Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Voglia di Volare

Mostra risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Fiorillo, Achille - Voglia di Volare

  1. #1
    Junior Member
    Data registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito Fiorillo, Achille - Voglia di Volare

    Voglia di Volare può essere a tutti gli effetti considerato un urlo, un urlo veemente di protesta contro il fare tutto italiano di soffocare e reprimere tutti coloro che hanno delle capacità, in favore di qualcosa che non è possibile nemmeno definire. Questo libro è la concreta dimostrazione che è possibile formulare civilmente una protesta e nel contempo mostrare con i fatti che è possibile agire in maniera differente, e come lo stesso autore dice: “ Un libro mi sembra una protesta discretamente civile…”.

    E’ possibile dire che il libro si divide in due parti, nella prima, attraverso una narrazione legata al cibo e al gusto, l’autore riporta ciò che è accaduto nel reale al libro a stesura ultimata nel tentativo di essere pubblicato. La seconda parte è la storia, il racconto in quanto tale, espresso con uno stile semplice e diretto. Una chiara spiegazione di quanto sarà possibile leggere ed apprendere dalle pagine di Voglia di Volare è espressa da ciò che nel libro viene titolato come antefatto.

    La presentazione Napoletana di questo libro, avvenuta al Palazzo delle Arti di Napoli, ha mostrato la concretezza di ciò che questo autore esprime con le parole. Attraverso l’ausilio delle abili maestrie sceniche del coreografo e ballerino Max Bartolini è stata preparata una presentazione coinvolgente e molto diversa da quelle solite. Il coreografo ha preparato una narrazione danzata che, accompagnata da musiche dal potere trascinante, faceva da sfondo alla lettura di alcuni brani tratti dal libro. Max Bartolini è riuscito in pochi minuti a mostrare un percorso che, senza svelare le peculiarità del libro, ripercorreva l’intera vicenda, dando alla performance il tocco artistico del musical.

    Ciò a cui in pochi hanno assistito al PAN di Napoli è proprio quello che l’autore ed i suoi personaggi cercano di urlare a gran voce nelle pagine del racconto, per essere diversi ed interessare qualcuno è necessario che si sappia fare, che si abbiano le capacita di essere realmente e concretamente diversi, senza lo sterile obiettivo di stupire a tutti i costi, senza le basi reali per poterlo fare, lasciando così, unicamente, il posto a volgarità e nulla.

    L’autore sostiene che ogni uomo possiede uno scrigno, nel quale custodisce al*meno un sogno. Nella multidimensionalità dei sogni sono racchiusi i desideri di piccoli uomini, i quali lottano contro tutto e tutti per riusci*re a sfiorare queste vette, all’apparenza irraggiungibili. I giovani germogli appartenenti alla razza umana crescono, continuano a stringere forte i loro desideri e non smettono mai di lottare, spesso anche contro se stessi. La vita li spinge, però, ad accorgersi che realizzare un sogno non è mai un processo legato, unicamente, a colui che custo*disce lo scrigno magico.

    Il raggiungimento della vetta passa attraverso numerose strade e si lega alle menti di altri esseri umani. In moltissimi casi questi ostacoli spingono “gli scalatori” ad abbandonare la loro arrampicata, raggiungendo uno stadio d’adattamento che inficia le fondamenta della loro vita.

    Altri, invece, lottano e cercano di urlare forte il loro “No”. Essi vogliono finire i giorni con la consapevolezza di non aver mai abbandonato. È per questo motivo che cercano in ogni modo di far sentire forte la propria voce. Nelle pagine di “Voglia di Volare” sarà possibile udire una di queste voci.

  2. #2
    Altro Site Admin
    Data registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    3568
    Inserimenti nel blog
    14
    Thanks Thanks Given 
    83
    Thanks Thanks Received 
    59
    Thanked in
    33 Posts

    Predefinito

    E' un libro edito a pagamento da parte dello stesso autore?
    Lo hai acquistato? Online? In libreria "fissa" lo si trova? O te lo hanno regalato?
    Lo consiglieresti a chiunque?
    Secondo te ci sarà una ristampa?
    Conoscevi questa sezione del forumlibri? http://www.forumlibri.com/forum/foru...-contemporanei

    Quale è il tuo commento personale sul libro?

Discussioni simili

  1. Benni, Stefano - Achille piè veloce
    Da risus nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 01-18-2013, 03:40 PM
  2. Fabrizio De Andre'- Ho visto Nina volare
    Da shvets olga nel forum Poesia
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 12-02-2009, 11:24 PM
  3. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 03-08-2009, 11:50 PM
  4. La Bellezza dell'uccello [volare e cantare]
    Da Fabio nel forum Tutto Bellezza e tutto Cultura
    Risposte: 43
    Ultimo messaggio: 07-21-2008, 03:54 PM
  5. Rastelli, Achille - Sommergibili a Singapore
    Da sub75 nel forum Piccola biblioteca
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 09-18-2007, 03:39 PM

Tags per questo thread

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •