Benvenuti nel forumlibri
la community dei lettori italiani cultura e letteratura


Benvenuti nella community degli amanti dei libri, della letteratura e cultura. In forumlibri si discute di:
 » libri, arte, cultura, letteratura e Bellezza
 » cinema: recensioni di film e registi;
 » salotto letterario: letteratura, case editrici, nuovi autori, etc;
 » sociale: trova nuovi amici e nuovi contatti.

iscriviti R E G I S T R A T I al forumlibri

Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni del forumlibri e la navigazione sarà più veloce. Per comunicazioni, commenti o altro: info@forumlibri.com

    Buona navigazione!

copertina libro

Dei delitti e delle pene

Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Beccaria, Cesare - Dei delitti e delle pene

  1. #1
    Reef Member
    Data registrazione
    Feb 2009
    Località
    Fondi... ma non troppo
    Messaggi
    4249
    Inserimenti nel blog
    19
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    4
    Thanked in
    4 Posts

    Predefinito Beccaria, Cesare - Dei delitti e delle pene

    E' abbastanza difficile per me scrivere una recensione su questo libro, ma ci provo, speriamo bene... o non troppo male...

    Di questo libro, scritto nel 1763, si dice che gettò le basi della moderna legislazione penale. Si dice anche che fu stampato anonimo nel 1764 e che vendette moltissime copie. L'autore vi concentra idee di stampo illuminista, che circolavano all'epoca soprattutto in Francia, sulla società e sulla coscienza civile.
    Riprendendo concetti già esposti da alcuni filosofi, quali Voltaire, Hobbes, Locke e soprattutto Rousseau, partendo proprio dal concetto di "contratto sociale", prosegue con la trattazione per linee generali dell'origine e dello scopo delle pene, esaminando poi quelle relative ad una serie di reati e affrontando tematiche molto importanti e fondamentali, allora come oggi, quali la tortura e la pena di morte.
    Il libro è scritto in modo abbastanza semplice e scorrevole, spesso sorprendente per la profondità, la lungimiranza e soprattutto per la sua umanità. Quello che mi ha maggiormente colpito sono i passi, di un'attualità sconcertante, in cui parla dell' importanza della 'certezza della pena': "uno dei più grandi freni dei delitti non è la crudeltà della pena ma l'infallibilità di essa".
    Notevole anche la parte in cui parla di come prevenire i delitti e dell'importanza dell'educazione.

  2. The Following User Says Thank You to Dory For This Useful Post:


  3. 1.5 ADS
    ADV Bot
    Esperto banner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

  • #2
    Junior Member
    Data registrazione
    Apr 2011
    Messaggi
    8
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Concordo con la recensione.
    L'edizione che ho letto io del 1955 contiene una prefazione di Piero Calamandrei che aiuta a comprenderne tutti gli aspetti.

  • #3
    da sudovest
    Data registrazione
    Oct 2009
    Località
    Terra Lat. 41°54´N; Long. 12°29´E
    Messaggi
    1880
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    0
    Thanked in
    0 Posts

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Esotomia Vedi messaggio
    Concordo con la recensione.
    L'edizione che ho letto io del 1955 contiene una prefazione di Piero Calamandrei che aiuta a comprenderne tutti gli aspetti.
    Bella Dory-recensione anche secondo me. Ho anche io quella storica edizione. Probabilmente la prefazione di Calamandrei è reperibile anche in rete. Se la trovo metto il link.

  • #4
    e invece no
    Data registrazione
    Nov 2009
    Località
    Savignano sul Rubicone
    Messaggi
    411
    Inserimenti nel blog
    16
    Thanks Thanks Given 
    0
    Thanks Thanks Received 
    3
    Thanked in
    3 Posts

    Predefinito

    Mi è piaciuto leggere i capitoli sulle accuse segrete, sulla pena di morte, a cui ha dedicato molta attenzione, e anche su come si prevengono i delitti.
    Il risultato di un altro punto di vista che si scontra fortemente con l'ambiente conservatore della metà del Settecento si sente chiaramente, una voce che parla forte e che invita le monarchie a riprendere in mano il proprio sistema giuridico per rivoluzionarlo (cosa che da principio, sembra impossibile anche solo da immaginare).
    Il libro è stato scritto circa tre secoli fa, ma il contesto e l'intenzione di voler rispondere ai problemi che la propria società presenta, lo rendono un testo adattabile ad ogni epoca: un atteggiamento che invece col tempo va perdendosi.
    Da parte del Beccaria c'è stato questo coraggio: anche se poi il successo gli diede alla testa, ha scritto ragionamenti, alcuni anche scontati oggi per noi, che fecero colpo al suo pubblico: vere soluzioni alternative che pretendono un governo migliore.

  • #5
    Senior Member
    Data registrazione
    Jan 2014
    Località
    Cerro Maggiore
    Messaggi
    206
    Thanks Thanks Given 
    7
    Thanks Thanks Received 
    12
    Thanked in
    8 Posts

    Predefinito I capisaldi del sistema giudiziario moderno

    Mi chiedo cosa potessero pensare quasi tre secoli fa, i legislatori che si trovarono per mano ques'opera che è il fondamento di qualunque sistema giudiziario contemporaneo. Fondamento sia nella sostanza in quanto è facile ritrovare le stesse linee guide che hanno condotto alle leggi che bene o male tutti conosciamo, e fondamento ideale per quegli aspetti che sfortunatamente non sono ancora completamente compiuti. Penso all'abiura della tortura che sebbene sottotraccia ancora resiste sia presso alcuni elementi deviati delle forze dell'ordine. Ma anche nella lotta contro il terrorismo internazionale da parte di alcuni governi, come ammoniva anche Tiziano Terzani citandolo espressamente.
    E poi penso all'educazione e alla cultura, che già allora l'autore indicava come unico vero mezzo preventivo contro i reati cui oggi tuttavia non è evidentemente riconosciuta l'importanza che merita.
    La lettura di quest'opera è infine un valido antidoto alle smanie di facile giustizialismo di cui in misura più o meno grande tutti siamo vittime quando la cronaca nera porta alla luce le vicende più torbide e invariabilmente deprecabili.

  • The Following 2 Users Say Thank You to MadLuke For This Useful Post:



  • Discussioni simili

    1. Allen, Woody - Sogni e delitti
      Da calipso nel forum Piccola cineteca
      Risposte: 4
      Ultimo messaggio: 01-19-2013, 04:31 PM
    2. Risposte: 6
      Ultimo messaggio: 02-19-2010, 11:59 AM
    3. AA.VV. - Delitti DiVino
      Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 2
      Ultimo messaggio: 12-30-2008, 07:59 PM
    4. Jackson Braun, Lilian - Delitti siamesi
      Da Blueberry nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 3
      Ultimo messaggio: 11-12-2008, 12:31 PM
    5. Leoni, Giulio - I delitti della luce
      Da Dorylis nel forum Piccola biblioteca
      Risposte: 0
      Ultimo messaggio: 09-29-2007, 03:11 PM

    Regole di scrittura

    • Tu non puoi inviare nuove discussioni
    • Tu non puoi inviare risposte
    • Tu non puoi inviare allegati
    • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
    •