Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

memorie-di-un-viaggiatore-spaziale

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Lem, Stanislaw - Memorie di un viaggiatore spaziale

  1. #1

    Predefinito Lem, Stanislaw - Memorie di un viaggiatore spaziale

    Una raccolta di racconti e memorie di Ijon Tichy. Viaggi quasi "psichedelici", al limite del razionale, che attraversano e ridiscutono le categorie dell'essere, del pensare, al di là del tempo, dello spazio, dell'etica. L'Autore polacco finisce così per riformulare, sotto spoglie futuriste, la storia, la filosofia, la religione, la politica, con una incredibile profondità, maggiore tanto maggiore è la sottile seria ironia che pervade ogni racconto.
    Il lettore è condotto per mano in altri universi, mondi, culture, specie, in viaggio non solo nello spazio e nel tempo... ma anche nella mente stessa del narratore. Immersi in racconti fantastici, ambientati in un improbabile (ma forse nemmeno troppo) futuro, nel corso della lettura si aprono delle falle, proprio come buchi temporali che collegano universi paralleli, e il dubbio si insinua, si percepisce, intuisce...che Ijon forse non si è mai mosso dal proprio salotto, forse è tutto solo nella sua testa, niente più che un povero pazzo e il suo collega e socio di avventure, il professor Tarantoga, il suo psichiatra...e poi la data in fondo al diario.. 1966. Viene il dubbio di non aver letto veramente le 300 pagine che la precedono..eppure, sono là, voluminose, contengono ancora le stesse verità.
    Ogni storia descrive un mondo lontanissimo, inconcepibile, ma che in via finale risulta sempre specchio della nostra realtà, del nostro essere umani. Inevitabile riflettere quindi anche sul ruolo della tecnologia, del progresso...ci stiamo davvero spostando in avanti, o stiamo semplicemente modificando i termini degli stessi problemi, un dispendio di energie e materia che ci farà ruotare sempre intorno a noi stessi: il rapporto con il corpo, con l'anima...quanto lontano possiamo andare da noi stessi? Molto poco..sembra. E così, si può finire per riuscire a creare aritificiosamente l'anima immortale solo per scoprire la sua assoluta e irriducibile inutilità. La Natura, forse, ci ha già dato tutto quello di cui abbiamo bisogno, non serve altro..forse. O forse, appunto, si tratta solo di considerazioni visionarie di un povero pazzo.

    Dal diciottesimo viaggio:
    "Tutti i fatti avvaloravano la teoria che il Cosmo fosse sorto effettivamente da un atomo, ma nello stesso tempo dimostravano che un atomo così non era potuto esistere [...] <<Qualsiasi fisico di vostra conoscenza vi dirà che certi fenomeni su scala minima accadono, per così dire, a credito. I mesoni, queste particelle elementari, talvolta incidono sulle leggi del comportamento, ma lo fanno in maniera talmente veloce che quasi non intaccano nulla. Ciò che è proibito dalle leggi della fisica essi lo effettuano fulmineamente, come se niente fosse, e subito dopo soggiaciono a quelle leggi>>. [...] e se il Cosmo facesse lo stesso su larga scala? [...] Dunque è nato, benché non potesse nascere, poiché non aveva niente da cui nascere. Il Cosmo è una fluttuazione proibita. Costituisce un capriccio momentaneo, una momentanea deviazione dal comportamento normale, solo che si tratta di un momento di dimensioni monumentali. L'Universo è una deviazione dalle leggi fisiche così come, su scala minima, lo è il mesone! [...] Il Cosmo infatti esiste a credito. Esso è, insieme a tutte le costellazioni e le galassie, un mostruoso indebitamento, è come un'obbligazione fondiaria, un impegno che alla fine deve essere saldato. L'Universo è un prestito illegale, è un debito materiale ed energetico, dove l'apparente "avere" rappresenta in realtà un debito scoperto. Così il Cosmo, in quanto Capriccio Illegale, scoppierà un bel giorno come una bolla di sapone. in quanto anomalia esso ricadrà in quello stesso Non-essere da cui è scaturito. Solo quel momento costituirà il ritorno all'Ordine delle Cose! [...] rendere pubblica la situazione avrebbe fatto precipitare il nostro mondo nel caos spirituale e in uno stato di sgomento che avrebbe potuto mandare in malora la nostra civiltà. Chi avrà mai più il coraggio anche di muovere un dito, sapendo che a ogni secondo tutto può sparire con lui? [...] Bisogna capire che il debito cosmico non può essere saldato; [...] l'Universo è diventato il più importante, ma anche il più indifeso Debitore del Nulla."
    Ultima modifica di Nikki; 07-23-2010 alle 01:41 PM.

  2. #2

    Predefinito

    " Signor Decantor, lei non ha tutti i torti. Ma solo perché con la sua scoperta ha dimostrato, oggi a me, domani forse al mondo intero, la non necessità dell'anima. Ha dimostrato che l'immortalità di cui parlano i libri da lei citati, i Vangeli, Corani, gli epos babilonesi, i Veda e i miti, questa immortalità non giova all'uomo. Anzi, ogni uomo, di fronte all'eternità che lei è pronto a regalargli, avrà la stessa sensazione che ho io, glielo garantisco: ripugnanza e timore. L'idea che la sua promessa possa diventare il mio destino mi fa venire i brividi. Quindi lei, Decantor, ha dimostrato che l'umanità non ha fatto altro che mentire a se stessa per migliaia di anni. Lei ha distrutto quella menzogna.. "
    Ultima modifica di Nikki; 07-23-2010 alle 01:40 PM.

  3. #3

    Predefinito

    Interessante. Mi hai fatto venire voglia di leggerlo.

  4. #4

    Predefinito


Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Calvino, Italo - Se una notte d'inverno un viaggiatore
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 08-16-2011, 09:07 AM
  2. Maggiani, Maurizio - Il viaggiatore notturno
    Da Emanuela nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 07-13-2010, 05:27 PM
  3. Barlettani, Elvio - Lampo, il cane viaggiatore
    Da cjale nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 02-09-2010, 11:23 PM
  4. 1984 e Morte di un commesso viaggiatore
    Da Echoes nel forum Salotto letterario
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 01-19-2010, 05:43 PM
  5. Jennings, Gary - Il viaggiatore
    Da Roberto nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-24-2008, 01:46 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •