Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

Visualizza il feed RSS

Ipazia

L’ortografia francese 2

Valuta questo inserimento
Perché si parla tanto oggi di una riforma che possa semplificare la nostra ortografia? Sicuramente perché è una tortura leggere i documenti scritti sia nell'ambito della scuola che delle imprese. Sicuramente perché ci sarà una ragione se oggi non si riesce più a scivere senza errori, o no? Per esempio per le tante incongruenze che presenta. In italiano, il 95% di quello che si scrive si pronuncia. In francese, il 50%. L’italiano, come lo spagnolo per esempio, ha trovato nell’alfabeto latino uno strumento molto meglio adatto alla scrittura della propria ortografia. In Svizzera, gli studenti di madre lingua italiana raggiungono la padronanza dell’ortografia già alla scuola elementare. Il 65% fa fra 0 e 3 errori in un dettato. Quelli di madre lingua tedesca sono il 29%, essendo il tedesco già più complesso come trascrizione scritta. Per i giovani francofoni svizzeri, che raggiungono la padronanza dell’ortografia francese verso i 13 anni circa, solo il 10% riesce ad ottenere questo risultato, fra 0 e 3 errori in un dettato. Vediamo qualche esempio pratico, sempre riferito da de Closets: perché dobbiamo scrivere “spatial” e non “spacial”, se questa parola si pronuncia come “spécial” e in latino è “spatium” che ha poi dato “espace”? “Spatial” non sembra avere senso né dal punto di vista fonetico né etimologico. Scriviamo “vingt” che viene dal latino “viginti”, ma a cosa serve la “g” nella parola francese? Allora, perché “triginta” latino diventa “trente” e non “trengte”? Abbiamo “abatage” ma “abattre”, “charrette” ma “chariot”. Tantissime anomalie che non hanno una spiegazione etimologica: perché “pomme” dal latino “poma”, “donner” da “donare”, “dompter” da “domitiare”, “poids” da “pensum”, “haut” da “altus”, “huile” da “oleum”? Perché, si chiedono il bambino francese o lo straniero che si avvicina allo studio del francese, “hospice”, “hôte”, “hôtellerie” ma “otage”? O perché “patronnesse” e invece “patronage”, “pôle” e “polaire”, “résonner” et “résonances”? ecc. ecc. accenti, trattini, lettere mute, consonanti a volte doppie a volte no, plurale delle parole composte, concordanza del participio passato, …
Per me è una grande novità pensare alla mia lingua scritta sotto questa ottica. Facendo parte degli scolari del “prima degli anni ‘80” e avendo imparato a scrivere con il metodo tradizionale autoritario e rigido di allora, e sicuramente dotata da una buona memoria visiva (l’ho capito leggendo il libro di de Closets!), mi è sempre sembrato come “allant de soi” (“dato per scontato”) scrivere senza “fautes”, e quindi fare dettati “zéro faute”. Ora mi si sta aprendo la mente su orizzonti nuovi!
Cosa succede oggi in Francia? Le ore di ortografia e grammatica a scuola sono pochissime. La scuola ha introdotto nuove materie. La scuola privilegia lo scambio, la partecipazione, la creatività, l’interattività, la riflessione. Il giovane francese non accetterebbe più il tipo di metodo richiesto per imparare bene l’ortografia. D’altronde, scrive con la penna solo a scuola, poi passa alla tastiera a casa e più tardi anche nel mondo del lavoro. La scuola appare come staccata dal mondo reale. Al computer è aiutato, protetto, dai correttori ortografici. Si domanda perché cercare di mettersi in testa tutte queste regole che gli sembrano assurde, tutte queste eccezioni e anomalie se non dovrà mai usarle senza l’aiuto appunto del correttore? Domanda molto intelligente del nostro autore: il futuro non dovrebbe essere l’insegnamento dell’uso di tali software? Come mai si fa già in Québec, nei paesi anglosassoni e scandinavi? I francesi non sanno più scrivere. Il progresso tecnico non sta regalando alla Francia una soluzione per risolvere la crisi?
Esco un po’ frastornata dalla lettura di questo libro. Forse si sta un po’ sciogliendo la mia mentalità rigida in questo campo? Leggendolo con grande piacere, anche perché è scritto benissimo e scorre come un romanzo, ho capito meglio tante cose che già so, ma le ho assimilate di più: la lingua scritta si è fossilizzata, la lingua parlata e quella degli sms, delle mail, dei chat, è viva, fluida, creativa, spontanea, immediata, originale, vuole comunicare sul momento, qualcosa di fresco e non preparato, qualcosa che non ha vocazione ad essere archiviato. Ma … come la mettiamo con l’insegnamento del francese all’estero se i francesi non sanno più scrivere senza errori? Come si deve fare? Insegnare anche in questo caso l’uso corretto dei correttori ortografici?
E mi sto chiedendo tante altre cose. Fra l'altro, il fatto che mi si rimproveri a volte di essere troppo poco flessibile nella vita, se mi venisse anche da questo insegnamento dell'ortografia così rigido quando ero bambina? E di questa mia intransigenza totale verso gli errori ortografici?
Vorrei approfittare di questo mio post per ringraziare mio cognato per avermi regalato "Zéro faute" dopo avermi dato dell' "integralista della lingua"! Fa sempre bene aprirsi a pensieri diversi dai propri.

Submit "L’ortografia francese 2" to twitter Submit "L’ortografia francese 2" to Digg Submit "L’ortografia francese 2" to del.icio.us Submit "L’ortografia francese 2" to StumbleUpon Submit "L’ortografia francese 2" to Google Submit "L’ortografia francese 2" to Oknotizie

Tag: No Aggiungi / Modifica tags
Categorie
Non categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di skitty
    Sembra molto interessante questo libro, che ti ha coinvolta così tanto.
    Mi ha colpita anche la tua domanda finale, che sto rivolgendo anche a me stessa: magari davvero una parte della rigidità nel carattere, può dipendere da quanto rigidamente si sono studiate alcune materie nel corso della nostra educazione scolastica. Probabilmente parlando di lingua italiana, la questione ha un impatto diverso rispetto al francese, come apprendo leggendo le informazioni da te postate.
  2. L'avatar di jeanne
    Citazione Originariamente scritto da skitty
    Sembra molto interessante questo libro, che ti ha coinvolta così tanto.
    Mi ha colpita anche la tua domanda finale, che sto rivolgendo anche a me stessa: magari davvero una parte della rigidità nel carattere, può dipendere da quanto rigidamente si sono studiate alcune materie nel corso della nostra educazione scolastica. Probabilmente parlando di lingua italiana, la questione ha un impatto diverso rispetto al francese, come apprendo leggendo le informazioni da te postate.
    Sì, mi ha interpellata il libro-saggio su diversi temi, domande che mi sono venute in mente: l'insegnamento del francese oggi all'estero, la rigidità e i pregiudizi nella vita in generale, è giusta la mia convinzione sulla bellezza assoluta-passione mia per l'ortografia francese così difficile e particolare- l'exception française-?, forse se non si riesce a scriverla bene tranne per una minoranza perché il problema non è degli alunni ma dell'ortografia illogica e incoerente?, le caratteristiche della scrittura con le nuove tecnologie, l'uso del correttore ortografico, il linguaggio sms molto creativo e ingenioso a causa della costrizione dei 160 caratteri (esempi in francese: koi29, TpakLR, D100mnt, A12C4), forse quelli che fanno errori alla fine sono molto più creativi e aperti di me?, è giusto giudicare qualcuno sulla padronanza dell'ortografia?, etc. Alla fine, si dovrebbe fare questa semplificazione dell'ortografia francese o deve rimanere intoccabile?
    Ho comprato Togliamo il disturbo di Paola Mastrocola per confrontarmi con un contesto italiano e rendermi conto delle differenze o delle somiglianze con quello che scrive de Closets, anche sull'insegnamento della propria lingua e i problemi collegati, le domande e le soluzioni. Ancora non l'ho cominciato. Ho una trentina di libri in casa che ancora non ho letti! come tanti di voi, immagino ...
  3. L'avatar di Dory
    Ho sempre amato moltissimo la scuola fin da piccola, a differenza di tutti i miei coetanei, e mi sono approcciata a tutto quello che ci facevano studiare sempre con spirito critico, sia sui contenuti che sui metodi di insegnamento. Crescendo ho però capito una cosa, che ciò che all'epoca mi sembrava noioso e inutile in realtà non lo era, serviva a due cose fondamentali: a sviluppare la memoria e ad assumere una certa disciplina.
    Avendo avuto a che fare per motivi di lavoro con ragazzi di elementari e medie, mi sono resa conto che i ragazzi di oggi hanno da scarse a scarsissime capacità logiche, niente memoria e zero disciplina. Rendere tutto troppo semplice non è un vantaggio, non è risparmiare tempo per fare altro di più interessante... ma poi, di tutto questo tempo i ragazzi che se ne fanno? Lo passano davanti al computer o ai videogiochi, o peggio.
  4. L'avatar di jeanne
    Citazione Originariamente scritto da Dory
    Ho sempre amato moltissimo la scuola fin da piccola, a differenza di tutti i miei coetanei, e mi sono approcciata a tutto quello che ci facevano studiare sempre con spirito critico, sia sui contenuti che sui metodi di insegnamento. Crescendo ho però capito una cosa, che ciò che all'epoca mi sembrava noioso e inutile in realtà non lo era, serviva a due cose fondamentali: a sviluppare la memoria e ad assumere una certa disciplina.
    Avendo avuto a che fare per motivi di lavoro con ragazzi di elementari e medie, mi sono resa conto che i ragazzi di oggi hanno da scarse a scarsissime capacità logiche, niente memoria e zero disciplina. Rendere tutto troppo semplice non è un vantaggio, non è risparmiare tempo per fare altro di più interessante... ma poi, di tutto questo tempo i ragazzi che se ne fanno? Lo passano davanti al computer o ai videogiochi, o peggio.
    Cara Dory, mi trovi assolutamente in sintonia con le tue parole. Quello che mi ha fatto riflettere nel libro che ho letto e'stato l'assurdita' di certe regole o non regole della mia ortografia che non si basano ne' sull'etimologia ne' sulla fonetica, e la riforma proposta vorrebbe solo abolire l'accento circonflesso ed alcune consonanti doppie. Anche queste piccole modifiche mi sconvolgono! ma mi sono resa conto, leggendo il libro, del valore degli argomenti enunciati e percio' vorrei rifletterci e non essere troppo chiusa alla novita' anche se molto scioccante per me. Poi non e' detto che si faccia la riforma. E perche' mai tutti noi con piu' di 40 anni scriviamo senza errori, mi domando??? non sono meno intelligenti quelli piu' giovani, ovvio! e' purtroppo cambiato il metodo di insegnamento della lettura e della scrittura: odiato metodo globale, visti i risultati!!! e sono diminuite in modo drastico le ore di grammatica e di ortografia-dettato a scuola ... siccome ora scrivono malissimo tantissimi francesi, si deve trovare una soluzione ... il libro e' molto specifico, parla unicamente del problema dell'ortografia francese, molto particolare e complessa. sto leggendo con grande interesse Togliamo il disturbo che mi trova d'accordo su tantissimi punti essendo anch'io a contatto con gli studenti. Ti ringrazio per avere espresso il tuo pensiero qui e spero che continueremo a scambiarci pareri.