Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Il muro invisibile

Mostra risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Bernstein, Harry - Il muro invisibile

  1. #1
    *MOD* Monkey Member
    Data registrazione
    Aug 2009
    Località
    in Campania,ma vicino al Lazio
    Messaggi
    14084
    Thanks Thanks Given 
    855
    Thanks Thanks Received 
    650
    Thanked in
    470 Posts

    Predefinito Bernstein, Harry - Il muro invisibile

    Questo romanzo è tratto da una storia vera,quella dell'autore,che ha vissuto la sua infanzia in una cittadina dell'Inghilterra,con un padre dedito al bere e che lavorava in una fabbrica tessile e una madre che ha cercato di portare avanti in maniera decorosa la sua numerosa famiglia (4 figli maschi e 2 femmine).
    Il bambino Harry abita in una strada che è divisa appunto da un muro invisibile tra ebrei e cristiani,nel periodo antecedente e successivo alla Prima Guerra Mondiale.
    La convivenza tra persone di culto religioso differente non è facile e si acuisce soprattutto in seguito all'amore che sboccia tra Lily,la sorella di 'arry e un ragazzo cristiano,un goy.Ma il loro amore cercherà di spezzare questo filo che impedisce di vivere pacificamente gli uni con gli altri,a causa dei pregiudizi e delle usanze diverse.
    In più la miseria che già li lega e poi la guerra che verrà farà capire loro che non è sbagliato unirsi pur restando fedeli alla propria religione.
    Lo consiglio perchè è ben narrato e fa piacere conoscere i vari protagonisti che ruotano attorno al protagonista,in particolare ho preferito la sorella maggiore,che alla fine è stata capace di fare le proprie scelte,pubbliche e private,senza farsi condizionare dal contesto familiare e religioso.
    Bernstein ha scritto altri 2 libri autobiografici che proseguono la narrazione in America,terra promessa a cui aspirava la madre,sperando di superare la loro povertà,dove la sua famiglia si è trasferita dopo la Prima Guerra Mondiale.
    Ultima modifica di Minerva6; 08-17-2012 alle 01:43 PM.

  2. #2
    Senior Member
    Data registrazione
    Jul 2010
    Località
    roma
    Messaggi
    193
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Mi attira molto! L'ho aggiunto alla wishlist

  3. #3
    Mathematician Member
    Data registrazione
    May 2009
    Messaggi
    698
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    1
    Thanked in
    1 Post

    Predefinito

    Un romanzo che narra vicende avvenute più di un secolo fa e che purtroppo è di grande attualità. La distanza infinita che intercorre tra persone uguali ma diverse per religione. Non è il solito libro sugli ebrei, ma un romanzo fresco e allo stesso tempo drammatico come pochi. Quel che crea veramente una ferita profonda nel lettore è sapere che tutto quel che viene narrato dal piccolo protagonista è una storia vera. Rimarrà a lungo dentro di me.

  4. #4
    Scrittore & Vulca-Mod
    Data registrazione
    Oct 2010
    Località
    Sarzana La Spezia
    Messaggi
    4197
    Thanks Thanks Given 
    21
    Thanks Thanks Received 
    14
    Thanked in
    7 Posts

    Predefinito

    Scritto bene, prosa asciutta ed essenziale. Diciamo che è un libro che deve la sua fortuna al tema (la discriminazione subita dagli ebrei) e al relativo periodo storico tragico (con la relativa problematica della fame e della povertà), più che al talento narrativo di Bernstein. Mi ha commosso la forza d’animo della madre, l’abnegazione nel cercare di crescere al meglio i 6 figli, la sua solitudine interiore (che bella la scena quando cuce di notte davanti al fuoco), la lotta silenziosa contro la sofferenza e il dolore, cui contribuisce anche un marito completamente assente e violento, indifferente e scialacquatore. La parte finale, quando dopo anni e anni Bernstein adulto torna a visitare i luoghi dell’Inghilterra che lo hanno visto bambino, è piuttosto toccante. Do 4 stelle per questi motivi, anche se il giudizio positivo non è tale da spingermi a prendere gli altri libri dell’autore.

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 09-30-2010, 03:34 PM
  2. Le ceneri del Muro
    Da Mizar nel forum Salotto letterario
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 12-04-2009, 02:15 PM
  3. L'essenziale è invisibile agli occhi
    Da Fabio nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 08-03-2009, 07:43 PM
  4. Il muro invisibile di Bernstein
    Da smemorata nel forum Salotto letterario
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 11-24-2008, 09:50 AM
  5. Ellison, Ralph - Uomo invisibile
    Da raskolnikoff nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-05-2007, 09:43 PM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •