TRAMA:
Harper e il suo fratellastro Tolliver sono esperti nell'arte di arrivare in una città, farsi pagare e poi andarsene in fretta, perché la gente che assume Harper ha la brutta abitudine di non voler realmente sapere quello che lei ha da dire loro. All'inizio, la piccola città di Sarne, sugli Ozarks, non sembra fare eccezione. Un'adolescente è scomparsa, e Harper capisce quasi immediatamente che la ragazza è morta. Ma i segreti della sua morte e i segreti della città sono così profondi che nemmeno la speciale abilità di Harper può disseppellirli. Vista l'ostilità che si sta accumulando nei loro confronti, lei e Tolliver non desidererebbero altro che proseguire per la loro strada. Ma un'altra donna viene assassinata. E il killer non ha ancora finito...

Mi è piaciuto molto. La Harris non mi ha deluso neanche questa volta !!!
Il rapporto tra fratello e sorella (che son fratelli non fratelli) è strettissimo, viscerale, simbiotico, a causa delle vicende molto dure vissute assieme ma anche dei loro caratteri che si sono trovati completandosi, sicuramente si amano molto ma che tipo di amore sia esattamente lo scopriremo solo in seguito presumo, insieme a loro. La storia mi ricorda molto una puntata di Supernatural,tranne che loro eviterebbero volentieri i guai se potessero,e i loro demoni son tutti umani, ma visto che sono coinvolti loro malgrado lottano come possono...