Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

tempo-d'estate

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Coetzee, J.M. - Tempo d'estate

  1. #1

    Predefinito Coetzee, J.M. - Tempo d'estate

    J.M. Coetzee” si fa personaggio per la terza volta dopo i due precedenti libri di “biografia romanzata”.( Il primo, Infanzia, descrive la fanciullezza e l’adolescenza del personaggio negli anni quaranta e cinquanta in uno squallido complesso residenziale a est di Città del Capo; Il secondo, Gioventù, segue le sue meste vicende nei primi anni sessanta in una Londra umida e nebbiosa).

    Tempo d’estate, si basa sul suo ritorno in Sudafrica, coprendo gli anni dal 1972 al 1977, quando Coetzee cominciava a “farsi strada come scrittore”.

    Anche qui, l’autore si riferisce a “Coetzee” in terza persona, allontanando così l’elemento autobiografico, ma aggiunge una nuova dimensione di artificio letterario: l’introduzione di un biografo post mortem. Perché, si apprende all’inizio, Coetzee è morto in Australia. Un ricercatore inglese, Vincent, che non l’ha mai incontrato, intervista cinque figure chiave della sua vita. Quattro sono donne, tra cui due ex amanti.

    Le presunte trascrizioni delle loro interviste costituiscono la maggior parte del libro. Questo complesso apparato serve a creare uno schermo. Cosa vuole dirci l'autore ponendo tutta questa serie di ostacoli nel parlare di se stesso ? E' possibile parlare, raccontare di noi come persone ? E' veramente possibile ?

    Il ritratto di Coetzee non sembra lusinghiero. Appare poco attraente e pieno di tare psicologiche. Le donne danno particolare risalto alla sua mancanza di fascino sessuale. E la denigrazione si estende anche ai libri: le figure intervistate da Vincent non li apprezzano. Egli si presenta facendo riferimento a tutti i difetti che i tesimoni non si sottraggono certo dal raccontare.

    Ne esce una narrazione straordinariamnete efficace e affascinante, avvolgente, indimenticabile. Le scene e i particolari restano impressi nella memoria. Lo stile è il solito semplice ma accurato. Sembra che non si possa eliminare nessuna frase dalla narrazione.

    In questo patchwork di dettagli non si capisce dove stia la verità e dove la menzogna. Non è sempre un po' così anche nella vita ? Davvero ci si chiede, come ci vedono gli altri ? E' questo il colpo di genio formale delle presunte interviste raccolte da Vincent, nel porre in evidenza la distanza abissale da come ci vediamo e come ci considerano gli altri .

    Io non credo che i tre volumi della sua presunta autobiografia siano i migliori della produzione dell'autore sudafricano, ma restano comunque perle quasi inarrivabili per la maggior parte degli autori in circolazione. Come per gli altri suoi libri le vicende raccontate rimangono nella mente a lungo quasi senza fatica e ci si ritrova a pensarvi ancora e ancora. E questo è segno di grandezza.

    Coetzee è quasi unanimamente considerato in miglior romanziere di lingua inglese. Diciamo uno dei quattro-cinque più significativi autori viventi, anche se non è bello nè facile fare classifiche. E questo altro piccolo volume non fa che consolidare, se mai ce ne fosse bisogno, la sua meritoria fama (basterebbe da solo il primo straordinario capitolo a far capitolare anche i più scettici)

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Kanyakumari
    Messaggi
    2232
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Questo terzo volume ha uno stile opposto ai due precedenti: non è più Coetzee che parla di sè in terza persona, ma assistiamo a una serie di interviste raccolte da un giornalista fatte alle persone vicine a Coetzee, che a quanto pare è morto tra il 2003 e il 2007 (in realtà è ancora vivo, ma l'autore si è divertito a costruire il proprio necrologio).

    Alla fine dei tre volumi si ha l'impressione di aver capito tutto di Coetzee (carattere, pensieri, attitudini, predisposizioni, desideri...) e di non aver capito nulla (le informazioni cardinali su cosa a fatto nella vita alla fine sono pochissime e poco ricostruibili...) eppure sembra di conoscerlo e nonostante lui faccia un ritratto decisamente impietoso di se stesso, ci si affeziona e non poco!
    ho trovato epica una frase verso la fine (intervista a Sophie) che più o meno suona così (non ho il libro sottomano ora): Coetzee biasimava la lotta contro l'apartheid perché qualunque reazione violenta non può che scatenarne altre (ovviamente cercherò la citazione corretta che suona meglio...)

    Interessantissima la scelta delle persone che vengono intervistate: una sua amante (solo di letto e per breve tempo), la madre di una sua alunna a cui lui ha fatto la corte con pessimi risultati (rasenti l'essere totalmente ignorato), una sua cugina a cui era particolarmente vicino, un collega, una collega ex-amante. I ritratti, decisamente impietosi, sono in realtà racconti personali della vita di queste persone e autobiografie delle stesse in momenti in cui hanno conosciuto Coetzee.

    Credo che alla fine sia una delle migliori autobiografie che abbia mai letto, di sicuro la meglio riuscita!

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Coetzee, J.M. - Foe
    Da ~ Briseide nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 09-22-2016, 02:07 PM
  2. Coetzee, J.M. - Vergogna
    Da elisa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 04-23-2015, 09:18 PM
  3. Bergman, Ingmar - Sorrsi di una notte d'estate
    Da fabiog nel forum Piccola cineteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-07-2010, 09:47 PM
  4. Betocchi, Carlo - D'estate
    Da elisa nel forum Poesia
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-24-2009, 08:24 PM
  5. Coetzee, J.M. - La vita e il tempo di Michael K
    Da Wilkinson nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 02-10-2009, 11:30 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •