Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il muro invisibile

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Bernstein, Harry - Il muro invisibile

  1. #1
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14752
    Thanks Thanks Given 
    1235
    Thanks Thanks Received 
    1004
    Thanked in
    703 Posts

    Predefinito Bernstein, Harry - Il muro invisibile

    Questo romanzo è tratto da una storia vera,quella dell'autore,che ha vissuto la sua infanzia in una cittadina dell'Inghilterra,con un padre dedito al bere e che lavorava in una fabbrica tessile e una madre che ha cercato di portare avanti in maniera decorosa la sua numerosa famiglia (4 figli maschi e 2 femmine).
    Il bambino Harry abita in una strada che è divisa appunto da un muro invisibile tra ebrei e cristiani,nel periodo antecedente e successivo alla Prima Guerra Mondiale.
    La convivenza tra persone di culto religioso differente non è facile e si acuisce soprattutto in seguito all'amore che sboccia tra Lily,la sorella di 'arry e un ragazzo cristiano,un goy.Ma il loro amore cercherà di spezzare questo filo che impedisce di vivere pacificamente gli uni con gli altri,a causa dei pregiudizi e delle usanze diverse.
    In più la miseria che già li lega e poi la guerra che verrà farà capire loro che non è sbagliato unirsi pur restando fedeli alla propria religione.
    Lo consiglio perchè è ben narrato e fa piacere conoscere i vari protagonisti che ruotano attorno al protagonista,in particolare ho preferito la sorella maggiore,che alla fine è stata capace di fare le proprie scelte,pubbliche e private,senza farsi condizionare dal contesto familiare e religioso.
    Bernstein ha scritto altri 2 libri autobiografici che proseguono la narrazione in America,terra promessa a cui aspirava la madre,sperando di superare la loro povertà,dove la sua famiglia si è trasferita dopo la Prima Guerra Mondiale.
    Ultima modifica di Minerva6; 08-17-2012 alle 12:43 PM.

  2. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    roma
    Messaggi
    193
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mi attira molto! L'ho aggiunto alla wishlist

  • #3
    Mathematician Member
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    698
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    2
    Thanked in
    2 Posts

    Predefinito

    Un romanzo che narra vicende avvenute più di un secolo fa e che purtroppo è di grande attualità. La distanza infinita che intercorre tra persone uguali ma diverse per religione. Non è il solito libro sugli ebrei, ma un romanzo fresco e allo stesso tempo drammatico come pochi. Quel che crea veramente una ferita profonda nel lettore è sapere che tutto quel che viene narrato dal piccolo protagonista è una storia vera. Rimarrà a lungo dentro di me.

  • #4
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4224
    Thanks Thanks Given 
    45
    Thanks Thanks Received 
    68
    Thanked in
    28 Posts

    Predefinito

    Scritto bene, prosa asciutta ed essenziale. Diciamo che è un libro che deve la sua fortuna al tema (la discriminazione subita dagli ebrei) e al relativo periodo storico tragico (con la relativa problematica della fame e della povertà), più che al talento narrativo di Bernstein. Mi ha commosso la forza d’animo della madre, l’abnegazione nel cercare di crescere al meglio i 6 figli, la sua solitudine interiore (che bella la scena quando cuce di notte davanti al fuoco), la lotta silenziosa contro la sofferenza e il dolore, cui contribuisce anche un marito completamente assente e violento, indifferente e scialacquatore. La parte finale, quando dopo anni e anni Bernstein adulto torna a visitare i luoghi dell’Inghilterra che lo hanno visto bambino, è piuttosto toccante. Do 4 stelle per questi motivi, anche se il giudizio positivo non è tale da spingermi a prendere gli altri libri dell’autore.


  • Discussioni simili

    1. Risposte: 10
      Ultimo messaggio: 09-30-2010, 02:34 PM
    2. Le ceneri del Muro
      Da Mizar nel forum Salotto letterario
      Risposte: 11
      Ultimo messaggio: 12-04-2009, 01:15 PM
    3. L'essenziale è invisibile agli occhi
      Da Fabio nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 08-03-2009, 06:43 PM
    4. Il muro invisibile di Bernstein
      Da smemorata nel forum Salotto letterario
      Risposte: 1
      Ultimo messaggio: 11-24-2008, 08:50 AM
    5. Ellison, Ralph - Uomo invisibile
      Da raskolnikoff nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 11-05-2007, 08:43 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •