Negli anni Sessanta W. Szymborska, incuriosita dal divario fra l'attenzione che i recensori riservano ai libri 'nobili' (narrativa, saggistica storico-politica, classici), e il vasto successo riscosso da libri di tutt'altro genere (quelli di banale divulgazione scientifica, manuali del fai da te, almanacchi), decise che valeva la pena di dedicare proprio a questi ultimi qualche considerazione.

lascio parlare l'autrice :
"In ultima analisi mi sono resa conto di essere e voler restare una lettrice amatoriale, su cui non gravi l'imperativo di un'incessante valutazione. Per me, talvolta, il libro può costituire l'argomento centrale, talaltra solamente il pretesto per abbandonarmi a fuggevoli associazioni di idee"

Si passa dai medium a dickens, da Hitchcock alla vita quotidiana del 700' e cosi via in una serie di brevi articoli pieni di idee e intelligenza della grande poetessa polacca premio nobel..

un libro delizioso ..