Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

La guardia bianca

Mostra risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Bulgakov, Michail - La guardia bianca

  1. #1

    Predefinito Bulgakov, Michail - La guardia bianca

    "Grande fu, e terribile, l'anno 1918 dopo la nascita di Cristo, il secondo dall'inizio della rivoluzione. Fu ricco di sole in estate, ricco di neve in inverno, e due stelle stettero particolarmente alte nel cielo: la vespertina Venere, stella dei pastori, e il rosso, fremente Marte". Suona così l'incipit di questo romanzo straordinario, uno dei meno conosciuti e più belli del grande scrittore sovietico. Ma dimenticate il Bulgakov de Il Maestro e Margherita o di Cuore di cane: l'ucraino, come un alchimista della Mala Strana di Rodolfo II, compie un ennesimo incantesimo trasfigurandosi in un romanziere realista di talento immenso, immergendoci nell'atmosfera della rivoluzione e della guerra civile.
    La scansione temporale è importantissima: la linea narrativa del romanzo infatti inizia alla fine del 1918, per finire nella notte fra il due e tre febbraio 1919. Un periodo nel quale l'Ucraina vive un interregno che vede i bianchi di Skoropadskij avviarsi verso la disfatta; la meteora nazionalista e xenofona di Petljura infuocare per un istante il cielo; le truppe bolsceviche che avendo già conquistato tutta l'Ucraina orientale spingevano alle porte di Kiev, per occuparla alla metà del febbraio 1919. Il tempo dell'azione resta così circoscritto nella dura realtà di oggi, in cui ieri affiora opaco e morente e il domani trapela fra le nebbie di una lontananza fantomatica, misteriosa.
    Lo stile della scrittura bulgakoviana si dipana fra mille sfumature: a tratti ieratico, quasi biblico, si alterna a una sincera semplcità tolstoiana quando descrive con simpatia i giovani Turbin (la famiglia protagonista del romanzo). E sono infinite, difatti, le associazioni con Guerra e pace: ora sarcastiche, ora ironiche, ora tragiche, o teneramente commosse.
    Un libro davvero bello che consente, se ce ne fosse bisogno, di apprezzare l'immenso talento di Bulgakov.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


Discussioni simili

  1. Bulgakov, Michail - Il maestro e Margherita
    Da Alfredo_Colitto nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 175
    Ultimo messaggio: 03-31-2017, 06:01 PM
  2. Bulgakov, Michail Afanas'evic - Cuore di cane
    Da Vladimir nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 25
    Ultimo messaggio: 03-21-2016, 01:21 PM
  3. Bulgakov, Michail - Uova Fatali
    Da Zorba nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 10-14-2011, 03:20 PM
  4. Bianca - Ciao a tutti da Bianca
    Da Bianca nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 06-07-2010, 10:50 PM
  5. Bulgakov, Michail A.
    Da Zorba nel forum Autori
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 05-20-2010, 06:35 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •