Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il ballo

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 23

Discussione: Nemirovsky, Irene - Il ballo

  1. #1
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito Nemirovsky, Irene - Il ballo

    Il signor e la signora Kampf hanno deciso di dare un ballo nella loro lussuosa dimora, evento che sancirà il loro ingresso definitivo ed inattaccabile nell'alta società parigina.
    Ci saranno più di duecento invitati, un'orchestra, caviale e champagne, sfarzo in ogni angolo del salone di ricevimento... ma non ci sarà Antoinette, la figlia quattordicenne
    dei Kampf, per decisisione irrevocabile di sua madre che la ritiene ancora una bambina...
    ... ma Antoinette ha quasi quindici anni, non è più una bambina...

    Mi diletto a leggere i romanzi brevi e i racconti, soprattutto quando non conosco l'autore, non so come scrive... e questo è il primo libro che leggo di questa scrittrice ucraina.
    70 paginette o poco più, si legge in un paio d'ore... un libro piccolo ma semplicemente perfetto!!! Lo strumento ideale per conoscere un'autrice sopraffina!!!!!
    La sua scrittura è semplice, essenziale ma allo stesso tempo meravigliosa!!! Le sue descrizioni suscitano un tumulto di emozioni in chi legge, i suoi dialoghi sono leggeri ma estremamente taglienti, i suoi personaggi comuni, banali ma che la Némirovsky trasforma in armi affilate che è abilissima ad usare...
    In 70 paginette viene scandagliato l'animo di due donne, identificata la statura morale di un uomo, portati a galla i sentimenti più nascosti di alcuni, scoperta la superficialità di altri... in 70 paginette c'è amore ambizione risentimento istinto rabbia affermazione crudeltà... e forse ognuno potrà trovarci molto altro ancora...
    io me lo metterei in borsa e me lo porterei in vacanza... così piccino com'è...
    Ultima modifica di Minerva6; 02-17-2014 alle 07:57 PM.

  2. #2
    Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Lago Maggiore
    Messaggi
    91
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Ho preso questo piccolo libretto per conosce l'autrice,nuova per me.
    Ne sono rimasta entusiasta,in meno di 100 pagine ci sono condensate il rapporto madre e figlia,ipocrisia sociale,vendetta e tante altre cose,tutto scritto con una chiarezza e uno stile magnifico.
    Mi è piaciuto molto,non vedo l'ora di leggere altro di questa scrittrice bravissima,ma con un destino tanto triste e che non meritavamo di perdere!

  3. #3
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2009
    Località
    Siena
    Messaggi
    1654
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Peggy Vedi messaggio
    Ho preso questo piccolo libretto per conosce l'autrice,nuova per me.
    Ne sono rimasta entusiasta,in meno di 100 pagine ci sono condensate il rapporto madre e figlia,ipocrisia sociale,vendetta e tante altre cose,tutto scritto con una chiarezza e uno stile magnifico.
    Mi è piaciuto molto,non vedo l'ora di leggere altro di questa scrittrice bravissima,ma con un destino tanto triste e che non meritavamo di perdere!
    sono molto contento che ti sia piaciuto...
    poi, vista la mole, credo che una possibilità gli possa essere facilmente concessa...
    (salvo repulsione istintiva nei confronti delle opere BREVISSIME!!!!)

  4. #4
    Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    Lago Maggiore
    Messaggi
    91
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Questa è la prova che non sempre servono troppe pagine per scrivere un capolavoro!!

  5. #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2013
    Località
    siracusa
    Messaggi
    227
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Thumbs up

    Citazione Originariamente scritto da risus Vedi messaggio
    Il signor e la signora Kampf hanno deciso di dare un ballo nella loro lussuosa dimora, evento che sancirà il loro ingresso definitivo ed inattaccabile nell'alta società parigina.
    Ci saranno più di duecento invitati, un'orchestra, caviale e champagne, sfarzo in ogni angolo del salone di ricevimento... ma non ci sarà Antoinette, la figlia quattordicenne
    dei Kampf, per decisisione irrevocabile di sua madre che la ritiene ancora una bambina...
    ... ma Antoinette ha quasi quindici anni, non è più una bambina...

    Mi diletto a leggere i romanzi brevi e i racconti, soprattutto quando non conosco l'autore, non so come scrive... e questo è il primo libro che leggo di questa scrittrice ucraina.
    70 paginette o poco più, si legge in un paio d'ore... un libro piccolo ma semplicemente perfetto!!! Lo strumento ideale per conoscere un'autrice sopraffina!!!!!
    La sua scrittura è semplice, essenziale ma allo stesso tempo meravigliosa!!! Le sue descrizioni suscitano un tumulto di emozioni in chi legge, i suoi dialoghi sono leggeri ma estremamente taglienti, i suoi personaggi comuni, banali ma che la Némirovsky trasforma in armi affilate che è abilissima ad usare...
    In 70 paginette viene scandagliato l'animo di due donne, identificata la statura morale di un uomo, portati a galla i sentimenti più nascosti di alcuni, scoperta la superficialità di altri... in 70 paginette c'è amore ambizione risentimento istinto rabbia affermazione crudeltà... e forse ognuno potrà trovarci molto altro ancora...
    io me lo metterei in borsa e me lo porterei in vacanza... così piccino com'è...
    Sono d accordissimo con tutto quello che hai scritto! Un piccolo libricino per intuire la grandezza di questa autrice sopraffina come hai scritto tu. Qualche anno fa in una bancarella trovai una raccolta di 3 suoi racconti brevi, lo comprai e ne sfogliai un po' le pagine e rimasi incantata dal suo modo di scrivere, poi lo misi da parte xké probabilmente avevo altro da leggere e lo prestai, non mi fu più restituito e con il tempo mi dimenticai di questa scrittrice, e del suo genio, recentemente l ho riscoperta su amazon con un estratto di la preda, sono rimasta nuovamente incantata dal suo modo di scrivere così ho scaricato per il mio kindle una serie di suoi romanzi che presto leggerò.
    Le emozioni che riesce a trasmettere: la tristezza della ragazzina, l egoismo e le manie di grandezza dei suoi genitori, la nemirowsky riesce a catapultare i lettori nella famiglia kampf e quasi farne parte...

  6. #6
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19020
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    748
    Thanked in
    464 Posts

    Predefinito

    letto alcuni anni fa, mi aspettavo qualcosa di più da questa scrittrice, invece c'è un racconto lungo, interessante e abbastanza ben scritto, però un po' banale, leggermente paranoico ed impostato

  7. #7
    foolish member
    Data registrazione
    Mar 2010
    Località
    provincia di udine
    Messaggi
    272
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Di solito non amo i racconti o i romanzi brevi, ma questo posso dire che mi è piaciuto. Storia semplicissima, forse pure banale, ma mi ha colpito.
    Mi ha divertita l'ironia usata nella descrizione dei genitori arricchiti che organizzano il ballo per farsi notare e per diventare famosi (invitando alla fine un sacco di persone non "per bene" ma non importa perché sono famosi...).
    Bello lo sguardo della figlia, che sembra quasi osservarli da un altro pianeta, come se stesse fuori da un acquario cercando di capire cosa combinano i pesci. Lei soffre e cerca di comprendere i suoi genitori, ma si rende conto che il loro modo di fare è frivolo e si sente molto più profonda di loro. Li mette alla prova e si stupisce delle loro reazioni e dei loro comportamenti. Quella che doveva essere una vendetta alla fine le apre occhi e comprende che il mondo degli adulti non è poi così "maturo" come si aspettava. Questo ballo al quale nemmeno partecipa la fa crescere in un modo inaspettato, lei credeva di diventare adulta danzando con qualche cavaliere misterioso e sentendosi parte di una comunità ed invece lo diventa spiando il mondo dei grandi, comprendendolo per la prima volta e criticandolo.
    Mi è piaciuto soprattutto perché non mi ha lasciato l'idea di incompiutezza che di solito mi danno gli scritti brevi.

  8. #8

    Predefinito

    È un libriccino scorrevolissimo, l'ho divorato in un solo viaggio in treno, e devo dire che è stato piuttosto piacevole. Forse anche io, soprattutto leggendo i commenti che lo descrivono come un ver e proprio capolavoro, mi sarei aspettata qualche cosa in più. Ma è comunque una lettura molto piacevole, e sicuramente leggerò altro della Némirowsky.
    È scritto abbastanza bene, le descrizioni sono fresche e vivide, anche se non amo la sovrabbondanza di puntini di sospensione (ma dopo Céline, questo è niente!). Devo dire però che npn son riuscita D entrare in empatia con nessuno dei personaggi: i genitori sono sicuramente personaggi negatii, i cui soli valori sono i soldi e l'apparire ad ogni costo, e il totale disinteresse e la mancanza di affetto verso la figlia è deplorevole. Però ho trovato Antoinette un po' arrogante e supponente, nel suo credersi a tutti i costi migliore e superiore ai suo genitori, pur non avendo ella stessa un comportamento esemplare (e non solo per la "vendetta", che secondo me è stata più che altro dettata dall'impulso e dalla rabbia momentanea), ma anche per i suo atteggiamento sprezzante e un pochino "da vittima".
    In ogni caso, è stata una lettura molto piacevole.

  9. #9
    Lunatic Mod
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    10400
    Thanks Thanks Given 
    478
    Thanks Thanks Received 
    487
    Thanked in
    343 Posts

    Predefinito

    La vera protagonista di questo brevissimo, spietato romanzo è l'invidia. Colei che (quasi) tutti conosciamo ma che fingiamo, soprattutto con noi stessi, di non conoscere L'invidia di Antoinette nei confronti di chiunque partecipi a quella che per lei è la vita vera, della madre nei confronti della figlia e della gente appartenente a quella società da cui brama di essere accettata, della cugina Isabelle, personaggio minore ma notevole...L'autrice, bravissima, descrive i sentimenti più negativi e scomodi in modo semplice e crudele e racconta con efficacia il personaggio di Antoinette, giovanissima protagonista, il suo cinismo conseguente alla desolante situazione familiare, ma potrebbe essere "buona" una ragazzina cresciuta con genitori insulsi, scioccamente autoritari e anaffettivi? Forse l'esperienza personale mi direbbe di sì, ma l'autrice sembra dire il contrario con grande soddisfazione, come se la vendetta di Antoinette fosse la sua contro il mondo. Difficile, nonostante tutto, non solidarizzare, magari con le dovute riserve. Per me è troppo breve per essere un capolavoro, ma è un libro significativo, colpisce per la sua crudezza. Non lo dimenticherò presto.

  10. #10
    Senior Member
    Data registrazione
    Jun 2008
    Località
    Roma
    Messaggi
    2904
    Thanks Thanks Given 
    26
    Thanks Thanks Received 
    26
    Thanked in
    15 Posts

    Predefinito

    Concentrato di irresponsabile perfidia.
    Carino, veloce e ben scritto.

  11. #11
    Senior Member
    Data registrazione
    May 2013
    Messaggi
    147
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    L'ho comprato ieri per caso, e devo dire che sono quasi alla fine. E' ben scritto. Toccante il rapporto conflittuale madre-figlia nel periodo dell'adolescenza. Antoniette cerca di differenziarsi dalla madre, la quale, allo stesso tempo, fa di tutto purchè la figlia non emerga come persona con una propria individualità. Un libro scritto intorno agli anni trenta, ma il rapporto descritto tra madre e figlia è tutt'oggi molto simile.

  12. #12
    Member
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Siena
    Messaggi
    98
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Némirovsky, Irène - Il ballo

    Non sempre la biografia dell’artista è necessaria alla comprensione della sua opera, anzi in qualche caso un eccesso di informazioni rischia di pilotarla in una direzione che l’autore non avrebbe voluto. Non è questo però il caso di Irène Nemirovsky, vera rivelazione, a 70 anni dalla morte, degli ultimi anni. Senza conoscere la sua molteplice – e non pacificata - identità di ebrea russa trapiantata in Francia, il suo forzato cosmopolitismo, la sua appartenenza per caso alla cerchia degli eletti, i membri della nuova aristocrazia capitalista degli anni ’30, non comprenderemmo lo sguardo lucido, affilato con cui illumina il mondo. Uno sguardo che svela senza pietà ipocrisie, ambizioni frustrate, la mostruosa assenza di scrupoli dettata dalla corsa al successo attraverso la sopraffazione, l’assoluta incapacità di sentimenti veri: né l’amore, né la compassione hanno un posto nel mondo. Di questa visione raggelante della storia la deportazione e morte ad Auschwitz sembrano solo una tragica conferma.
    Nel racconto “Il ballo” (1930) al centro c’è lo smascheramento della relazione più mitizzata e mistificata, quella maternale, in realtà uno spietato gioco al macello tra due donne: la donna-madre alto-borghese, donna orpello da esibire, strumento di riscatto sociale in bilico sul confine della giovinezza, e la donna-figlia, incolpevolmente ingombrante, ancora negata alla vita e imprigionata tra desideri e aspirazioni dell’adolescenza, ma già pericolosa ombra per la bellezza materna sotto le luci del successo sociale.
    Su questa madre distante e ostile, sulle finzioni del teatrino sociale, la quattordicenne Antoinette saprà prendersi una piccola ma spietata vendetta.

  13. #13
    Senior Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Località
    Napoli
    Messaggi
    161
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    con questo "piccolo" capolavoro ho scoperto una scrittrice eccezionale, una grande conoscitrice dell'animo umano, morta troppo giovane. Sto leggendo le altre sue opere e al momento rientra tra i miei scrittori preferiti.

    voto 9.

  14. #14
    W I LIBRI !
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    Como
    Messaggi
    1338
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Nemirovsky, Irene - Il ballo

    Antoinette è una ragazza adolescente, vive a Parigi e da poco si è trasferita con i genitori in un grande e lussuoso appartamento. Il padre si è arricchito improvvisamente con non si sa bene con quali affari e la madre, invece, vanitosa e arrivista, non vede l'ora di ostentare un lusso e una "nobiltà" che non le appartengono e non riesce a controllare.
    Per dare sfoggio della loro neonata ricchezza la madre di Antoinette decide dare un ballo al quale inviterà marchesi, conti, consoli, ambasciatori ecc. ecc.
    Tutto queste breve romanzo della Nèmirovsky si svolge intorno ai preparativi di questo grande evento, dal quale la giovane Antoinette viene tenuta in disparte e relegata in uno sgabuzzino la sera della festa. Ma Antoinette non è più una bambina è riuscirà in qualche modo ad avere la sua rivincita.
    Ultima modifica di Minerva6; 02-17-2014 alle 07:57 PM.

  15. #15
    Senior Member
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Ferrara (provincia)
    Messaggi
    899
    Thanks Thanks Given 
    252
    Thanks Thanks Received 
    194
    Thanked in
    125 Posts

    Predefinito

    E' un libro breve, ma emblematico, di una cattiveria spietata. Traspare, da queste pagine, l'odio viscerale che l'autrice ha nutrito per la propria famiglia d'origine, segnatamente per la madre.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Nemirovsky, Irene - Suite francese
    Da elena nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 02-12-2017, 10:30 AM
  2. Nemirovsky, Irene - I cani e i lupi
    Da *cuorepensante* nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 08-09-2014, 05:29 PM
  3. D.Rodello - amo il ballo delle parole
    Da D.Rodello nel forum Presentazioni: ecco dove ti puoi presentare
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 06-26-2010, 12:43 AM
  4. Hamilton, Laurell K. - Il ballo della morte
    Da ayla nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 09-22-2009, 02:49 PM
  5. Brunori, Vera - Il ballo dei silenzi
    Da reel nel forum Amici
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 07-11-2008, 04:21 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •