Il libro consiste in una raccolta di alcuni degli ultimi racconti di Woolrich, i cinque capitoli del suo romanzo rimasto incompiuto e due capitoli di una sua autobiografia.
I racconti rappresentano sicuramente il " manifesto " dello stile di Woolrich. Sia che essi trattino di indagini su un omicidio, evasi inseguiti dalla polizia, solitudini disperate e amori che finiscono drammaticamente, in tutti l'elemento comune l'uomo burattino del destino, spesso, anzi quasi sempre, crudele e cinico.
Il romanzo incompiuto ( che reca il titolo della raccolta, ma Woolrich gli aveva dato anche un altro titolo " The Loser " ) consiste solo di 5 capitoli, ma si tratta dei primi tre iniziali e gli ultimi due finali ( ma assicuro che leggendoli ci permette di capire benissimo la storia ) e l'ultimo capitolo un vero e proprio capolavoro.
I due capitoli autobiografici sono interessanti per leggere episodi della vita dello scrittore che poi , adeguatamente modificati, gli serviranno come spunto per alcune delle sue storie.
Una raccolta interessantissima per quello che personalmente ritengo essere il maggiore scrittore noir del 900 e che giustamente pu essere definito " Hitchcock della parola scritta "