Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

I Detective Selvaggi

Mostra risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Bolano, Roberto - I Detective Selvaggi

  1. #1
    Re Shulgi di Ur
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Mesopotamia meridionale
    Messaggi
    59
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Bolano, Roberto - I Detective Selvaggi

    Arturo Belano e Ulises Lima, sedicenti poeti e piccoli trafficanti, adepti di un'improbabile ed estrema avanguardia, il "realvisceralismo", cercano attraverso l'America Latina la mitica fondatrice della loro avanguardia, creatrice di un'unica composizione inedita e scomparsa nel nulla. Nel racconro due momenti si incardinano l'uno nell'altro: il presente in cui i due detective inseguono le tracce della donna, e gli indiretti racconti che vent'anni dopo fanno testimoni che conobbero Arturo e Ulises.

    Ho cominciato ad avvicinarmi da poco a quel genio che è stato Roberto Bolano, e devo ammettere che per me è stata una scoperta preziosa. Non mi capitava da parecchio tempo di rimanere completamente assorbito nella lettura come è accaduto con questo romanzo dello scrittore cileno.
    I Detective Selvaggi si articola in tre parti, la prima è ambientata nel 1975 a città del messico e narra le avventure sessuali del giovane poeta Garcia Madero (studente di giurisprudenza che tuttavia frequenta i corsi di poesia), del suo incontro con il movimento realvisceralista e con i suoi due fondatori: Arturo Belano e Ulises Lima (rispettivamente alter ego di Roberto Bolano e Mario Santiago Papasquiaro, poeta messicano e amico dell'autore).
    La seconda parte è una ricostruzione frammentaria che va dal 1976 al 1996, composta da decine di testimonianze affidate a personaggi disparati, che hanno incrociato le loro strade con quelle di Belano e Lima. Attraverso un mosaico di voci, aneddoti e pensieri, queste tracce danno vita a una ricostruzione sommaria dei movimenti dei due poeti, rivelando qualche indizio riguardante i protagonisti e al tempo stesso la personalità dei narratori.
    L'ultima parte del romanzo torna in messico e più precisamente nel 1976, e vede Belano, Lima, Garcia Madero e Lupe (una prostituta in fuga) alla ricerca di Cesarea Tinajero, poetessa di cui hanno una sola composizione risalente a molti decenni prima, e che è considerata la madre dell'avanguardia da loro nominata realvisceralismo.
    Per certi versi è un romanzo con un sapore borgesiano, ma che riesce a spingersi oltre la finzione, dando vita a personaggi anarchici e indimenticabili, intrecciando e al contempo disperdendo i sogni di un'intera generazione come granelli di sabbia nel deserto di Sonora.

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18790
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    bella recensione e sicuramente Bolano andrà in lista

  3. #3
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Mi sono avvicinata a questo singolare autore proprio con questo libro e mi ha letteralmente estasiato. Le peripezie di questo gruppo di giovani poeti cileni, che vivono una vita tipicamente bohémien e si autodefiniscono “realisti viscerali”, si pongono quasi come un viaggio iniziatico, a metà tra realtà e finzione, idealmente rivolto allo sviluppo esistenziale dei protagonisti. Romanzo difficilmente catalogabile in un genere: nonostante il titolo difficile ridurlo ad un noir in quanto è un’epopea in cui sono presenti diversi elementi narrativi e letterari con l’intervento di vari personaggi, storie, citazioni, presupposti psicologici e antropologici, poesie il tutto condito da situazioni e dialoghi a volte assurdi ma sempre molto stimolanti. Decisamente consigliato agli amanti di ogni forma di viaggio, sia nel mondo esterno che in quello interiore.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Che recensione intrigante, Elena! E che bello rileggerti!!! Aggiunto in wishlist

  5. #5
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Scrivere (o leggere) la trama di questo libro è un po' come assassinarlo.
    Leggetelo. Punto e basta.
    Compratelo come se steste acquistando un biglietto per un treno che non sapete dove vi porterà.
    Incontrerete un universo variegato di personaggi, passeggeri ignari, come voi, che vi racconteranno due storie: la loro storia personale e quella di due amici comuni, che diventeranno presto anche vostri amici, e alla fine, così come sto facendo io ora, voi stessi racconterete ad altri la vostra storia e quella di questi due comuni amici.

    Non c'è molto altro da dire, Bolano, per chi lo ama, dà dipendenza e stupore.

    Citazione:

    Poi si alzò in piedi (venti secondi dopo aver parlato, al massimo) e mi diede uno schiaffo sulla guancia. E il suono riecheggiò in tutta la casa, eravamo al pianoterra ma io sentii il suono della sua mano (quando il palmo della sua mano non era più sulla mia guancia) salire le scale ed entrare in ogni stanza del primo piano, scendere giù dai rampicanti, rotolare come tante biglie di vetro in giardino.

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2900
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Grazie Dory per la bellissima recensione.
    L'abbiamo letto insieme ed insieme, anche con Cold ( che però l'aveva terminato in un nanosecondo), tutti e tre esaltatissimi ed elettrizzati , abbiamo ascoltato la lettura di tre brani nella splendida cornice dell'Auditorium con il prezioso contributo della traduttrice Ilide Carmignani, che ci ha raccontato aneddotti sulla sua vita privata.
    Abbiamo viaggiato per 20 anni in ogni angolo del mondo, mettendo insieme come in un puzzle tutti i frammenti che Bolano ha disseminato qua e là con il suo fervido genio.
    Non avevo mai letto niente di simile prima d'ora.
    Inutile dire che, una volta scoperta questa miniera d'oro, a poco a poco mi leggerò tutto.

  7. #7
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4248
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Post

    Leggere questo libro insieme ad Ele e Cold è stato molto emozionante e stimolante, soprattutto perché Cold va come un treno e stargli dietro diventa una questione d'onore
    Andare insieme a loro all'incontro all'auditorium lo è stato ancora di più, non solo perché la traduttrice si è rivelata una persona estremamente competente e interessante, ma anche perché loro sono due persone splendide e sono riusciti ad evitare che decapitassi il moderarore dell'incontro che raccontava ridacchiando tutti i finali dei libri di Bolano, scusandosi come Trenitalia coi ritardi dei treni.



    (Ormai ero lanciata con i paragoni ferroviari e non sono riuscita ad uscire dal binario... )

  8. #8
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2227
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    dopo 2666, che mi ha entusiasmato a dismisura, ho letto anche I detective selvaggi di Bolano. Leggermente meno appassionante a mio parere, ma di poco...
    Il fatto è che Roberto Bolano scrive magistralmente, e poi poco importa cosa scriva... leggere Bolano è immergersi nel suo stile, nella sua scrittura, nel suo mondo: di cose ne capitano a centinaia e non ne capita nessuna, leggere Bolano è prendersi una pausa dal mondo!
    Straconsigliato! soprattutto a coloro che disprezzano i romanzi contemporanei!

Discussioni simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 09-03-2014, 03:28 PM
  2. Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 08-27-2013, 10:52 PM
  3. Doody, Margaret - Aristotele detective
    Da evelin nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 06-23-2011, 10:41 PM
  4. Petrie, Donald - Miss Detective
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 06-26-2009, 01:19 PM
  5. McCarthy, Cormac - Cavalli selvaggi
    Da Cozza Taddeo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-15-2009, 01:43 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •