Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il paese delle prugne verdi

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Müller, Herta - Il paese delle prugne verdi

  1. #1
    aunt member
    Data registrazione
    Jan 2008
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2128
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Müller, Herta - Il paese delle prugne verdi

    Ho cercato di far "sedimentare le idee" (espressione usata spesso da una persona che stimo molto......per frenare la mia impulsivita') e quindi ho atteso prima di commentare questo libro......ma il mio giudizio non si e' minimamente modificato: e' un romanzo decisamante ostico.
    Ambientato in Romania durante il periodo della dittatura di Ceausescu, narra le vicende di alcuni giovani che tentano di conquistare degli illusori spazi di liberta' dedicandosi a letture e pensieri proibiti.
    Per dare concretezza al soffocante clima di terrore, l'autrice utilizza un linguaggio scarno, spezzato, frasi brevi quasi fossero un sussurro con continui salti tra presente e passato.
    Indubbiamente un tipo di scrittura che ben rende l'idea della difficolta' di espressione legata alla paura paralizzante dei protagonisti, costretti ad inventarsi un codice per comunicare tra loro e continuamente sottoposti a interrogatori da parte della polizia segreta......ma nello stesso tempo impedisce al lettore di sentirsi coinvolto negli eventi narrati.......perche' troppo preso dal tentativo di decifrare le miriadi di metafore sottese nella storia.

    Peccato: poco si conosce (o almeno poco conosco io) della storia rumena degli anni ottanta e pensavo che questo romanzo potesse colmare alcune mie lacune.....ma cosi' non e' stato.
    Ho letto commenti strabilianti su questo romanzo.......forse sono io che non sono riuscita a coglierne l'essenza
    Ultima modifica di mame; 05-31-2011 alle 08:46 AM.

  2. #2
    Member
    Data registrazione
    May 2011
    Messaggi
    49
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elena Vedi messaggio
    Ho cercato di far "sedimentare le idee" (espressione usata spesso da una persona che stimo molto......per frenare la mia impulsivita') e quindi ho atteso prima di commentare questo libro......ma il mio giudizio non si e' minimamente modificato: e' un romanzo decisamante ostico.
    Ambientato in Romania durante il periodo della dittatura di Ceausescu, narra le vicende di alcuni giovani che tentano di conquistare degli illusori spazi di liberta' dedicandosi a letture e pensieri proibiti.
    Per dare concretezza al soffocante clima di terrore, l'autrice utilizza un linguaggio scarno, spezzato, frasi brevi quasi fossero un sussurro con continui salti tra presente e passato.
    Indubbiamente un tipo di scrittura che ben rende l'idea della difficolta' di espressione legata alla paura paralizzante dei protagonisti, costretti ad inventarsi un codice per comunicare tra loro e continuamente sottoposti a interrogatori da parte della polizia segreta......ma nello stesso tempo impedisce al lettore di sentirsi coinvolto negli eventi narrati.......perche' troppo preso dal tentativo di decifrare le miriadi di metafore sottese nella storia.

    Peccato: poco si conosce (o almeno poco conosco io) della storia rumena degli anni ottanta e pensavo che questo romanzo potesse colmare alcune mie lacune.....ma cosi' non e' stato.
    Ho letto commenti strabilianti su questo romanzo.......forse sono io che non sono riuscita a coglierne l'essenza
    Decisamente ostico, confermo. La lettura non è scorrevole causa periodi brevissimi. Il messaggio di dolore però arriva e lascia un forte senso di inquietudine. Per chi ama letture particolari e non convenzionali .

  3. #3
    Member
    Data registrazione
    May 2011
    Messaggi
    49
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Muller, Herta - Il paese delle prugne verdi

    Un libro davvero ostico, almeno per me. L'autrice utilizza uno stile originale: periodi brevissimi, ma incisivi ed espressione della sofferenza della Muller. Racconta dell'amicizia e della mancanza di libertà di tre ragazzi ai tempi della dittatura di Ceausescu in Romania.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Feb 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    337
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Muller, Herta - Il paese delle prugne verdi

    -Da Wikipedia:
    Il paese delle prugne verdi (Herztier) è un romanzo di Herta Müller, pubblicato dalla Hamburg nel 1994 e pubblicato per la prima volta in Italia nel 2008 dalla casa editrice Keller. Tradotto in quindici lingue, è il romanzo di maggior successo della scrittrice ed è considerato il suo capolavoro.[1] Ha vinto numerosi premi letterari in tutta Europa fra cui l'Impac Dublin Literary Award e il Premio Kleist.
    Il titolo originale "Herztier" è un neologismo creato dall'autrice, e traducibile con "la bestia del cuore”, mentre quello tradotto allude alla credenza popolare rumena che se si mangiano troppe prugne verdi si muore di febbre.

    La storia è narrata in prima persona dalla protagonista una giovane studentessa trasferitasi a Bucarest da un paesino povero del sud della Romania. La sua vita e quella di tre suoi colleghi è sconvolta quando la loro giovane amica Lola si suicida dopo esser stata violentata dal professore di ginnastica. Mentre tutti attorno a loro cercano di dimenticare Lola, e ne dileggiano la memoria, i quattro amici cercano di scoprire i motivi della sua fine e iniziano a fare progetti di fuga dalla Romania e dal regime oppressivo di Ceauşescu. Questo attira su di loro l'attenzione del capitano di Polizia Pjele, che inizia a fare indagini su di loro e a minacciarli.

    Io l'ho trovato estremamente profondo e introspettivo. Piacevole la scrittura e interessante la storia, così come il contorno socio-politico. Difesi i valori di amore, amicizia, lotta per la propria terra.
    Ve lo consiglio assolutamente!

Discussioni simili

  1. Carroll, Lewis - Alice nel paese delle meraviglie
    Da lele72 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 43
    Ultimo messaggio: 03-30-2017, 05:25 PM
  2. Kay, Guy Gavriel - Il paese delle due lune
    Da Alfredo_Colitto nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 10-26-2015, 01:02 PM
  3. Kawabata, Yasunari - Il paese delle nevi
    Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 05-13-2015, 04:20 PM
  4. Disney, Walt - Alice nel paese delle meraviglie
    Da Lucripeta nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 05-13-2010, 03:59 PM
  5. Pulsatilla - La ballata delle prugne secche
    Da Ambra nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 01-07-2009, 09:25 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •