Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Fedone

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Platone - Fedone

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    prov. di Milano
    Messaggi
    4327
    Inserimenti nel blog
    1
    Thanks Thanks Given 
    722
    Thanks Thanks Received 
    445
    Thanked in
    300 Posts

    Predefinito Platone - Fedone

    E' l'ultimo giorno di vita, per Socrate. Questa sera, come disposto dal tribunale di Atene che lo ha condannato, berrà la cicuta che provocherà la sua morte.
    La giornata trascorre con gli amici e i compagni-discepoli di sempre. Socrate è sereno perché, spiega, la morte è per il filosofo un traguardo e un passaggio, non una conclusione. Solo libera finalmente dai legami e dalle tirannie del corpo l'anima, che è immortale, potrà finalmente raggiungere la vera conoscenza. Socrate raggiungerà gli dei e sarà premiato per l'infaticabile ricerca che ha condotto nel corso della vita. Che senso avrebbe essere tristi?

    Intenso e profondo, questo scritto è uno dei fondamenti del pensiero anche religioso dell'Occidente. Da leggere per capire meglio noi, la nostra storia, la "forma mentis" che ha caratterizzato la cultura e la religiosità della nostra parte del mondo, nel bene e nel male.

    Consigliato? No, praticamente obbligatorio!
    Ultima modifica di elisa; 02-22-2010 alle 04:30 PM. Motivo: format titolo

  2. #2
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    13823
    Thanks Thanks Given 
    773
    Thanks Thanks Received 
    544
    Thanked in
    401 Posts

    Predefinito

    Nel leggerlo mi sono sentita come i discepoli di Socrate che assentivano a quasi tutto quello che lui diceva. Lo facevano perchè erano davvero d'accordo e interessati all'argomento (questo presume che avessero capito tutto quello che lui voleva dire, e quando non ci riuscivano chiedevano spiegazioni) e non credo affatto solo per adularlo. Io non sono sicura di aver compreso tutto, ma per la maggior parte di quello che ho inteso mi sono trovata in sintonia con lui. Ogni volta che ho ripreso il libro in mano mi sembrava di aver sospeso un dialogo tra amici, il tono è colloquiale quindi fa sentire il lettore a proprio agio, non escluso dalla partecipazione al ragionamento. Sarei potuta essere un filosofo anche io, disdegno i piaceri materiali e quelli del corpo (tipo bei vestiti, scarpe di marca, trucchi), posso farne benissimo a meno... un discorso a parte però sarebbe l'essere capaci di filosofeggiare come Socrate !
    Molto interessante il discorso dell'anima che può ritornare in vita (con le reincarnazioni in pratica), io ci ho sempre creduto anche se non riesco lo stesso a non aver paura di morire (soprattutto con sofferenza ).

    Citazioni:

    In una sorta di prigione siamo rinchiusi noi uomini, e non è lecito liberarsi da soli, né evaderne

    Fino a che avremo un corpo e la nostra anima sarà confusa a una simile bruttura, noi non giungeremo mai a possedere ciò che desideriamo, che è, poi, quello che noi chiamiamo verità. E non solo il nostro corpo ci procura infiniti fastidi, per il fatto stesso che, ovviamente, dobbiamo nutrirlo, ma quando si ammala, sorgono sempre nuovi impedimenti che ci distolgono dalla nostra ricerca della verità; e, poi, ancora, amori, desideri, timori, visioni fallaci d'ogni genere, vanità innumerevoli, non fanno che frastornarci (è la parola giusta) così che, fino a quando siamo in sua balia, non possiamo concentrarci su nulla. E così pure le guerre, le discordie, le zuffe, è il corpo che le fa nascere con le sue passioni. La brama di possesso, ecco la causa di tutte le guerre e se noi ci affanniamo a procurarci la ricchezza, è il corpo di cui siamo gli schiavi. Da tutto questo deriva il fatto che noi non troviamo più il tempo per dedicarci alla filosofia. E il peggio è che, se pure, riusciamo, per un momento, a liberarcene e a volgere la nostra mente a qualcosa, subito ne siamo distolti, per la sua importuna intrusione, che ci confonde, ci distrae, ci frastorna, al punto di renderci incapaci, ormai, di distinguere la verità.
    ‹Dunque, è chiaro che se vogliamo giungere alla pura conoscenza di qualche cosa, dobbiamo staccarci dal corpo e contemplare con la sola anima le cose in sé.

    Deve aver fede nella sorte della sua anima chi nella vita ha allontanato i piaceri del corpo e i suoi vezzi, considerandoli del tutto estranei, anzi più dannosi che altro; chi ha goduto, invece, dei piaceri che dà la sapienza, chi ha abbellito la sua anima non di ornamenti esteriori ma di quelli che le si addicono, temperanza, giustizia, fortezza, libertà, verità, costui sì che attende il momento di mettersi in viaggio verso l'Ade, quando lo chiami il destino.

  3. The Following User Says Thank You to Minerva6 For This Useful Post:


Discussioni simili

  1. Platone - Simposio
    Da El_tipo nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 05-14-2015, 02:17 PM
  2. Platone - Apologia di Socrate
    Da Baldassarre Embriaco nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 11-14-2013, 11:29 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •