Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Schopenhauer, Artur

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Schopenhauer, Artur

    Schopenhauer, in fondo in fondo, e' un pericolo.
    La sua filosofia e' seducente, ammaliante, oppiacea : e' una filosofia della disillusione.
    Il filosofo tedesco e' famoso per il suo pessimismo, ma questo non deve essere inteso come solo una previsione grigia del futuro, o come una filosofia senza speranza: il pessimismo e' quella corrente schopenahureiana del " negativo".
    Schopenhauer vede in negativo.
    La vita e' puro desiderio e quest'ultimo e' una sorta di cessazione del dolore preesistente: da qui nasce il piacere.
    Persino l'amore ( ma qui forse non si sbaglia) e' il travestimento del desiderio sessuale; l'amore e' soltanto l'idealizzazione dell'oggetto della nostra volonta'.
    In Schopenhauer tutto si riduce al concetto di volonta': e' una volonta' cieca, irrazionale, forte e sempre inespressa.
    Il palco della rappresentazione dell'uomo e del suo mondo , nel suo profondo, si rivela come una menzogna colossale.
    I sentimenti, gli uomini , la stessa storia ( bellissima la sua concezione) sono solo idealizzati, ma la realta' della natura e' molto piu' crudele e sofferente di quanto si possa credere.
    Gli uomini non sono assolutamente sociali: tutta la concezione di Schopenhauer della storia verte sull'inutilita' di essa, sull'assoluta sua inconcludezza , tranne per la ripetuta , aggressivita' reciproca.
    La storia in Schopenhauer e' la storia del " dramma e della tragedia" uomo e questa tragedia e' la rappresentazione della sua assura volonta' di vita, di vivere.
    Il pericolo maggiore del filosofo tedesco, la sua letale arma, il suo veleno migliore , e' proprio , assurdamente, il " desiderio" dell'uomo stesso di liberarsi di questa volonta': una strada dunque verso il nulla, verso le filosofie orientali del " niente", verso il non io. Una strada che diventera' autostrada verso l'ascesi e sara' questa la sua apoteosi.
    Una volonta' rinnegata nel senso di non volere, non puo' che essere volonta' ancora.

  2. #2

    Predefinito

    Ho sempre letto piccole analisi e recensioni di poco conto su shopenhauer, vorrei incominciare a leggere qualcuno dei suoi libri ma non so proprio da dove partire.
    Se potessi tu magari consigliarmi qualcosa te ne sarei grato.
    Magari anche qualche saggio che hai letto su di lui e sulla sua filosofia, se ne hai letti ovviamente.

  3. #3
    Σκιᾶς ὄναρ ἄνθρωπος.
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    549
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    I saggi sui filosofi sono in genere una delle perversioni degli incapaci; una porcheria vera e propria.
    La filosofia, quella che conta e si dà in tutta se stessa, va coltivata direttamente sui testi.
    Del resto, occorre sacrificio per raccogliere poi le messi.


    Schopenhauer non fa uso di un linguaggio complesso (in quesgli stessi anni scriveva Hegel.. ).
    E' una lettura relativamente semplice - certo, con una buona storia della filosofia alle spalle.

  4. #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da D= i Vedi messaggio
    I saggi sui filosofi sono in genere una delle perversioni degli incapaci; una porcheria vera e propria.
    La filosofia, quella che conta e si dà in tutta se stessa, va coltivata direttamente sui testi.
    Del resto, occorre sacrificio per raccogliere poi le messi.


    Schopenhauer non fa uso di un linguaggio complesso (in quesgli stessi anni scriveva Hegel.. ).
    E' una lettura relativamente semplice - certo, con una buona storia della filosofia alle spalle.
    Mah..per quanto riguarda i saggi non saprei proprio, non ne ho mai letti, ho sempre cercato anch'io di andare direttamente al filosofo.
    Comunque se dall'alto della tua esperienza proferisci cosi, io di certo non oserò contraddirti,

    PS: Se la lettura risulta semplice solo per chi ha una buona storia della filosofia alle spalle, allora mi sa proprio che la troverò parecchio difficile.

  5. #5
    Σκιᾶς ὄναρ ἄνθρωπος.
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    549
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Mesnilgrand Vedi messaggio
    PS: Se la lettura risulta semplice solo per chi ha una buona storia della filosofia alle spalle, allora mi sa proprio che la troverò parecchio difficile.
    E questo perché non si parte dall'arrivo.
    Leggere magari il brillante Russell, nella sua Storia può essere d'aiuto.

  6. #6
    Senior Member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    1160
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    sono d'accordo con D:i
    Vai a raccogliere direttamente sui testi.
    Certo, una passione va' coltivata e bisognerebbe avere le mani in pasta: una buona storia della filosofia andrebbe benissimo.
    Una cosa pero': da leggere lentamente, lentamente, molto lentamente. E poi rileggerla.

    La storia di Russel? brillante.

  7. #7
    Senior Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    La Spezia
    Messaggi
    5816
    Thanks Thanks Given 
    1218
    Thanks Thanks Received 
    421
    Thanked in
    252 Posts

    Predefinito

    Mi intrometto un attimo,in questa discussione,sono molto ignorante in tema di filosofi,però da profana ho letto qualcosa proprio di Russel e Schopenhauer,una lettura non complicata,si riesce a seguire bene,ed inoltre li ho trovati entrambi molto utili "sul campo",intendo nella vita di tutti i giorni,personalmente Schopenhauer non ha avuto un effetto negativo,ma liberatorio,come dice Sergio,somiglia molto alle filosofie orientali...

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Yalom, Irvin - La cura Schopenhauer
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 03-01-2011, 08:24 PM
  2. Schopenhauer, Arthur - l'arte
    Da asiul nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-14-2010, 01:51 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •