Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

vita-dell'arciprete-avvakum

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Avvakum - Vita dell'arciprete Avvakum scritta da lui stesso

  1. #1

    Predefinito Avvakum - Vita dell'arciprete Avvakum scritta da lui stesso

    È opinione diffusa che la grande stagione del realismo russo cominci con questo testo. Aspro, feroce, crudelmente satirico a tratti, quest'opera, per vie misteriose, trasmise tutta la forza dell'umanità e della lingua russa ai grandi paladini del realismo ottocentesco. La vita di Avvakum è un perenne epopea, un naufragio, dove a sprazzi intravediamo l'ecclesiastico aggrappato a sottili relitti di speranza, i quali puntalmente affondano. Tempi duri: il XVII secolo fu zeppo di sconvolgimenti politici (i Romanov salirono al potere), sociali, religiosi. L'arciprete si lanciò con tua la sua energia nella questione della chiesa ortodossa. La sua parte era quella dei "Vecchi Credenti" contrari a qualsiasi grecizzazione sia della liturgia che della dottrina, quella insomma, che non voleva vendere la vera fede russa al "turco invasore" e alla "puttana romana". Ma, oltre la disputa teologica e idelogica, vi è qualcosa nelle pagine e nella voce di Avvakum di profondamente umano: egli si azzuffa coi diavoli come fossero ubriaconi da osteria; combatte il peccato come se fosse un nemico fisico; insegue assieme allo Spirito Santo, ribaldo e furbesco compagno di mattane, i nemici che continuamente attentano alla sua persona. Roghi, lingue strappate, torturei, frustate, deportazioni, la fanno da padrona in questo libro profondo ma cattivo e crudo; però, nonostante tutto, in mezzo alla bestialità la profonda umanità di Avvakum non viene mai meno. Abbiamo così pagine colme di commozione dedicate alle figlie, alla moglie, ai compagni di sventura torturati crudelmente. Stupiscono, a tratti, la sua profonda sensibilità, la sua bontà, la sua tolleranza e la sua capacità di perdonare. Il sigillo di fuoco di questo libro sta nella sua chiusa: "Lo vedi, mio ascoltatore, Cristo chiama nella libertà e non ha ordinato agli Apostoli di bruciare col fuoco e di far pendere dai capestri i recalcitranti." Da leggere.
    Ultima modifica di Vladimir; 09-19-2009 alle 03:40 PM.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Rileggi mai lo stesso libro?
    Da klosy nel forum Le Sempreverdi - Discussioni con Bellezza eterna
    Risposte: 82
    Ultimo messaggio: 11-07-2014, 01:55 AM
  2. Gray, Thomas - Elegia Scritta In Un Cimitero Campestre
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-13-2009, 03:44 PM
  3. Foscolo,Ugo- Di sè stesso
    Da fabiog nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-21-2009, 11:37 PM
  4. Foscolo,Ugo- Di sè stesso
    Da fabiog nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-06-2009, 11:03 PM
  5. Oz, Amos - Lo stesso mare
    Da zaratia nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 11-02-2007, 11:39 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •