Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Mostra risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Sayrafiezadeh, Said

  1. #1
    CON LA "C"
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Calabria Esaurita
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    8
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Sayrafiezadeh, Said

    Figlio di un iraniano e di un’ebrea statunitense, Said è nato alla fine degli anni sessanta, mangia carote e yogurt, guarda la tv di nascosto, trascorre le vacanze partecipando a incomprensibili raduni politici. E soprattutto, al contrario dei suoi coetanei, non possiede uno skateboard. Il motivo di tanta originalità? Said è figlio di comunisti: un padre che sembra Che Guevara, una madre che promette gli skate solo quando il proletariato vincerà.
    Con un ritmo veloce e brillante, e la capacità di cogliere gli aspetti più strambi dell’esistenza, l’autore ci sorprende col racconto autobiografico di una giovinezza irregolare, trascorsa in attesa di una rivoluzione sempre imminente e sempre rinviata.
    Vincitore del premio John Fante 2010
    Dwight Garner del New York Times lo ha inserito tra i dieci migliori libri del 2009.


    Sono stata al festival della letteratura di Mantova e uno degli incontri al quale tenevo particolarmente, era quello con Mauro Corona, tutto il resto sarebbe stato nutrimento in più. Quando sono arrivata al chiosco delle prenotazioni, ho trovato il cartellone occupato e l’evento, che attendevo da tempo, era già pieno, l’unico ancora libero alla stessa ora era quello con Said Sayrafiezadeh uno scrittore statunitense che non conoscevo. Ho letto velocemente due righe, dal libricino degli autori che avevo acquistato, e così ho felicemente ripiegato su di lui.
    Nel Chiostro del Museo Diocesano, accompagnato dal un’interprete e dal giornalista Enrico Franceschini, Said Sayrafiezadeh ha presentato il libro: "Quando verrà la rivoluzione avremo tutti lo skateboard”. (Franceschini ha iniziato con una battuta e cioè nel dire che non sarebbe stato facile chiedere in libreria di questo autore).
    Said è un ragazzo che non ha mai conosciuto l'Iran, né la lingua, né le tradizioni di questo popolo, pur portandone il nome e una somatica inconfondibile.
    Quando a scuola gli domandavano di dove sei? Lui rispondeva “New York” ma loro insistevano “No, di dove sei veramente?” e lui non sapeva cosa rispondere.
    Così è iniziato il suo racconto, che ci ha subito rapiti. Con un nome che gli americani hanno sempre pronunciato scorrettamente, è cresciuto, in un’America in piena Guerra Fredda e crisi diplomatica con l’Iran, con due genitori assetati di rivoluzione, i quali non gli concedevano alcun gioco e alcuna distrazione, se non assurde riunioni di partito. Cresciuto nel silenzio di mille domande, ha confessato che da circa cinque anni, il padre non gli rivolge la parola. Questo libro è nato per liberare l’anima da una stretta soffocante e far conoscere le proprie idee, perché i pensieri di Said il padre non li ha mai voluti ascoltare così come sicuramente non li ha ancora letti, e mai li leggerà. Un libro che, per il disagio sofferto, non è riuscito a scrivere prima; ha avuto bisogno di tempo per maturare quella che, sorridendo, lui stesso definisce “Revenge”. Un racconto di dolore, presentato con grande serenità, o almeno, questo ha trasmesso a noi che lo ascoltavamo ammaliati. Ha atteso le domande un po’ intimidito, pregando che non fossero personali ma attinenti al libro. Inutile dire che le domande sono state tutte personalissime e ogni volta, prima di replicare sorrideva, ma ha risposto con una sincerità che traspariva limpida dai suoi occhi, e io, che nei miei pensieri ringraziavo il destino che mi aveva portata lì, l’ho subito adorato.
    Ho il suo libro, autografato con mano incerta e una grafia terribile, e lo tengo come si tiene un bene prezioso. Grazie Said, felice di averti ascoltato e a presto il piacere di leggerti. (seguirà recensione)
    Ultima modifica di franceska; 09-22-2010 alle 12:07 PM.

  2. #2
    Motherator
    Data registrazione
    Aug 2007
    Località
    Udine
    Messaggi
    19025
    Inserimenti nel blog
    9
    Thanks Thanks Given 
    249
    Thanks Thanks Received 
    751
    Thanked in
    466 Posts

    Predefinito

    ecco cosa mi sono persa

    era uno degli autori che mi sarebbe piaciuto andare a sentire, grazie per il resoconto

  3. #3
    CON LA "C"
    Data registrazione
    Sep 2008
    Località
    Calabria Esaurita
    Messaggi
    1687
    Inserimenti nel blog
    8
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da elisa Vedi messaggio
    ecco cosa mi sono persa

    era uno degli autori che mi sarebbe piaciuto andare a sentire, grazie per il resoconto
    prego, ho preso spunto dai tuoi. grazie anche a te di averli postati

Ti potrebbero interessare:

 

Discussioni simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 11-03-2010, 12:04 AM

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •