Fontamara, è scandito da un'alternanza di registri che confluiscono nella coralità e nella denuncia violenta di ogni ingiustizia.
    La vicenda si inquadra nei primi anni della dittatura fascista a Fontamara, "un antico e oscuro luogo di contadini poveri situato nella Marsica, a settentrione del prosciugato lago del Fucino". La scala sociale del paese conosce solo due condizioni: quella dei "cafoni", che sono i braccianti, i manovali, gli artigiani poveri" e quella dei piccoli proprietari, ma sono solo i primi a subire i soprusi e le ingiustizie, divenuti per loro cosà antichi da sembrare naturali come la neve e il vento. Il romanzo registra la scintilla della ribellione, personificata da Berardo Viola, che assurge a emblema di un nuovo, seppure ancora impreciso e velleitario, livello di dignità. Il giovane subirà le torture della milizia fascista, ma sarà il primo "cafone" a morire in nome di una causa collettiva. In questa luce, anche l'acqua fatta deviare abusivamente dal potente podestà di Fontamara assume un significato simbolico e vitale: il risveglio catartico delle coscienze, impastate dall'ignoranza e dall'apatia di secolari prevaricazioni.
    Ultima modifica di elisa; 04-18-2009 alle 12:03 AM. Motivo: correzione caratteri

  6. #6
    Mobile Member
    Data registrazione
    Jun 2007
    Località
    Messina
    Messaggi
    760
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da RosaT.
    L'ho letto moto tempo fa per la scuola ... mi ricordo che mi era piaciuto e che non mi è risultato pesantissimo come di solito lo sono i libri consigliati dai proff. ma se devo dire la veritÃ* oggi non ricordo quasi per niente le vicende narrate ... dovrò metterlo nelle mia lista per rinfrescarmi la memoria!!!!!!!!!!!!!
    Anche io Rosa! L'ho letto alle scuole medie, ma credo proprio che lo rileggerò!!

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    la ridente cittadina
    Messaggi
    441
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da RosaT.
    L'ho letto moto tempo fa per la scuola ... mi ricordo che mi era piaciuto e che non mi è risultato pesantissimo come di solito lo sono i libri consigliati dai proff.
    anche per me non è risultato per niente pesante!
    inoltre l ho letto tutto d un fiato perchè la storia mi ha affascinato troppo anche se in senso negativo...questa è la vera vita e non è finzione!(purtroppo)

  8. #8
    Knight Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Palermo
    Messaggi
    1206
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Bellissimo...l'ho letto circa due anni fa e lo ricordo perfettamente!!

  9. #9

    Predefinito

    Ricordo che ce lo fece leggere il professore di lettere in quinto superiore, ma purtroppo è un libro che ho rimosso ( ricordo pochissimo).
    Prima o poi penso che lo riprenderò in mano.

  10. #10

    Predefinito

    Anche io l'ho letto al liceo su invito (molto incisivo ) della professoressa di letteratura.
    Quello che mi ha colpito di più, è come tutta la gente di Fontamara non si sia accorta minimamente delle vicende che stavano cambiando l'Italia e il mondo in quel periodo. Oggi giorno con i mezzi di comunicazione che abbiamo la cosa sarebbe impossibile, ma anche nel romanzo credo che Silone abbia voluto "esagerare" l'ignoranza di questi contadini e operai, per sottolineare ancora di più quanto il fascismo fosse lontano dalle persone e arroccato nei palazzi del potere.

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    Il romanzo, pur presentandosi come un'opera intessuta di una sua verità*storica, esprime gli stati d'animo collettivi dei contadini di Fontamara ed è scandito da un'alternanza di registri che confluiscono nella coralità e nella denuncia violenta di ogni ingiustizia.
    Registra la scintilla della ribellione, personificata da Berardo Viola, che assurge a emblema di un nuova, seppure ancora imprecisa e velleitaria, dignità.
    Quoto




    .

  12. #12
    Surrealistic member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Foggia
    Messaggi
    1101
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    "Chiedo a voi gran professori, ai giuristi o ai signori
    la morale è una sola o ha ragione anche Berardo Viola?"
    (la morale dei briganti, ratti della sabina)

  13. #13
    Surrealistic member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Foggia
    Messaggi
    1101
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    vorrei rivolgere una domanda a tutti gli appassionati di fontamara: verso la fine della storia, Berardo Viola va a chiedere lavoro al cavalier Pazienza, il quale gli chiede in cambio soldi, uova, galline, vino, miele e altre cose. Berardo allora invia un telegramma con la richiesta di tutte questa cose al padre, che però è morto. Dopo 4 giorni arrivano tutte le cose richieste.
    Qualcuno sa spiegarmi chi inviò quei soldi a Berardo?


  14. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    25
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Fontamara, Fontamara: semplicemente un romanzo perfetto: alle medie ne avevo letto alcuni brani scelti nell’antologia ( non capisco perché non ce lo fecero leggere tutto, quando leggemmo Niente di nuovo sul fronte occidentale, questo era più nostro!) ed il ricordo era talmente vago che era necessario leggerlo per bene una volta per tutte.

    Non mi ha sconvolto, perché mi aspettavo l’infinita serie di soprusi, di sfruttamento, di disgrazie cui i poverissimi cafoni sarebbero andati incontro ( qui mi ha ricordato Furore ), l’imbroglio dell’acqua e quello di lustri, con i soliti oppressori che detengono il potere e quelli nuovi che cominciano a sostituirli nel ventennio fascista (e qui il Solito Sconosciuto mi ha ricordato Francesco Monteiro Rossi di Sostiene Pereira ).

    Ciò che mi ha fatto godere di questa lettura è la perfezione delle parole dei più ingenui: semplici e dure come pietre, nette e
    affilate come coltelli, perle di saggezza.
    Uno straordinario esempio di letteratura italiana. Lodi, lodi, lodi!

  15. #15
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    25
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da El_tipo Vedi messaggio
    vorrei rivolgere una domanda a tutti gli appassionati di fontamara: verso la fine della storia, Berardo Viola va a chiedere lavoro al cavalier Pazienza, il quale gli chiede in cambio soldi, uova, galline, vino, miele e altre cose. Berardo allora invia un telegramma con la richiesta di tutte questa cose al padre, che però è morto. Dopo 4 giorni arrivano tutte le cose richieste.
    Qualcuno sa spiegarmi chi inviò quei soldi a Berardo?

    attenzione spoiler:
    nessuno inviò i soldi a berardo.....nel telegramma che ricevette, e che il cav. pazienza gli portò con tanta gioia credendo che fosse finalmente arrivato quanto chiesto, non c'era nient'altro che la brutta notizia della morte di elvira....
    Ultima modifica di elesupertramp; 07-09-2010 alle 05:30 PM.

Discussioni simili

  1. Silone, Ignazio - Vino e pane
    Da Ellis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 08-31-2016, 09:08 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •