Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: La favola guida

  1. #1
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18815
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    643
    Thanked in
    384 Posts

    Predefinito La favola guida

    Avete una favola in cui vi riconoscete, una favola che vi raccontate e che racchiude un significato più profondo per voi della semplice storia narrata?

    La mia è La donna scheletro, una favola nordica che mi è stata di molto aiuto

    LA DONNA SCHELETRO
    Aveva fatto qualcosa che suo padre aveva disapprovato, sebbene nessuno più rammentasse cosa. Il padre l'aveva trascinata sulla scogliera e gettata in mare. I pesci ne mangiarono la carne e le strapparono gli occhi. Sul fondo del mare, il suo scheletro era voltato e rivoltato dalle correnti.
    Un giorno arrivò in quella baia, dove un tempo andavano in tanti, un pescatore. L'amo del pescatore scese nell'acqua e si impigliò nelle costole della Donna Scheletro. Pensò il pescatore: "Ne ho preso uno proprio grosso!" Intanto pensava a quanta gente quel grosso pesce avrebbe potuto nutrire, a quanto sarebbe durato, per quanto tempo avrebbe potuto restarsene a casa tranquillo. E mentre stava cercando di tirare su quel gran peso attaccato all'amo, il mare prese a ribollire, perché colei che stava sotto stava cercando di liberarsi. Ma più lottava e più restava impigliata. Inesorabilmente veniva trascinata verso la superficie, con le costole agganciate all'amo.Il pescatore si era girato per raccogliere la rete e non vide la testa calva affiorare dalle onde, non vide le piccole creature di corallo che guardavano dalle orbite del teschio, non vide i crostacei sui vecchi denti d'avorio. Quando si volse, l'intero corpo era salito in superficie e pendeva dalla punta del kayak.
    "Ah!", urlò l'uomo, e il cuore gli cadde fino alle ginocchia, gli occhi per il terrore si nascosero in fondo alla testa, e le orecchie diventarono rosso fuoco. La gettò giù dalla prua con il remo, e prese a remare come un demonio verso la riva. Non rendendosi conto che era aggrovigliata nella lenza, era sempre più terrorizzato perché essa pareva stare in piedi e seguirlo a riva. Per quanto andasse a zig zag restava lì dietro ritta in piedi e il suo respiro rovesciava sulle acque nuvole di vapore, e le braccia si lanciavano in acqua come per afferrarlo.
    Alla fine l'uomo raggiunse il suo igloo, si lanciò nella galleria, e a quattro zampe penetrò all'interno. Ansimando e singhiozzando giacque nell'oscurità, con il cuore che batteva come un tamburo. Finalmente al sicuro.
    Ma quando accese la lampada all'olio di balena, eccola, lei era lì, ed egli cadde sul pavimento di neve con un tallone sulla sua spalla, un piede sul suo gomito. Non seppe poi dire come fu, forse la luce del fuoco ne ammorbidiva i lineamenti, o forse perché era un uomo solo. Fatto sta che sentì nascere come un sentimento di tenerezza, e lentamente allungò le mani sudicie e prese a liberarla dalla lenza. "Ecco, ecco", prima liberò le dita dei piedi, poi le caviglie. E continuò nella notte, e la coprì di pellicce per tenerla al caldo. Cercò la pietra focaia e accese il fuoco. Lei non diceva una parola - non osava - perché altrimenti quel cacciatore l'avrebbe presa e gettata agli scogli.
    All'uomo venne sonno, scivolò sotto le pelli e cominciò ben presto a sognare. Talvolta, durante il sonno, una lacrima scivola giù dall'occhio di chi sogna, quando c'è un sogno di tristezza o di struggimento. E questo accadde all'uomo. La Dona Scheletro vide la lacrima brillare nella luce del fuoco, e d'improvviso sentì un'immensa sete. Si trascinò accanto all'uomo addormentato e posò la bocca su quella lacrima. Quell'unica lacrima era come un fiume, e lei bevve e bevve finchè la sua sete di anni non fu placata.
    Frugò nell'uomo addormentato e gli prese il cuore, il tamburo possente. Si mise a sedere e si mise a picchiare sui due lati del cuore. Mentre suonava si mise a cantare: "Carne, carne, carne!". E più cantava più si ricopriva di carne. Cantò per i capelli e per buoni occhi e per mani piene. Cantò la linea tra le gambe, e il seno, abbastanza grande da trovarvi calore, e tutte le cose di cui una donna ha bisogno. E poi cantò i vestiti, che si togliessero dal dormiente, e scivolò nel letto con lui, pelle a pelle. Rimise il suo cuore nel suo corpo, e così si risvegliarono stretti uno nelle braccia dell'altra, aggrovigliati dalla loro notte, in un altro mondo, bello e duraturo.

  2. #2
    Smiling member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Messaggi
    32
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito I cigni selvatici, di Andersen

    Ho sempre adorato questa fiaba, ma se mi si chiedesse il perché... non credo che saprei rispondere!
    Forse ho sempre apprezzato la determinazione di Elisa: decisa a liberare i suoi 12 fratelli da un incantesimo, che li rendeva cigni di giorno e umani di notte, si mette a tessere 12 tuniche fatte con fili di ortiche, senza poter mai parlare, pena la morte dei fratelli. Alla fine ci riesce, ma non senza sforzo! Termina l'ultima tunica pochi minuti prima di venir bruciata come strega!

    Quello che si dice un finale mozzafiato! Evviva la perseveranza e la costanza!

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5746
    Thanks Thanks Given 
    1130
    Thanks Thanks Received 
    381
    Thanked in
    231 Posts

    Predefinito

    La Llorona, leggenda messicana

    La leggenda dice che la Llorona era un'indigena messicana innamorata di un hidalgo, un nobile, spagnolo del periodo coloniale. Avevano avuto tre figli pur non essendo sposati. Lui evitava di formalizzare l'unione ma andava spesso a visitarla. Dopo un po' di tempo tornò in Spagna perché i sui genitori gli avevano procurato una moglie del suo rango. Quando la andò a salutare la donna indigena reagì malissimo, impazzì, tanto che prese i figli e li uccise gettandoli nel fiume. Quando si rese conto di quello che aveva fatto morì di dolore.Da allora tutte le notti gira per le strade urlando i suoi lamenti (ay mis hijos!!!)


    Sembra una fiaba truce,ma non la è,Il racconto contribuisce a insegnare a una donna cosa non fare e ritrovare la sua vita.
    Come tenere pulito il fiume e ripescare i suoi bambini.

    Ultima modifica di SALLY; 12-06-2009 alle 05:07 PM.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5746
    Thanks Thanks Given 
    1130
    Thanks Thanks Received 
    381
    Thanked in
    231 Posts

    Predefinito


    un grazie a Elisa per la fiaba
    e
    un grazie a Nicole che mi ha insegnato a postare le foto.....

  5. #5
    Logopedista nei sogni
    Data registrazione
    Mar 2017
    Località
    In riva al mare
    Messaggi
    780
    Thanks Thanks Given 
    568
    Thanks Thanks Received 
    365
    Thanked in
    255 Posts

    Predefinito

    La favola di Ondina di Friedrich de La Motte Fouque.
    La ricerca dell'amore autentico.

Discussioni simili

  1. Adams, Douglas - Guida galattica per gli autostoppisti
    Da nicole nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 35
    Ultimo messaggio: 10-01-2017, 09:49 PM
  2. Montiel, Dito - Guida per riconoscere i tuoi santi
    Da ayla nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 12-15-2009, 12:53 PM
  3. Mi serve il titolo di una favola
    Da Fallen Angel nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-11-2009, 09:14 PM
  4. Dimitri, Francesco - Guida alle case più stregate del mondo
    Da Masetto nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 05-09-2008, 09:20 PM
  5. Una guida per iniziare
    Da zaratia nel forum Pagine di servizio
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 04-27-2008, 05:31 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •