Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Stirpe

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Fois, Marcello - Stirpe

  1. #1
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10400
    Thanks Thanks Given 
    477
    Thanks Thanks Received 
    487
    Thanked in
    343 Posts

    Predefinito Fois, Marcello - Stirpe

    Michele Angelo Chironi ha diciannove anni quando incontra lo sguardo di Mercede Lai, sedicenne. Da quel momento le vite di queste due anime orfane, "lui fabbro e lei donna", fino ad allora vissute nella più profonda solitudine, saranno legate per sempre.
    La stirpe di cui Marcello Fois ci racconta magistralmente le vicende nasce da quel primo sguardo. La vita di Michele Angelo e di Mercede e dei loro figli - i gemelli Pietro e Paolo; Gavino, rude e introverso; Luigi Ippolito, curioso e intraprendente e Marianna, silenziosa ed equilibrata - si svolge, tra la fine dell'800 e gli anni '40, in una Nuoro in trasformazione, che per crescere ha bisogno di nuovi edifici, di balconi e perciò di un fabbro come Michele Angelo, che conosce l'arte di piegare il ferro per forgiare gli oggetti. Ma spesso, quasi per una sadica forma di compensazione, al benessere economico si accompagnano le tragedie personali.
    La storia dei Chironi attraversa l'arco delle due guerre mondiali, così tragicamente determinanti per il destino di tutti, anche di chi vive in una cittadina apparentemente lontana dagli eventi come la Nuoro dell'epoca.

    Avevo letto altri libri di Marcello Fois, qualcuno mi era piaciuto di più e qualche altro di meno, ma nessuno aveva lasciato il segno.
    Questo invece l'ha fatto.
    La realistica descrizione della storia collettiva, l'analisi dei problemi sociali si fonde con la storia individuale dei protagonisti in maniera così profonda e perfetta da farle apparire un tutt'uno, da permettere al lettore di toccare con mano le vicende descritte, di percepirle come reali.
    Scavando come pochi altri nell'animo dei suoi personaggi, l'autore, con una scrittura profonda ed elaborata e a mio parere con uno stile piuttosto letterario, ci parla dell'amore visto attraverso varie forme, della passione, dell'invidia, dell'odio, del compromesso. Ma soprattutto ci parla del dolore e della soggettività della sua percezione. Del dolore inespresso o rimosso, del dolore che sta in agguato e si fa vivo all'improvviso. Ci parla della possibilità o dell'impossibilità di superarlo, e inspiegabilmente nella tragedia ci fa percepire un filo di speranza.
    Per me è un libro di grande spessore. 5/5


  2. #2
    blonde member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Mantova
    Messaggi
    81
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    non conoscevo questo scrittore, ma sono rimasta colpita dalla tua recensione e penso che leggerò questo libro.

    Grazie.

  3. #3
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10400
    Thanks Thanks Given 
    477
    Thanks Thanks Received 
    487
    Thanked in
    343 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Kriss Vedi messaggio
    non conoscevo questo scrittore, ma sono rimasta colpita dalla tua recensione e penso che leggerò questo libro.

    Grazie.
    Grazie Kriss
    Spero che sarà di tuo gradimento

  4. #4
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14076
    Thanks Thanks Given 
    849
    Thanks Thanks Received 
    647
    Thanked in
    468 Posts

    Predefinito

    Anche io sono rimasta colpita dalla recensione di Ale e ho deciso di leggerlo, per me è stato il primo di questo autore. L'ho terminato già da un po' ma mi ero dimenticata di scrivere qualcosa. Oggi mi è ritornato in mente.
    Amo i romanzi che parlano di famiglie numerose, sarà soprattutto perché io sono figlia unica. Ho apprezzato questa storia intensa e commovente fin dall'inizio, ho solo avuto qualche difficoltà con alcune parole sarde, in dialetto nuorese, che però sono riuscita a tradurre on line.

    Citazioni:
    Loro si sono dati senso. Ma ora lo odia. Come si può odiare solo chi si ama immensamente. Senza mezze misure, senza mezzi termini.
    Quanto serva il dolore lo sa solo chi vigliaccamente, con prepotenza, ha cercato di sfuggirlo.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. D'Orta, Marcello - Io speriamo che me la cavo
    Da ilselacontessa nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 01-20-2010, 07:15 PM
  2. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-01-2008, 04:02 PM
  3. Smith, Wilbur - Stirpe di uomini
    Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-16-2008, 08:46 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •