Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il commissario Bordelli

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Vichi, Marco - Il commissario Bordelli

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Vichi, Marco - Il commissario Bordelli

    Firenze, estate 1963. La città è deserta ed attanagliata nella morsa del caldo... calma piatta...
    Anche al Commissariato di Polizia e in Questura c'è poco da fare, stanco lavoro di routine...
    Ad animare le giornate estive un episodio apparentemente banale: una anziana signora benestante viene ritrovata morta nella sua ricca villa sui colli fiorentini; causa della morte sembra essere un letale attacco d'asma... sembra, appunto...
    Il commissario Bordelli scoprirà che dietro l'asma della signora c'è ben altro e cercherà l'aiuto di tutti quelli che gli capitano a tiro pur di arrivare alla verità... persino dei gatti...

    Questa è la prima indagine del commissario Bordelli, un poliziotto sui generis, verrebbe da dire...
    Ciò che colpisce di lui è la costante insicurezza che lo porta sempre a chiedere il parere di chi lo circonda sulle indagini che conduce, anche se si tratta di non addetti ai lavori... anzi... insomma, un simile tra i simili...
    Altra peculiarità per cui si fa amare è la sua "umanità": frequenta ogni tipo di persona, è amico di ladruncoli e cuochi che non trovi di sicuro sulla guida Michelin, prostitute e mezzi svitati... interpreta la legge un po' a modo suo, ha uno spiccato pollice verde () e una parola di conforto per tutti, anche per i parenti che non lo trattano proprio con riguardo...
    Molto simpatici anche tutti i personaggi che riempiono la vita del commissario e che rendono il libro spassoso ma soprattutto vivo, verace. Belle anche le atmosfere create per rendere una Firenze anni '60 sotto una cappa di calore, atmosfere a volte annebbiate dal fumo di sigari e sigarette ()... interessanti gli excursus della memoria che riconducono alla recente guerra mondiale... insomma, un buon noir italiano...
    Dalla quarta di copertina:
    C'è uno sceriffo in città. Il commissario Bordelli, con la sua sanguigna umanità tutta italiana e tutta toscana,
    si inserisce oggi nella grande tradizione dei De Vincenzi e dei Duca Lamberti: poliziotti complessi e tormentati
    che raccontano un'Italia ingenua e cattiva che ancora non sapeva di essere così noir.
    Carlo Lucarelli

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2904
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    un giallo molto ben scritto, scorrevole ed intrigante, che si legge molto velocemente !
    Il protagonista è un commissario di mezza età, scapolo e molto umano, che dedica particolare attenzione ai poveri e ai derelitti.
    Nota, non molto positiva: mi ha ricordato in più punti il Montalbano di Camilleri.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    ci sono piu' commissari nei libri italiani ( noir ecc.ecc.) che nelle prefetture. La cosa di per se' oltre ad essere preoccupante e' persino divertente.

    Poi ci si lamenta dell'inefficacia delle forze dell'ordine come se la colpa fosse loro. Si pubblicassero meno libri in " serie" o da catena di montaggio, forse, ognuno ritornerebbe a fare il suo lavoro.

    Vichi?

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Buticchi, Marco
    Da Dorylis nel forum Autori
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 06-01-2010, 05:57 PM
  2. Vichi, Marco - Donne Donne
    Da Lollina nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 04-08-2010, 05:14 PM
  3. Camilleri, Andrea - Le inchieste del commissario Collura
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 05-15-2009, 10:43 PM
  4. Vichi, Marco - Perché dollari?
    Da Lollina nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-04-2009, 11:11 PM
  5. Marco Salvador
    Da bludemon nel forum Salotto letterario
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-11-2007, 08:09 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •