Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Pagina 1 di 3 123 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 35

Discussione: Allergie letterarie

  1. #1
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito Allergie letterarie

    Apro questo simpatico, spero , thread sulle allergie letterarie, ovvero aspetti contenutistici e/o strutturali che proprio ci rendono insopportabile la lettura di un libro.
    Comincio io:

    - la mancanza di capitoli: mi provoca asfissia
    - flashback all'inizio del libro: mi fa venire l'orticaria
    - mancanza di punteggiatura nei dialoghi: vertigini e giramento di testa
    - protagonista molto basso e con pochi capelli: crisi epilettica (scherzo )

    Per fortuna ci sono alcuni vaccini che funzionano!!
    Ad esempio Cecità di Saramago conteneva un vaccino che mi ha fatto temporaneamente passare le vertigini!!

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    674
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Anche a me infastidisce la mancanza della divisione in capitoli oppure i capitoli troppo lunghi.
    Ma ciò che mi irrita maggiormente sono i frequenti salti da un avvenimento ad un altro, nel tentativo di descrivere situazioni parallele, apparentemente slegate, che troveranno un filo conduttore solo alla fine del libro, quando ormai è troppo tardi per capirci qualcosa.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    la leggendaria terra dei Consulenti
    Messaggi
    1235
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    soffro di eruzioni cutanee davanti a personaggi standardizzati, cliché ed archetipi di genere,come:

    - il vampiro bellissimo,e tormentato per le proprie vittime
    -la ragazza belllissima ed innocente (spesso bionda) che si innamora del cattivo e lo salverà
    - il detective privato senza soldi, pieno di debiti e di donne,con un passato triste
    - la situazione drammatica in cui tutti,inclusi un pingue ragionere balbuziente si trasformano in eroi...

  4. #4
    The Fool on the Hill
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3595
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Mi danno fastidio le atmosfere disfattiste, in cui tutto va male, tutto è marcio, tutto è corrotto e non si può fare altro che rassegnarsi alla decadenza. Mi angoscia il senso di sconfitta che si vive dalla prima all'ultima pagina.

  5. #5
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18997
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    245
    Thanks Thanks Received 
    730
    Thanked in
    451 Posts

    Predefinito

    allergia con shock anafilattico quando la storia è così prevedibile che già penso alle battute o agli avvenimenti scontati che leggerò alla pagina successiva, e c'azzecco, se poi il finale è telefonato allora lascio immaginare l'eruzione cutanea che compare immediatamente in tutto il corpo.

  6. #6
    Alfaheimr
    Data registrazione
    May 2009
    Località
    Erewhon
    Messaggi
    1585
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alexyr Vedi messaggio
    soffro di eruzioni cutanee davanti a personaggi standardizzati, cliché ed archetipi di genere,come:

    - il vampiro bellissimo,e tormentato per le proprie vittime
    -la ragazza belllissima ed innocente (spesso bionda) che si innamora del cattivo e lo salverà
    - il detective privato senza soldi, pieno di debiti e di donne,con un passato triste
    - la situazione drammatica in cui tutti,inclusi un pingue ragionere balbuziente si trasformano in eroi...
    Mamma, sto ancora ridendo
    Però, che livello basso, questo

    Citazione Originariamente scritto da mame Vedi messaggio
    Mi danno fastidio le atmosfere disfattiste, in cui tutto va male, tutto è marcio, tutto è corrotto e non si può fare altro che rassegnarsi alla decadenza. Mi angoscia il senso di sconfitta che si vive dalla prima all'ultima pagina.
    Hihihih
    Allora dovrebbe provare con Kafkone, mame

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    allergia con shock anafilattico quando la storia è così prevedibile che già penso alle battute o agli avvenimenti scontati che leggerò alla pagina successiva, e c'azzecco, se poi il finale è telefonato allora lascio immaginare l'eruzione cutanea che compare immediatamente in tutto il corpo.
    Concordo. Unica differenza, la reazione: per me intensa eruzione di acne.

    Io detesto le opere artistiche che non dicano nulla di nuovo, nulla d'altro, nulla di originale.

  7. #7
    The Fool on the Hill
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3595
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Mizar Vedi messaggio
    Allora dovrebbe provare con Kafkone, mame
    Se Kafkone è Kafka e non un refuso di Kafone, mi è piaciuto moltissimo.

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5816
    Thanks Thanks Given 
    1218
    Thanks Thanks Received 
    421
    Thanked in
    252 Posts

    Predefinito

    Sopporto quasi tutto,ma proprio non reggo i personaggi mielosi,in genere ragazze ingenue fino al midollo,e i personaggi alla "trainspotting".

  9. #9
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    256
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    bello questo post complimenti .. io non sopporto le descrizioni troppo lunghe, mi fanno venire sonno, devono essere si capaci di descrivere qualcosa o qualcuno in modo da potermelo far immaginare, ma devo anche metterci del mio; i personaggi "senza sale in zucca", che ti fanno sperare di non incontrare mai nessuno così;

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    alto adige dal lun al ven, trentino sab e dom
    Messaggi
    614
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Per fortuna capita raramente, ma non reggo gli scrittori che fanno uso di parolacce nei dialoghi dei loro personaggi.

  11. #11
    Lonely member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Palermo ma sono di Napoli
    Messaggi
    6833
    Thanks Thanks Given 
    41
    Thanks Thanks Received 
    88
    Thanked in
    63 Posts

    Smile

    Citazione Originariamente scritto da Dory Vedi messaggio

    - la mancanza di capitoli: mi provoca asfissia
    - mancanza di punteggiatura nei dialoghi: vertigini e giramento di testa


    questi due fanno venire l'orticaria anche a me (con unica eccezione per Saramago)..
    Poi aggiungerei:
    -le storie troppo banali che alla seconda pagina già hai capito dove vuole andare a parare
    -le introduzioni lunghissime, quasi quanto il libro
    - gli errori di stampa

  12. #12
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2007
    Località
    Treviso
    Messaggi
    998
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Dory Vedi messaggio
    la mancanza di capitoli: mi provoca asfissia
    Quoto. Sinceramente non riesco a spiegarmi perchè alcuni autori non suddividono il libro in capitoli: non dovrebbe essere difficile...



    Citazione Originariamente scritto da Minerva Vedi messaggio
    i frequenti salti da un avvenimento ad un altro, nel tentativo di descrivere situazioni parallele, apparentemente slegate, che troveranno un filo conduttore solo alla fine del libro, quando ormai è troppo tardi per capirci qualcosa.
    Anche qui non ho mai capito quale di preciso sia l'effetto che l'autore vuol raggiungere... forse cerca di fare della suspense, ma il più delle volte esagera e l'effetto è solo meccanico ed innervosente... Mi vengono in mente i primi capitoli di Oceano mare di Baricco, dove lui ti rovescia addosso tutta una serie di personaggi ancora del tutto indipendenti fra loro. Per fortuna che ben presto raccoglie i fili, ma resta una tecnica poco efficace secondo me, fredda, cervellotica.



    Citazione Originariamente scritto da lavy Vedi messaggio
    le descrizioni troppo lunghe, mi fanno venire sonno
    Altro tasto dolente. Le descrizioni sono tra le cose più ostiche da realizzare per gli scrittori, perchè è difficile mantenere vivo l'interesse. Infatti tanti riescono male.



    Citazione Originariamente scritto da isola74 Vedi messaggio
    le introduzioni lunghissime, quasi quanto il libro
    Straquoto. A volte mi sono imbattutto in introduzioni interessanti, ma più spesso quelle lunghe finiscono per girare a vuoto o col parlare di cose poco attinenti al libro in sè.
    Ma le introduzioni fanno anche di peggio: a volte svelano il finale del libro (!!! ), mentre quasi sempre ne indirizzano la lettura, in modo più o meno forte, secondo il punto di vista del prefatore. Cosa quest'ultima che può anche servire, perchè sottolinea aspetti dell'opera che uno può non aver colto, ma va fatta dopo. La prima lettura, secondo me, dev'essere sempre libera da condizionamenti di sorta. Personalmente sono giunto alla conclusione che l'introduzione va letta, ma dopo, non prima del libro.

  13. #13
    The Fool on the Hill
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    3595
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Masetto Vedi messaggio
    Ma le introduzioni fanno anche di peggio: a volte svelano il finale del libro (!!! ), mentre quasi sempre ne indirizzano la lettura, in modo più o meno forte, secondo il punto di vista del prefatore. Cosa quest'ultima che può anche servire, perchè sottolinea aspetti dell'opera che uno può non aver colto, ma va fatta dopo. La prima lettura, secondo me, dev'essere sempre libera da condizionamenti di sorta. Personalmente sono giunto alla conclusione che l'introduzione va letta, ma dopo, non prima del libro.
    Anche le postfazioni possono essere deleterie per l'autostima di un lettore. Nella postfazione a "The British Museum is Falling Down", Lodge parla di tutte le opere che aveva in qualche modo parafrasato nel suo romanzo. Non ne conoscevo una, non ne avevo riconosciuta neanche mezza e mi sono sentita una capra totale. Però il libro è stato divertente lo stesso.

    Io non sopporto neanche i libri dove ci sono troppi personaggi perché faccio una fatica bestiale a ricordare i nomi. Ci sono scrittori che ti descrivono per tre pagine un personaggio che poi dice una battuta e sparisce. Ma perché???

  14. #14
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    256
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Masetto Vedi messaggio
    Altro tasto dolente. Le descrizioni sono tra le cose più ostiche da realizzare per gli scrittori, perchè è difficile mantenere vivo l'interesse. Infatti tanti riescono male.
    verissimo.. qualche tempo fa le saltavo se mi accorgevo che erano troppo lunghe.. per essere sincera ho trovato solo un libro che mi ha incollato alle pagine anche quando venivano descritti ambienti e personaggi.. "il ritratto di Dorian Gray" ma oscar wilde era veramente un maestro...

  15. #15
    Vukodlak Mod
    Data registrazione
    Apr 2009
    Località
    Marino (RM)
    Messaggi
    2192
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da lavy Vedi messaggio
    bello questo post complimenti .. io non sopporto le descrizioni troppo lunghe, mi fanno venire sonno, devono essere si capaci di descrivere qualcosa o qualcuno in modo da potermelo far immaginare, ma devo anche metterci del mio;
    d'accordissimo

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Notizie letterarie!
    Da elydark nel forum Salotto letterario
    Risposte: 19
    Ultimo messaggio: 05-31-2009, 09:46 PM
  2. esistono ancora le riviste letterarie?
    Da Faskyo nel forum Salotto letterario
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 01-12-2009, 10:44 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •