Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

groviglio-di-vipere

Mostra risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Mauriac, François - Groviglio di vipere

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5738
    Thanks Thanks Given 
    1119
    Thanks Thanks Received 
    379
    Thanked in
    229 Posts

    Predefinito Mauriac, François - Groviglio di vipere

    In Groviglio di vipere, Mauriac mostra gli esiti esiziali del denaro sui rapporti umani, sulla fiducia e sull’affetto disinteressato. Luigi, il protagonista, è un vecchio avaro, secondo un topos vecchio di millenni, vivificato però dalla assoluta tragicità della sua anima, offerta al lettore in una lunga lettera aperta, che occupa quasi per intero il romanzo.

    Il denaro lo ossessiona perché è l’unico strumento con cui crede di poter ottenere il rispetto, se non l’amore dei figli, quando proprio l’ avidità e l’ ossessione per il lavoro lo hanno portato ad essere uno straniero, terribile, a volte anche orribile, per la sua famiglia.

    Grava su di lui l’ineluttabilità del suo carattere: appartiene alla categoria di coloro la cui presenza fa fallire ogni cosa, smorzando ogni entusiasmo, raggelando ogni umano calore. Conscio di ciò, per paura di spiacere naturalmente, si affrettava a spiacere appositamente.


    E' il testamento spirituale di un vecchio avvocato che ha vissuto in una famiglia nutrita solo di odii,antipatie ed interessi lui stesso ha passato la vita a preparare vendette,a combattere il prossimo e la religione,ma quando sente di essere alla fine dei suoi giorni capisce che non ha affatto bisogno di tutto ciò per cui si è rovinato la vita,e cede,per cercare qualcosa di più,la grazia,una scappatoia obbligata,che motivasse in ultimo la sua vita solitaria e rancorosa.Si legge quasi d'un fiato,prende questo soliloquio che tira le somme di una vita.
    Ultima modifica di Minerva6; 05-11-2013 alle 03:10 PM.

  2. #2
    da sudovest
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terra Lat. 41°54´N; Long. 12°29´E
    Messaggi
    1880
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Un romanzo amarissimo. Come solo i bilanci di quando ci si volta indietro a volte sanno essere. Uno dei migliori Mauriac

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2007
    Località
    milano
    Messaggi
    1120
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Interessante spunto per un forum letterario sul denaro da costruire per un prossimo gruppo di lettura cito ad esempio I Malavoglia di Verga e Canto di Natale di Dickens.

  4. #4
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Il potere della morte:
    il peccatore si ritrova impigliato nella ragnatela della Grazia,
    la vendetta perde il suo sapore, l'odio svanisce,
    l'avversione si trasforma in apertura, interrogativi si accavallano,
    contrasti si appianano, crollano muri, finzioni e ipocrisie vengono
    smascherate, grovigli vengono sbrogliati, l'antipatico e l'odioso
    arrivano a fare tenerezza...
    Tutto è sotto una nuova luce, la Verità affiora inesorabile,
    è il momento della resa dei conti...
    Massimo dei voti.


    Voglio che questo cuore divorato dall'odio e dall'avarizia, questo
    nemico dei suoi, lo consideriate con pietà nonostante la sua
    bassezza; voglio che interessi il cuor vostro. Tristi passioni gli
    nascondono, durante la sua tetra vita, la luce che gli è tanto
    vicina, sebbene un raggio talvolta lo tocchi, quasi lo bruci. Le sue
    passioni... e soprattutto i mediocri cristiani che l'osservano e che
    lui stesso tormenta, gli nascondono questa luce. Quanti tra noi
    respingono così il peccatore e lo allontanano da una verità che,
    attraverso essi, non risplende più! No, non era il denaro che questo
    avaro amava, non era di vendetta che questo infuriato aveva fame. Il
    vero oggetto del suo amore lo conoscerete se avrete la forza e il
    coraggio di stare a sentire quest'uomo fino all'ultima confessione
    interrotta dalla morte.
    Ultima modifica di risus; 05-11-2013 alle 09:45 AM.

  5. #5
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18790
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    229
    Thanks Thanks Received 
    621
    Thanked in
    368 Posts

    Predefinito

    confermo la grandezza di questo libro, che si legge tutto d'un fiato pur essendo un libro profondo e di contenuti morali, Mauriac riesce a coinvolgerti come pochi in questi difficili percorsi

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    2300
    Thanks Thanks Given 
    35
    Thanks Thanks Received 
    163
    Thanked in
    98 Posts

    Predefinito

    Un uomo vecchio e malato, ormai prossimo alla morte, scrive una lettera alla moglie in cui analizza e confessa in modo spietato, senza cercare attenuanti o giustificazioni, le colpe, i rancori e l'odio di tutta una vita, ma in cui accusa anche, in modo altrettanto spietato, moglie e figli di egoismo ed avidità.
    " E' possibile, durante circa mezzo secolo, osservare un solo lato della creatura che divide la nostra vita? E' possibile che noi facciamo, per abitudine, la scelta delle sue parole e dei gesti, ritenendo solo quelli che alimentano i nostri dolori e conservano il nostro rancore?". Queste sono le domande disperate che l'uomo si pone, quando si accorge di essersi lasciato non solo condizionare, ma addirittura fuorviare, nel giudicare se stesso e gli altri dal groviglio di vipere (odio, rancore, invidia, gelosia e altro) che affollavano il suo cuore. Tutta una vita condizionata da un dolore iniziale, del quale non si chiedono spiegazioni, ma dal quale si traggono delle conclusioni che, in un effetto valanga, portano a ripicche continue e a piccole vendette. Cosa fare allora quando giunti alla vecchiaia, "a quel totale nel quale non si può cambiare nessuna cifra", ci si accorge che quel dolore iniziale forse non c'era, che quelle conclusioni a cui si era giunti non erano così scontate e ovvie? C'è ancora il tempo e il modo per rimediare? L'uomo, vecchio e peccatore, sente il bisogno di credere che non è mai troppo tardi.
    Alla fine, lui, l'ateo, quello che, a ragione, aveva sempre accusato moglie e i figli, di praticare la religione come se pagassero delle tasse, perché ligi al dovere e precisi nel rispettare le scadenze, ma senza che ci mettessero il cuore, è quello che riesce a cambiare e a perdonare, mentre i figli, neppure dopo aver letto il suo diario riescono a perdonarlo o a capire che le loro colpe non sono inferiori a quelle del padre. In fondo il padre li aveva ben capiti, quando di loro aveva scritto che "...avrebbero passato la vita a dissimulare sotto bei nomi i sentimenti più bassi...".
    Un libro spietato, duro, ma che si legge facilmente, sicuramente uno dei più belli letti quest'anno
    Ultima modifica di bouvard; 06-29-2013 alle 01:40 PM.

Discussioni simili

  1. Truffaut, François - Effetto notte
    Da Lauretta nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 03-18-2011, 11:43 PM
  2. Bègaudeau, François - La classe
    Da Palmaria nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-14-2009, 03:10 PM
  3. Girard, François – Seta
    Da Lauretta nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 01-19-2009, 05:00 PM
  4. Cronos e il Groviglio
    Da daemonia nel forum Poesia
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 01-17-2009, 10:17 AM
  5. Poesie di Francois Villon
    Da zaratia nel forum Poesia
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-15-2007, 04:58 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •