Questo libro è la storia, interessante, di una figura emblematica di cattolico che ha fatto della sua vita una continua ricerca di contatto e fusione fra la sua religione e l'ebraismo. Consigliato a chi voglia approfondire una tematica importante e che desideri capire quali sono i legami naturali fra le nostre radici giudaiche e il cristianesimo.

"«Il Santuario sconosciuto» descrive l'affascinante itinerario di un giovane cattolico all'interno dell'ebraismo. A diciassette anni Aimé decide di entrare nella Sinagoga di Lione durante la preghiera di Neylah con la quale si conclude lo Yom Kippur; lo spettacolo è così forte e affascinante che tutta le vita di Aimé ne sarebbe stata trasformata. La "conversione" di Aimé Pallière (1868-1949) non è consistita nell'abbandono di una religione per abbracciarne un'altra, ma in un radicale cambiamento del suo essere cristiano nei confronti d'Israele: la scoperta del Santuario sconosciuto.Da discepolo di Rav Elia Benamozegh (1823-1900), egli non ha dato inizio al moderno Noachismo, ma ha con grande coraggio ricercato un nuovo rapporto con il popolo la cui Alleanza non è mai stata revocata."