Alla scrittura femminile bisogna avvicinarsi per gradi, in quanto spessp la sensibilità femminile coglie elementi particolari e inaspettati, diversi da quelli colti e approfonditi dalla sensibilità maschile. Per me che sono uomo accostarmi a testi scritti di una donna, mi sembra a volte un voler violare e comprendere uno spazio che non è mio, giungendo però quasi sempre poi alla conclusione che solo in un continuo scambio tra quella che è la sensibilità femminile e maschile, su un piano di parità da entrambe le parti, si riuscirà a trasmettere il senso della nostra esperienza unama. Dopo questo cappello introduttivo, entro nel merito del testo, a mio avviso sorprendente , delicato e profondo... chi è la Sparviera? E' il nome infantile dato alla tosse che perseguita il protagonista e la Sparviera assumerà sempre tante forme e diverrà anche simbolo delle inquietudini del protagonista...

Non è un libro facile da trovare ma se lo cercate un po' si trova.