Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La vita è sogno

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Calderon de la Barca, Pedro - La vita è sogno

  1. #1
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Calderon de la Barca, Pedro - La vita è sogno

    L'oroscopo pronostica a Basilio, immaginario re di Polonia, che suo figlio Sigismondo lo umilierà, sarà un re crudele e renderà infelice il suo popolo. Allora il re fa rinchiudere il figlio in un castello solitario in mezzo ai monti e ordina che chiunque si avvicini a quel luogo venga messo a morte. Gli viene poi posta la possibilità di vincere il proprio destino...

    Sigismondo viene segregato affinchè la sciagura non si compia e questo suo svegliarsi nella nuova realtà a lui negata altro non gli pare che un sogno, tanto che anche quando verrà chiamato all'azione tutto potrebbe essere effimero, tutto potrebbe svanire..
    E' un'opera onirica, dai tratti sfumata, quasi inconsistente.. Si legge in un fiato, è molto coinvolgente!
    Cito la frase di un critico che esprime perfettamente le mie emozioni nel leggere quest'opera!
    "Il teatro e' vita e la vita e' sogno. Quindi il teatro e' sogno. Di quei sogni che vorresti non finissero e continuassero a cullarti."
    Ultima modifica di Dorylis; 02-23-2010 alle 12:06 PM.

  2. #2
    Fantastic Member
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Padova
    Messaggi
    1996
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ed ecco il monologo di Sigismondo!

    "Oh sventurato me! Oh, me infelice!
    Conoscere, o cieli, pretendo,
    tanto da voi afflitto,
    quale commisi delitto,
    contro di voi, nascendo.
    Ma, già col nascere, intendo,
    gran delitto ho consumato;
    più che bastante reato
    di vostra giustizia al rigore;
    poichè il delitto maggiore
    per l'uomo è d'essere nato
    .
    Solo sapere vorrei,
    per sopportare il tormento,
    - e trascuriamo un momento
    che il nascere ci fa rei -
    quale altra colpa avrei
    per un castigo di più?
    Chi non è nato, quaggiù?
    Se tutti gli altri son nati,
    quale grazia li ha salvati,
    che me ignorò, di lassù?
    Nasce l'uccello, di gale
    e grazie uno splendore;
    e appena è un piumoso fiore
    o un ramoscello con l'ale...
    Via! per l'eteree sale
    si scaglia in velocità;
    e il richiamo di pietà
    dal nido non lo disanima.
    E io con tanta più anima
    resto senza libertà?
    Nasce la fiera, di pelle
    leggiadramente screziata
    ed appena è diventata
    una figura di stelle,
    Via! feroce e ribelle!"
    Umana necessità
    le insegna la crudeltà
    mostro del suo labirinto.
    E io, con più santo istinto,
    resto senza libertà?
    Nasce il pesce e non respira,
    d'alga e di fango groviglio,
    ma appena squammeo naviglio
    in vetta all'onda si mira,
    Via! in ogni senso gira,
    scandagliando l'entità
    di tutta l'immensitò,
    che gli offre il freddo elemento.
    E in me, l'arbitrio del talento
    resta senza libertà?
    Nasce il ruscello: un anguilla
    che fra le erbe e i fiori sguiscia;
    ed appena, argentea biscia,
    incontro ai fiori zampilla,
    Via! lodando a tutti squilla
    dei fiori la carità,
    che gli offre la maestà
    di campi da invadere a corsa.
    E in me, ogni mia risorsa
    resta senza libertà?
    Ridotto a tanto furore
    un Etna mi sento, un vulcano,
    vorrei strapparmi a brano
    a brano dal petto il cuore.
    Di quale legge il rigore
    negare ad un uomo saprà
    sì primaria immunità,
    privilegio così bello,
    che Dio concede a un fiore,
    a una fiera, a un uccello,
    a un ruscello?

  3. #3
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18718
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    212
    Thanks Thanks Received 
    578
    Thanked in
    341 Posts

    Predefinito

    Un capolavoro assoluto questa opera teatrale del '600 spagnolo. Scorre via che è un piacere pur su temi complessi di tipo filosofico e teologico che mai avrei creduto potessero essere così coinvolgenti. Bello anche l'Auto Sacramental Allegorico di contenuto prettamente simbolico e religioso che nella mia versione viene dopo l'opera teatrale. Non perdetevi durante la veglia questo testo!

Discussioni simili

  1. Forster, Marc - Neverland. Un sogno per la vita
    Da +°Polvere di stelle°+ nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 03-23-2015, 10:16 PM
  2. Mastrocola, Paola - Una barca nel bosco
    Da Mrs. Rog nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 01-06-2012, 11:26 PM
  3. Libri sui viaggi in barca a vela
    Da fabbroscrivano nel forum Sto cercando un libro che parli di...
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 10-01-2009, 12:28 PM
  4. Poe, Edgar Allan - Un sogno dentro un sogno
    Da nicole nel forum Poesia
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 05-28-2009, 08:27 AM
  5. Calderòn, Emilio - La mappa degli dei
    Da lucas corso nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 10-02-2007, 07:24 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •