Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Mérimée, Prosper

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Mérimée, Prosper

    Prosper Mérimée (Parigi, 28 settembre 1803 – Cannes, 23 settembre 1870) è stato uno scrittore, storico e archeologo francese.

    Mérimée amava il misticismo, la storia e l'inconsueto e fu influenzato dai romanzi di Sir Walter Scott, dalla crudezza e dai drammi psicologici di Alexander Pushkin. Spesso le sue opere sono ricche di misteri e si svolgono fuori dalla Francia, in particolare in Spagna ed in Russia. Da uno dei suoi racconti è stata tratta l'opera Carmen.

    Iscritto alla facoltà di diritto, durante gli anni della giovinezza eccelleva già nelle lingue straniere: greco, arabo, inglese e russo. Amico personale di Turgenev, è stato uno dei primi traduttori di libri russi in francese.

    Figlio di un pittore allievo di David, che aveva potuto mantenersi grazie a buon matrimonio, Meriméé si appassionò alle arti figarative sin da quando era bambino. Come ebbe a dire dopo però, non fu mai un gran pittore. L'influenza della madre invece gli fece scoprire la letteratura, principalmente inglese, e lo scozzese Walter Scott. A sedici anni Mérimée, che conosce già inglese e spagnolo, si iscrisse all'Università, dove gli venne consigliato di studiare il diritto. Come Flauber però, Meriméé non riusci mai ad appassionarsi agli studi di legge. Nel frattempo leggeva Balzac, e i classici latini e greci, sempre presenti nella sua formazione. Da lì la decisione di dedicarsi alla carriera letteraria. Intanto viveva già una vita da bohemien, e collezionava molte donne tra le sue conquiste. Pur non essendo molto bello, le donne dovevano restare affascinate dalla sua aria ombrosa. Nel 1822 il giovane conosce Stendhal, ma non rimane entusiasta del poeta; nei Ricordi di Egotismo scriverà: "Costui aveva qualcosa di sfrontato e di molto sgradevole. I suoi occhi, piccoli e vacui, avevano sempre la solita espressione, di cattiveria". Malgrado la prima impressione, Mérimée e Stendhal furono grandi amici per 21 anni, ossia fino alla morte del secondo.

    Iniziò a scrivere con la pubblicazione di alcune opere sotto svariati pseudonimi. Lo interessavano soprattutto le vicende strane, ed aveva un certo gusto macabro per il gotico, che lo accompagnò sempre. Meriméé viaggiò molto, e familiarizzava con ogni tipo di gente: persone "con cui un Inglese si vergognebbe di farsi vedere in giro". Sapeva persino alcune parole di lingua rom, e gli zingari lo rispettavano. Le prime opere furono scritti di sarso successo, ma con il raffinarsi dello stile dei suoi racconti, salirono anche le vendite. Nel 1830, in Spagna, il ventisettenne scrittore conobbe il conte di Montijo Cipriano de Palafox y Portocarrero, che lo introdusse nella sua dimora. Lì conobbe donna Manuela, consorte del conte, ed Eugenia, la contessina che anni dopo sposerà Napoleone III e che sarà sua protettrice. A casa dei Montijo, lo scritore apprenderà dalla contessa un racconto che trasformerà in Carmen.

    Mérimée alternava le lettere con archeologia, storia, belle arti e politica. A partire dal 1834 e fino al 1860, divenne ispettore generale dei monumenti storici e ricoprì incarichi ai ministeri di Marina, Commercio e Interni. Quando Eugenia de Montijo divenne imperatrice nel 1853, Mérimée fu nominato senatore. Nella ultima fase della sua vita si dedicò soprattutto alla sua occupazione di Ispettore presso il Ministero Francese dei beni culturali.

    Dopo il 1860, malato di cuore, va a vivere a Cannes, assistito da due govetrnanti inglesi, contnuando però a viaggiare: visita Londra ed è membro dell'Esposizione universale della città. Amico della coppia imperiale, morirà durante la Guerra franco-prussiana, la quale segna la fine per Napoleone ed Eugenia, come gran parte degli scrittori francesi della sua epoca. Durante la Comune di Parigi del 1871, la sua casa e la sua biblioteca di Parigi vengono distrutte.

    Wilkipedia.
    Ultima modifica di elisa; 05-25-2010 alle 02:16 PM. Motivo: edit titolo

  2. #2

    Predefinito

    Uau, sei riuscito ad azzeccare sezione, virgola inclusa!
    Ora non ti resta che smettere di dire parolacce e sei a posto. Un tipo da forum, insomma.

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Merimee' mi ha rimbrottato, comunque.

    ho cercato da qualche parte il bellissimo racconto di Mateo Falcone cosi' che si potesse leggere qui nel forum.
    Ma non l'hotrovato in rete, o ho cercato male.
    Mi rendo conto che e' un pochino lungo , ma nemmeno tanto.
    Sulle 12/ 13 pagine a quanto mi ricordo...

    Io un tipo da forum? direi proprio di si. Cosa ho di diverso dagli altri?

  4. #4
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18810
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    637
    Thanked in
    381 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da julia Vedi messaggio
    Uau, sei riuscito ad azzeccare sezione, virgola inclusa!
    Ora non ti resta che smettere di dire parolacce e sei a posto. Un tipo da forum, insomma.
    anche qui c'era qualcosa che non andava nella correttezza del titolo che ho dovuto correggere, in quanto le ricerche che vengono fatte sono di tipo meccanico e per il pc la grafia è quella che viene letta e riconosciuta. La precisione non è solo una fissa mia ma una necessità, per cui se si vogliono inserire discussioni bisogna rispettare alcune semplici regolette, comprese le virgole.

    Io non vorrei sembrare pedante ma il lavoro suddiviso e la precisione nell'inserimento dei titoli è meno lavoro per me che devo poi andare a sistemare.

    Perchè se apro una discussione su Mérimée devo scrivere Merimee' nel titolo? saran ben due cose diverse?

  5. #5

    Predefinito

    Il racconto si può leggere ---> qui

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Quando apriro' una stanza su Leibiniz, Elisa, ti chiedero' quale versione scegliere........t - o non t -

    ma credo che comunque chiunque capira' di chi sto parlando.

    Staremo attenti agli accenti, comunque, anche se li trovo noiosetti.

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da julia Vedi messaggio
    Il racconto si può leggere ---> qui
    grazie mille, julia.
    Questo e' uno dei piu' fulgidi racconti degli ultimi due secoli.
    Un capolavoro.
    L'arte del racconto fatta e finita.

    C'e' piu' in queste 12/13 pagine che in mille altri romanzi.

  8. #8
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    18810
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    230
    Thanks Thanks Received 
    637
    Thanked in
    381 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sergio Rufo Vedi messaggio
    Quando apriro' una stanza su Leibiniz, Elisa, ti chiedero' quale versione scegliere........t - o non t -

    ma credo che comunque chiunque capira' di chi sto parlando.

    Staremo attenti agli accenti, comunque, anche se li trovo noiosetti.
    per quanto riguarda gli accenti veditela con i cugini d'oltralpe che in questo caso sono responsabili.

    In un forum alcune discussioni devono durare, alcune più di altre, noi abbiamo focalizzato l'attenzione su quello che è il mondo della letteratura e dei libri in particolare. Quello che io desiderei per questo forum è che certe discussioni piantino radici solide e abbiano buone fondamenta, così crescono nel tempo e non crollano appena vengono lasciate incustodite. Accenti, corretta grafia, maiuscole, virgole, sequenza cognome e nome e quant'altro serva nel titolo, aiutano a rinforzare le fondamenta di un thread perchè gli permettono di vivere nel tempo facendoli trovare con più facilità se attivo la funzione Cerca. A parte la comodità dell'inserimento in una scaffalutura di libreria virtuale dove è più facile reperire un volume se sulla costola di copertina c'è scritto l'autore ed il titolo in modo corretto se invece lo cerco da una lista stilata in ordine alfabetico.


    Per quanto riguarda l'autore in questione di lui ho letto solo Carmen, da cui poi è stato tratto il libretto per l'opera di Bizet, e devo dire che è stata una lettura notevole.

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •